Scopri il mondo Touring

Alla Reggia di Caserta una mostra che omaggia Dante

La Divina Commedia raccontata dagli architetti

di 
Barbara Gallucci
21 Marzo 2018
Dona
Come immaginano l'inferno gli architetti? E il purgatorio? Il paradiso è davvero tale? Lo studio della Divina Commedia è un po' un purgatorio negli anni del liceo, ma innegabilmente lascia in eredità più di un'immagine indelebile. Decine gli artisti che hanno provato a mettere su tela gli spazi e le atmosfere del capolavoro dantesco, da Botticelli a Dalì.
 
Tra gli architetti il primo a cimentarsi fu Giuseppe Terragni che diede forma al suo immaginario attraverso il progretto mai costruito del Danteum a Roma. Un'esperienza che doveva essere spaziale oltre che spirituale.
 
 
Ora alla Reggia di Caserta (fino al 29 marzo) la mostra, curata da Luca Molinari e Chiara Ingrosso, Divina Sezione. L'architettura italiana per la Divina Commedia, coinvolge settanta architetti di generazioni diverse per raccontare la loro visione, le loro immagini e le loro suggestioni legate al grande poema allegorico.
 
Una sfida importante e probabilmente impegnativa che va ben oltre la mera narrazione degli episodi e degli ambienti danteschi e che impone un confronto diretto tra racconto e immagine, tra le allegorie del sommo poeta e il mondo contemporaneo.
 
 
Una periferia può essere un inferno? E la traversata del Mediterraneo su un canotto per scappare alle persecuzioni, alla guerra e alla povertà? Gli architetti dimostrano un'attenzione che non si limita a linee e dimensioni, ma riconquistano così quel ruolo sociale a loro ascritto. Una sfida a guardare lontano, a sbrigliare la fantasia, a liberare il pensiero. Proprio come fece Dante quasi sette secoli fa.
 
 
Ricordiamo che il Touring Club Italiano e la Reggia di Caserta hanno un rapporto particolare: sono infatti i Volontari Touring dell'iniziativa Aperti per Voi a tenere aperto il Teatro di Corte della Reggia, magnifico ambiente che non manca di entusiasmare i visitatori. Maggiori informazioni nella nostra notizia dedicata
 
Dona