Scopri il mondo Touring

Tutti a camminare (e a degustare) in 50 città italiane

Il 31 ottobre è la giornata del Trekking urbano

di 
Fabrizio Milanesi
22 Ottobre 2018
La Giornata nazionale del Trekking urbano vede coinvolte 17 regioni e 54 comuni in un'iniziativa che prevede decine di percorsi alla scoperta del patrimonio artistico e culturale del Belpaese un passo dopo l'altro. Quest'anno il filo conduttore degli itinerari urbani sarà il rapporto profondo tra cibo, paesaggi e arte. Da Trento a Lentini, da nord a sud, passando per le isole, seguendo le trame della nostra filiera agroalimentare si potranno seguire itinerari che conducono dai paesaggi rurali all’interno delle mura cittadine, a passo lento certo: "Cibo, arte e paesaggio" è la sottotraccia della manifestazione.
 
IL CIBO E LA STORIA, DA SIENA AL RESTO DELLA PENISOLA
L'elenco delle città coinvolte spazia dai piccoli centri urbani ai capoluoghi. Siena sarà uno dei crocevia principali, dove nacquero i tour del trekking urbano più di un decennio fa. Ogni volta sono proposti percorsi poco frequentati dal turismo tradizionale con anche soste in luoghi spesso chiusi al pubblico. Cibo come cultura gastronomica quindi, ma anche come chiave privilegiata per interpretare le vicende della società e del potere dal medioevo alla contemporaneità. 

Ecco l'elenco completo delle città partecipanti: Acqui Terme (Alessandria), Albisola* (Savona), Amelia* (Tr), Ancona, Arezzo, Asciano (Siena), Ascoli Piceno, Biella, Bologna, Cagliari, Catania, Ceglie Messapica (Brindisi), Comacchio* (Venezia), Conegliano (Treviso), Correggio (Reggio Emilia), Cosenza, Feltre (Belluno), Fermo, Follina (Treviso), Forlì, Giulianova (Teramo), Grosseto, Lentini (Siracusa) Lucca, Macerata, Mantova, Massa Marittima (Grosseto), Montalbano Jonico (Matera), Murlo (Siena), Napoli, Oderzo (Treviso), Padova, Palmanova* (Udine), Pavia, Perugia, Pistoia, Porto Tolle, Rieti, Rocca Imperiale (Cosenza), Rovigo, Salerno, San Giustino (Perugia), San Marco Argentano* (Cosenza), Siena, Spoleto, Tempio Pausania, Terracina (Latina), Treviso, Urbino, Valdobbiadene (Treviso), Vittorio Veneto (Treviso), Volpago del Montello* (Treviso). 
*novità edizione 2018
 
Una pausa "golosa" a Bologna
 
L'ESEMPIO DI UN TREKKING A PADOVA 
Per capire il senso di un trekking urbano, possiamo citare il caso di Padova, che mette al centro della giornata luoghi simbolici. Il Palazzo della Ragione sarà meta per indagare curiosità culinarie trecentesche, molte affrescate nei suoi saloni. Da qui si andrà sulle tracce dei luoghi millenari del commercio degli alimenti, come i mercati delle Erbe e della Frutta, per poi raggiungere Palazzo Zuckermann, tra utensili e corredi da cucina. Altre desinazioni in agenda sono il refettorio settecentesco del Collegio delle Dimesse e quello quattrocentesco di Santa Giustina. Infine si andrà dall'Orto Botanico, bene Unesco, al nuovo Giardino della Biodiversità per scoprire l’origine di alcune piante commestibili, la provenienza e le caratteristiche botaniche e nutrizionali di frutti e verdure. 
 
Padova, il palazzo della Ragione / foto Thinkstock
 
LE INIZIATIVE SOCIAL
In occasione della XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano, torna anche la campagna social lanciata dal Comune di Siena “Facce da Trekking”. Per partecipare basta farsi un selfie, postare e condividere le foto con l’hashtag #trekkingurbano2018 su Instagram. Un modo per vivere e condividere in libertà tutte le emozioni dei trekker.
 
Aggiornamenti e i contatti sono disponibili sul sito www.trekkingurbano.info.