Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • Decolla la Ciclovia del Sole: partiti i lavori per pedalare da Verona a Firenze

Dove si può già pedalare, i nuovi tratti e le ricadute economiche sul territorio

Decolla la Ciclovia del Sole: partiti i lavori per pedalare da Verona a Firenze

di 
Fabrizio Milanesi
18 Aprile 2019
 
Dal Brennero al lago di Garda e poi Mantova, Bologna, Pistoia e Firenze, in bicicletta e su una pista dedicata. Manca un anno alla realizzazione di un progetto che ancora sembra fantasioso, tanto è bello da immaginare. La Ciclovia del Sole sta prendendo forma. Alla fine di marzo sono iniziati i lavori per il completamento di una delle infrastrutture ciclabili più attese dalla comunità ciclistica e non solo: 670 km di strada (27 in Veneto, 127 in Lombardia, 360 Emilia Romagna e 156 in Toscana) che si inserisce in una delle più importanti ciclabili europee (Euro Velo 7 da Capo Nord a Malta per 7.400 km complessivi).

Attualmente nel territorio italiano è già stato realizzato il tratto che dal Brennero arriva a Mantova. E dal 30 marzo sono partiti i cantieri per terminare il tratto bolognese, 46 chilometri che dalla Lombardia porteranno al capoluogo emiliano in bicicletta. Di questi, 32 chilometri ricalcheranno il tracciato dismesso della ferrovia Bologna-Verona. Il costo dei lavori sarà di 5 milioni di euro, dopodiché la palla passerà alla Regione Toscana per completare il tratto fino a Firenze e finalmente vedere la nascita di una ciclovia per tutti, un’opera non solo per i ciclisti, ma per chi viaggia e chi soggiorna, chi giunge da lontano e chi è residente, chi va in bicicletta e chi a piedi, chi va veloce e chi va lento. 
 
Un paesaggio sul Brennero, l'inizio della Ciclovia del Sole / foto Getty Images
 
IL SEGRETO DI UNA CICLOVIA PER TUTTI? “L’INTERMODALITÀ”
Valter Ballarini è la persona giusta. Architetto, ciclista, esperto in studi di fattibilità nel settore turistico, ma soprattutto un vero appassionato del viaggiare in bicicletta. Si sta occupando - per Telos srl, società che ha preso in mano il piano di promozione e comunicazione del progetto, dopo aver vinto una gara indetta da Città metropolitana di Bologna - del coordinamento di tutti i sopralluoghi per il tratto intorno al capoluogo emiliano e ci ha raccontato quali sono stati i ragionamenti e gli snodi chiave per arrivare a definire il percorso della Ciclovia del Sole tra Emilia Romagna e Toscana.
 
“Stiamo lavorando ai materiali video prima della pubblicazione del sito ufficiale della ciclopista, ormai ci siamo” conferma Ballarini. “La soddisfazione è tanta perché tanto è stato il lavoro che ci ha permesso di tradurre un tracciato ideale in un percorso vero e proprio. In principio la Ciclovia disegnata da Fiab passava per Modena, Zocca, Vignato e via via fino a Pistoia, ma a farci deviare su Bologna è stato il concetto di intermodalità”.
 
- Puoi spiegarci cosa significa davvero intermodalità e quali vantaggi porta?
"È l’utilizzo combinato della bicicletta con treni, bus, o mezzi privati. Potersi muovere con questo “modo” permette l’accesso a molti più utenti che altrimenti non potrebbero affrontare tratti impegnativi oppure non vorrebbero imbattersi in faticose “andate e ritorno”. L’intermodalità permette infatti di essere prima turisti che ciclisti. In una gita “ad anello” si moltiplicano i luoghi di visita, le occasioni di incontro, le offerte del territorio”.
 
- Per la Ciclovia del Sole come si è tradotto questo approccio?
"Nel massimo sfruttamento di un’occasione. Una occasione ce l’ha offerta il corridoio tra Verona e Firenze, attraversato ogni giorno da molti treni. Sono 320 km di intrecci ferroviari. E mentre la Pistoia-Porretta Terme è già una tratta storica valorizzata e funzionante, sono appena iniziati i lavori di ristrutturazione sul sedime della vecchia e inutilizzata Verona-Bologna".
 
- Quanto e cosa manca per vedere completato il progetto?
"In un anno dovremmo poter viaggiare tra Verona e Firenze. Quello di cui abbiamo più bisogno è un lavoro coordinato delle amministrazioni e del management delle ferrovie. I primi dovrebbero armonizzare la segnaletica per non interrompere troppo il “flusso” dei cicloturisti con vie secondarie. I secondi potrebbero pensare a una normativa unica per il trasporto delle biciclette sui convogli. A oggi ogni regione fa da sé. Una ciclovia si dimostrerebbe così un grande esempio di condivisione e promozione del territorio".
 
Valter Ballarini in un sopralluogo sulla diga di Suviana, nell'Appennino bolognese 
 
LA CICLOVIA DEL SOLE, IL PERCORSO COMPLETO
Nella sua totalità la Ciclopista del Sole (CPS), come è stata pensata da FIAB, dovrebbe essere un itinerario cicloturistico dalla lunghezza di 3.000 km. Presentato per la prima volta nel 1991 al “VeloCity” di Milano, nelle intenzioni dei suoi membri vorrebbe collegare tutto il Paese dal Brennero alla Sicilia, Sardegna compresa. L’obiettivo di questo progetto è infatti di raccordare le varie infrastrutture per permettere di percorrere in bicicletta ed avere davanti a sé centinaia e centinaia di chilometri di pista ciclabile su cui pedalare in sicurezza per qualche ora come per giorni e giorni. Sul percorso principale difficoltà tecniche non ce ne sono. Solo la variante a Merano prevede il passaggio lungo i tornanti del passo di Monte Giovo tra Vipiteno e San Leonardo in Passiria.
 
Il tratto in costruzione tra Marzabotto e il Pian di Vendola
 
DOVE SI PUÒ GIÀ PEDALARE
Attualmente in territorio italiano è già realizzato il tratto che dal Brennero arriva a Mantova. Si può imboccare la ciclopista anche al confine di Dobbiaco per proseguire sui margini dell’Isarco fino a Bolzano. Ora è l’Adige a tracciare la via ciclabile fino a Trento, Borghetto per poi transitare in Veneto. Tappa a Peschiera del Garda, prima di pedalare sulla storica ciclovia Peschiera-Mantova che conduce in terra lombarda. Da qui si tocca Pozzolo e Andes, per proseguire fino alle rive del Po. Il completamento della Ciclovia che arriva fino a Bologna e poi a Firenze è quindi fondamentale perché nei prossimi anni il nostro territorio entri a far parte di una delle più importanti rotte europee del cicloturismo.
 
L'arrivo scenografico a Mantova / foto Getty Images 

COS’È IL SISTEMA ITALIANO DELLE CICLOVIE TURISTICHE
Il 22 gennaio scorso è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la versione definitiva del Decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti relativo alla “Progettazione e realizzazione di un sistema nazionale di ciclovie turistiche”. Il provvedimento è visto come un buonissimo punto di partenza dalla comunità ciclistica e dalle associazioni e istituzioni in prima linea per rendere l’Italia un Paese davvero ciclabile, attraversato da una rete di infrastrutture che possano attivare economie green e virtuose. Molto in verità era già stato messo nero su bianco dallo stesso ministero e dalla Conferenza Stato-Regioni con la stesura del documento programmatico “Connettere l’Italia”, che disegnava la strategia complessiva di programmazione dello sviluppo infrastrutturale e dei trasporti, individuando città chiave e poli turistici.
 
Oltre alla Ciclovia del Sole, il sistema nazionale prevede la realizzazione altri nove progetti: Ciclovia Ven-To da Venezia a Torino, Ciclovia dell’Acqua da Caposele (AV) a Santa Maria di Leuca (LE), Ciclovia GRAB Roma – Grande Raccordo Anulare delle Biciclette, Ciclovia del Garda, Ciclovia della Magna Grecia da Lagonegro (PZ) a Pachino (SR), Ciclovia della Sardegna, Ciclovia Adriatica da Lignano Sabbiadoro (UD) al Gargano, Ciclovia Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia, Ciclovia Tirrenica dal confine Francia-Italia a Roma.
 
Ci si muove nella fase attuativa forti di due atti legislativi. Il Decreto del 22 gennaio 2019 che ha messo in sicurezza i 362 milioni di euro stanziati nella Legge n. 208 del 2015, stabilendo anche le modalità con cui si dovrebbero realizzare gli interventi che saranno gestiti dalle Regioni e dalle Province autonome. Mentre lo scorso 29 novembre 2018 è stato emanato il Decreto del MIT “Progettazione e realizzazione di un sistema nazionale di ciclovie turistiche” che nel triennio 2016-19 vuole ripartire oltre 161 milioni di euro per le 10 ciclovie del Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche. Alla Ciclovia del Sole Verona-Firenze verranno assegnati circa 16 milioni di euro.
 
Inoltre per gli anni 2020-24 il Ministero procederà con un successivo decreto individuando per ciascuna ciclovia ulteriori progetti che rispondano ai criteri qualitativi previsti per complessivi 200 milioni di euro (40 milioni per ogni anno).
 
Monachino, verso Pistoia
 
UN NUOVO GRAND TOUR PER RILANCIARE L’ECONOMIA DEI TERRITORI
La Ciclovia del Sole non vuole essere soltanto una ambiziosa infrastruttura. Forse l'aspetto più volubile e interessante del progetto sta nelle ricadute economiche che potrebbe generare sui territori che vengono attraversati dal tracciato. I ciclisti e i loro accompagnatori si aspettano innanzitutto una comunità dell’accoglienza che fornirà servizi indispensabili come alloggi (bikehotel), ristorazione, assistenza a ciclisti e camminatori (noleggio, trasporto bagagli, officine, ricambi), intermodalità (in particolare treno + bici), accoglienza dedicata nei luoghi della cultura e nelle riserve naturali. Ma, allo stesso tempo, una comunità che sappia immergere il viandante nello spirito dei luoghi che attraversa, nelle loro tradizioni e aspirazioni, nel loro carico di umanità. Una comunità capace di un dialogo vero con chi, viaggiando lentamente, ha un genuino desiderio di scoprire i territori. Il ventaglio di possibilità professionali è amplissimo.
 
Perché è proprio da tale dialogo che i territori attraversati dalla Ciclovia possono trarre i giusti vantaggi anche in termini di sviluppo sociale ed economico. Stiamo parlando infatti non solo delle grandi città d’arte ma di territori a volte lontani dalle principali vie di comunicazione e dai grandi hub turistici: paesaggi fluviali poco noti, piccoli borghi carichi di storie, luoghi colpiti dal terremoto che stanno caparbiamente rinascendo, terre appenniniche. La Ciclovia deve essere una grande occasione anche per costruire nuove possibilità di occupazione. Un “ecosistema turistico”, un paesaggio naturale e culturale capace di infondere nuova linfa vitale nelle comunità, e un significativo miglioramento del sistema dei servizi. Un progetto fondamentale per il bene comune, che seguiremo chilometro dopo chilometro.
 
Bologna, snodo del percorso ciclabile verso Firenze / foto Getty Images
 
ARTICOLI CORRELATI
Leggi l'approfondimento sul nuovo sistema italiano di vie ciclabili, vai alla nostra news dedicata