Scopri il mondo Touring

Condividere un camper oggi è possibile: intervista a Dario Femiani, country manager Italia di Yescapa

Come funziona Yescapa, la più grande piattaforma di camper sharing in Europa

5 Settembre 2019

Sul nostro sito, come molti di voi sanno, parliamo spesso di camper e di turismo itinerante. Un tema che ci sta molto a cuore, tant'è vero che il Touring è da anni presente con uno stand al Salone del Camper di Parma (quest'anno il 14-22 settembre 2019). Ci è sembrato così interessante incontrare Yescapa, la più grande piattaforma di camper sharing in Europa, fondata nel 2012, che permette la condivisione di camper, van e furgoni camperizzati tra privati. Dario Femiani - country manager Italia di Yescapa - ha risposto a tutte le nostre domande.
 
Come funziona Yescapa e quali sono i vantaggi? 
Yescapa è una piattaforma online (e app) che mette in contatto i proprietari di camper, van e furgoni camperizzati con i viaggiatori di tutto il mondo, proponendosi come intermediario di fiducia e assicurando una soluzione chiavi in mano per un viaggio in totale libertà e convenienza. In pratica i proprietari dei veicoli - camper mansardati, semintegrali, motorhome, van, furgoni camperizzati - possono inserire il proprio annuncio e impostare le proprie tariffe. Il giorno della partenza, proprietario e viaggiatore si incontrano per la consegna delle chiavi, l’ispezione del veicolo e la firma del contratto: a questo punto, il proprietario riceve il suo compenso e il viaggiatore si gode il suo road trip in totale serenità. Il tutto senza dimenticare la sicurezza: Yescapa verifica i documenti degli utenti e offre la migliore assicurazione camper multi-rischi per tutto il periodo del viaggio nonché un’Assistenza stradale 24/7 valida in tutta Europa.
 
Com’è stata accolta in Italia Yescapa dal suo lancio? 
Più che positivamente. Dal suo lancio contiamo già 10 mila utenti italiani e abbiamo registrato oltre 7 mila richieste di viaggio nel nostro Paese, che hanno generato quasi 1 milione di euro riversati nelle tasche dei nostri proprietari italiani attualmente iscritti su Yescapa. Siamo molto soddisfatti di questi primi risultati! Attualmente, in termini di coinvolgimento, la Sardegna è la regione che ha registrato il maggior tasso di partecipazione con la più alta concentrazione di veicoli (23%), seguita da Lombardia (18%) ed Emilia Romagna (13%). Tra le città dove sono disponibili la maggior parte dei veicoli, spiccano invece le zone intorno a Milano, Roma e Catania. Un successo che conferma il forte gradimento già ottenuto dalla piattaforma in ambito europeo, che conta una community di oltre 250mila utenti e offre la più grande flotta di veicoli ricreativi di privati in Europa: sono più di 100 i camper che ogni giorno si mettono in viaggio sulle strade europee grazie a Yescapa.
 
 
Quali sono le mete preferite dagli italiani e quali i mesi nei quali si spostano maggiormente?
Quasi la metà degli utenti italiani che hanno prenotato il camper su Yescapa viaggia tra i confini nazionali: Toscana, Piemonte e Sardegna tra gli itinerari più ambiti. Un 19% si muove verso il Portogallo e un 18% preferisce la Spagna. I mesi preferiti dagli italiani per viaggiare in camper sono senza dubbio quelli estivi, con un forte picco di prenotazioni nei mesi di luglio e agosto (60%) per viaggi della durata media di 15 giorni. Nei mesi invernali cambiano le modalità di viaggio: si privilegiano infatti gite fuori porta e on the road della durata media di 4 giorni, per weekend lunghi. Interessante è anche l’afflusso di arrivi in Italia da parte di stranieri che prenotano un camper su Yescapa (50% delle prenotazioni): i più amanti del nostro Paese sono i francesi, con il 19% delle prenotazioni di veicoli italiani, seguiti dagli spagnoli (17%) e dai tedeschi (8%). Segno di come la sharing economy in questo senso rappresenta un traino rilevante anche per il turismo incoming in Italia.
 
Quali sono i vantaggi per un proprietario di camper nel mettere in condivisione il proprio veicolo?
Il vantaggio per i proprietari di camper nell’utilizzare il nostro servizio è quello di condividere il proprio veicolo nei periodi di inutilizzo. Mediamente un camper resta fermo 295 giorni all’anno (si stima che venga utilizzato 70 giorni l'anno, ovvero circa il 20% del suo ciclo di vita), a fronte di un costo di mantenimento di 3.000€ (tra bollo, assicurazione, revisione, manutenzione varia e rimessaggio). Mettendo il proprio veicolo a disposizione di altri, si ha la possibilità di ottenere un guadagno tale da ammortizzare i costi di mantenimento e parte della spesa sostenuta per l’acquisto del veicolo. Il compenso medio di un proprietario è di circa 490 euro a settimana.
Yescapa quindi si presenta come la soluzione perfetta per quei proprietari che non utilizzando sempre il proprio camper decidono di ottenere un mini-reddito extra derivante dalla condivisione.
 
 
Il Touring, come ogni anno, partecipa al Salone del Camper di Parma. Ci sarete anche voi? 
Certo! Yescapa conferma per il secondo anno consecutivo la sua partecipazione al Salone del Camper di Parma. Per noi è senz’altro un’opportunità importante, che conferma il successo del nostro servizio anche in Italia. Se l’anno scorso il nostro obiettivo era presentare al grande pubblico i vantaggi e le opportunità della sharing economy applicata al turismo in libertà, quest’anno vorremmo consolidare la nostra presenza avviando delle collaborazioni con i concessionari. Nonostante il nostro servizio sia nato per i privati, il mercato italiano è quello in cui abbiamo riscontrato il maggior interesse anche da parte di agenzie di noleggio professionali. È per questo motivo che vogliamo dare spazio e visibilità ai concessionari che propongono camper a noleggio, in modo da soddisfare appieno gli alti volumi di richieste da parte di viaggiatori provenienti da tutto il mondo.
 
Il tema di quest’anno del Salone riguarda la sostenibilità ambientale. Qual è la posizione di Yescapa?
I viaggi in camper si sposano bene con i principi di sostenibilità e permettono di valorizzare nuove destinazioni fuori dai classici circuiti battuti dal turismo di massa. Questa edizione più green del salone di Parma non può che farci molto piacere. Il servizio proposto da Yescapa infatti rientra nell'ampio ventaglio della mobilità condivisa e crediamo fortemente che i valori di condivisione possano favorire lo sviluppo e la diffusione di un turismo più sostenibile.Basti pensare che in Italia vi sono oltre 230 mila veicoli immatricolati come autocaravan, dei quali il 74% ha più di 10 anni e il 18% più di 20 anni: ciò significa che il parco circolante di autocaravan “Euro 0” e “Euro 1” in Italia corrisponde al 31% dei camper circolanti (fonte APC). Uno dei propositi della mobilità condivisa è proprio la riduzione dell’impatto ambientale, contribuendo alla diminuzione del numero di veicoli circolanti su strada grazie alla condivisione nei periodi di inutilizzo. In più la prospettiva di poter cedere temporaneamente il proprio veicolo ad altri può incentivare il rinnovo dell’intero parco circolante. A tal proposito vorremmo proporre ai concessionari il camper sharing come nuova formula di auto-finanziamento per incentivare l’acquisto del nuovo. Potendo di fatto ammortizzare una parte sostenuta per l’acquisto in concessionario, più persone sarebbero propense ad acquistare un camper nuovo.
 
 
Quali sono le prospettive di sviluppo del camper sharing e quali gli obiettivi dell’azienda in particolare nel nostro Paese?
I progetti per il futuro sono ambiziosi: vogliamo che Yescapa diventi il punto di riferimento in Europa per i viaggi itineranti, un brand unico che offra soluzioni che facilitino l’accesso a tutti i tipi di veicoli ricreazionali per vivere esperienze di viaggio indimenticabili, ovunque in Europa. Negli ultimi anni abbiamo potuto consolidare la nostra presenza in Europa ed espanderci in altri paesi europei. Stiamo inoltre costruendo solide partnership con concessionari e allestitori di camper e furgoni camperizzati. Oltre ad allacciare partnership b2b con altri attori del settore, stiamo avviando anche nuove collaborazioni con gli attori locali e gli enti del turismo per sviluppare l’incoming del turismo in libertà. I numeri ottenuti mostrano infatti come il camper sharing possa contribuire in maniera sostenibile all’indotto economico locale generato dall’affluenza di viaggiatori e camperisti provenienti da tutto il mondo.
 
Info: yescapa.it.