Scopri il mondo Touring

Nei rifugi e nelle baite della Plose, bandita la plastica, tornano le borracce

Bottigliette di plastica in montagna? Bressanone dice basta

di 
Tino Mantarro
11 Settembre 2019
Dona
Nella vita ci sono alcuni piccoli piaceri che la rendono decisamente migliore. Bere da una fontanella durante una passeggiata in montagna è uno di questi. Specie se è una di quelle fontanelle di legno, ricavate da un tronco scavato, dove l’acqua non è mai semplicemente fresca, è gelida. E all’inizio dell’estate sgorga sempre abbondante e continua, che di norma uno di città si chiede perché non la chiudono, e uno di montagna lo guarda in modo strano, come se non sapesse quel che stai dicendo.

Una soddisfazione leggera, semplice, primordiale, come il gesto di unire le mani a coccio per bere, o quello di meno primordiale ma pur sempre soddisfacente di aprire la propria borraccia e riempirla. Perché se c’è una cosa che non ha davvero senso in montagna – ma anche altrove – è comprare una bottiglietta di plastica d’acqua. Bottiglietta che è arrivata in quella baita o in quel rifugio seguendo chissà quale percorso in camion, partendo magari da centinaia di chilometri di distanza e dovendo poi venir smaltita, quindi riportata a valle, questa volta a bordo di un camion della spazzatura. Una follia ecologica, ma anche logica.
 
 
Devono averlo pensata anche nel comprensorio della Plose, sopra Bressanone, in Alto Adige, dove baite e rifugi da agosto hanno deciso di lavorare in una unica direzione: basta plastica, acqua a chilometro zero. Da metà estate infatti nei rifugi non sono più disponibili le bottiglie d'acqua di plastica. L'azione dei gestori dei rifugi viene sostenuta dalla Bressanone Turismo Cooperativa e attuata in stretta collaborazione con la società Funivie Plose ed il Comune di Bressanone. Si tratta della prima area escursionistica della regione alpina a decidere quel che parrebbe ovvio: basta plastica, spazio a un consumo consapevole delle risorse che pur ci sono.
 
Per farlo, in collaborazione con Bressanone Turismo Cooperativa e la società Funivie Plose i gestori dei rifugi hanno lanciato la campagna “Refill”, ovvero una bottiglia di acciaio inossidabile disponibile nei vari locali della Plose (è in vendita a 9,90 €) come alternativa a quelle di plastica. Una bottiglia che si può riempire ad ogni fontanella e portare con sé ogni volta che si va in montagna o anche semplicemente ogni volta che si fa una passeggiata. Perché sono i piccoli gesti che cambiano il mondo, e questo è uno di quelli.
 
INFORMAZIONI 
Sito web www.brixen.org.
Dona