Scopri il mondo Touring

Da un censimento delle ambasciate nipponiche sono 40 i gioielli da curare in tutto il mondo

Arrivano dal Giappone i maestri per salvare i giardini del tè

di 
Fabrizio Milanesi
19 Ottobre 2017
L’erba del vicino è sempre più verde? In Giappone non ne sono ancora molto convinti. Sarà che il rispetto per l’altro è una delle pietre angolari dell’etica nipponica, sarà che lo zen non si impara sui libri e che la dedizione alla precisione è di casa, ora a muoversi in nome della tutela dei giardini giapponesi sparsi per il mondo è addirittura il ministero delle Terre, Infrastrutture, Trasporti e Turismo del Sol Levante.
 
Chiamatele truppe di terra, caschi verdi, sforbiciatori scelti. A loro è stato affidato il compito di dare una riordinata a ponticelli in bambù, lanterne in pietra, camminamenti sospesi e piccoli e grandi bonsai che compongono centinaia di giardini giapponesi minati dall’incuria straniera. A fare un censimento sono state le ambasciate nipponiche durante il 2016: tra oltre 500 giardini, 40 hanno urgente bisogno di mani esperte per non rischiare il deperimento.
 
Un giardino giapponese a San Francisco, in California
 
Il primo giardino giapponese realizzato fuori dai confini fu in occasione dell’Esposizione universale di Vienna del 1873. E dopo la Seconda Guerra Mondiale l'esportazione continuò coltivare rapporti con le diplomazie di mezzo mondo, in una vera “operazione garden”. Considerando che le comunità giapponesi nel mondo adorano vivere i loro giardini tradizionali anche come location di promozione turistica e culturale, la denuncia delle erbacce infestanti non è rimasta tra le dispute da condominio ed è ascesa ai piani alti del governo della madre patria.
 

Il Touring Club Italiano apre le porte di 74 luoghi d’arte

SCOPRILI TUTTI
 
La preparazione della cerimonia giapponese del tè
 
Si inizia da un giardino in Romania, poi sarà la volta della California. E chissà se si rivedranno nella realtà le lezioni nel giardino giapponese che il maestro Miagy impartiva al giovane discepolo californiano in Karate Kid (1984): “Daniel san, dai la cera… togli la cera".

ARTICOLI CORRELATI

Dai un aiuto concreto per valorizzare i tesori d’Italia 

DIVENTA SOCIO