Scopri il mondo Touring

Dal 13 al 30 giugno la quinta edizione del Festival dell'andare

Andare in Versilia, per un festival dedicato al viaggio

di 
Tino Mantarro
22 Maggio 2019
Estate tempo di vacanze, ma anche tempo di festival dedicati al viaggio. Apre la stagione la quinta edizione del Festival dell'Andare - a proposito di viaggi e viaggiatori che si tiene dal 13 al 30 Giugno tra Versilia e Riviera Apuana. Un festival particolare perché per una volta a organizzarlo non sono amministrazioni o associazioni, ma proprio chi con il turismo ha a che fare in prima persone, ovvero tre imprenditrici del settore turistico alberghiero: Laura Natali dell'Hotel Villa Undulna-Terme della Versilia, Sara Giannelli dell'Hotel Excelsior e Fiorenza Puccetti, dell'Hotel Nedy e Bagno Nettuno.
 
 
Un festival con pochi incontri, sei, ma sempre ricercati, ben pensati e pluridisciplinari, perché si parla di libri, ma si vedono anche film e si assiste a concerti, tutti accomunati dalla stessa propensione a raccontare il mondo qualche che sia la forma espressiva.
 
Si inizia giovedì 13 giugno con una serata dedicata alle storie di tango. Le note e le parole del poliedrico musicista Max De Aloe unite alla voce di Filomena Lupo accompagneranno i passi di danza in riva al mare di una coppia di tangueri al Bagno Nettuno di Marina di Carrara. Mentre domenica 16 giugno a Villa Bertelli di Forte dei Marmi dove il giornalista Rai Marco Hagge e lo scrittore Paolo Ciampi, parleranno della riscoperta dei cammini, del viaggio lento, della cultura del paesaggio e dei paesi.
 
Domenica 23 protagonista la musica d’autore con Marina Rei e Paolo Benvegnù uniti per la prima volta in un inedito binomio artistico presentato all’interno del parco delle Terme della Versilia – Hotel Villa Undulna.
 
 
E un evento che si chiama Festival dell’Andare non avrebbe senso se oltre ad ascoltare gli incontri non si facessero andare anche i piedi: per questo sono state pensate tre camminate (domenica 16, 23 e 30 giugno) per tutti i tipi di escursionisti, passeggiate in compagnie di guide come Piero Ciampi capaci di raccontare i territori che si attraversano e le loro storie.