Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • A Mestre e Venezia il Festival delle Idee: tanti ospiti per parlare di "emozioni collettive"

In vari luoghi delle due città dal 29 settembre al 23 ottobre

A Mestre e Venezia il Festival delle Idee: tanti ospiti per parlare di "emozioni collettive"

19 Settembre 2022
Gentilezza, gratitudine, empatia, fragilità, nostalgia. Sono le "emozioni collettive", scelte come le più significative per aiutarci a comprendere meglio il mondo contemporaneo, protagoniste della quarta edizione del “Festival delle idee”, grande evento in programma dal 29 settembre al 23 ottobre a Venezia e Mestre.

Come ci ricorda Umberto Galimberti: “Platone invita a privilegiare la mente razionale, capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni”. Ecco dunque come il festival vuole evidenziare il capitale umano delle emozioni, tessuto connettivo della nostra esistenza soprattutto in questo momento storico. Destinatari del messaggio soprattutto i giovani, ma in realtà gli ospiti invitati a parlare di sfera emotiva e di percezione del mondo sono pronti a richiamare un pubbico ampio e variegato, visti anche i tanti settori  e temi coinvolti: dalla cultura più leggera e pop fino all’eccellenza del pensiero, scandagliando il mondo dell’imprenditoria, della letteratura, della musica, dello sport e del cibo. Un'impostazione moderna e una contaminazione continua. 
 
Tanti i luoghi di Venezia e di Mestre che ospiteranno gli incontri, molti dei quali iconici: nel capoluogo il Teatro Malibran, le Sale Apollinee del Teatro La Fenice, l'Auditorium Santa Margherita dell'Università Ca’ Foscari, l'Aula Magna Tolentini dell'Università Iuav; a Mestre, il Polo M9, il Teatro Toniolo, il Padiglione Rama Ospedale dell’Angelo, la Corte Legrenzi - la piazzetta delle Idee -, laFeltrinelli.
 

Polo Museale M9 - Mestre - foto Alessandra Chemollo


Sale Apollinee del Teatro La Fenice, Venezia

GLI EVENTI DEL FESTIVAL DELLE IDEE
Rimandiamo al sito dedicato per scoprire tutti gli eventi in programma; qui citiamo qualcuno tra quelli più significativi: 
Albertino (29 settembre, Polo M9 di Mestre): icona della musica per la generazione anni ’80 e ’90, il racconto di una vita da “impresario dei sentimenti” sulla cresta delle onde radiofoniche, attraversata dal fil rouge delle emozioni;
Oscar Farinetti (29 settembre, Polo M9 di Mestre): fondatore di Eataly, l’imprenditoria come visione di un futuro in armonia tra uomo e natura, in cui i sognatori e i visionari cambieranno le sorti del mondo;
Brunello Cucinelli (30 settembre, Polo M9 di Mestre), stilista del Made in Italy d’eccellenza che ha conquistato il mondo, l’imprenditore filosofo del “capitalismo umanistico” che si ispira a Socrate e Kant; 
Vito Mancuso (3 ottobre, Auditorium Santa Margherita Ca’ Foscari a Venezia, 15 ottobre, Auditorium Padiglione Rama Ospedale dell’Angelo a Mestre): le emozioni come espressione del senso d’interiorità della nostra anima, mosse dalla medesima dinamica che muove cuore e polmoni, scontri e incontri che regolano la nostra quotidianità;
Enrico Galiano (6 ottobre), influencer "young adult", insegna alle nuove generazioni come riconquistare le emozioni e riscoprire il significato delle parole;
Mario Tozzi (13 ottobre, Teatro Toniolo di Mestre), la sensibilità e l’emotività per un equilibrio ambientale messo a rischio: Tozzi s’interroga e ci interroga sulla soglia sempre più decisiva su cui ci troviamo;​
- Ilaria Capua (15 ottobre, Auditorium Padiglione Rama Ospedale dell’Angelo a Mestre) sul tema Salute circolare: la salute del futuro, salute come fonte primaria del benessere, l’emozione di viverla e raccontarla in un pianeta che si sta trasformando a velocità vertiginosa.
- Arianna Fontana (19 ottobre, Sale Apollinee del Teatro La Fenice): le emozioni nello sport, gli stati d’animo che costruiscono un’impresa raccontati dalla sportiva italiana più medagliata di sempre ai Giochi Olimpici.

E ancora, Sveva Casati Modignani, Aldo Cazzullo, Regina Schrecker, Juan Gómez Jurado, Claudio Feltrin, Francesca Nieddu, Edoardo Albinati, Stefano Massini, Oscar di Montigny, Guido Barbujani, Francesco Costa, Gloria Campaner con Ilaria Gaspari, Fabio Bacà, Anna Sandri e Silvia Zanardi, Daniel Lumera con Emiliano Toso, Matteo Bussola, Gio Evan, Umberto Galimberti, Rupi Kaur, Roberto Battiston, Eleonora Gaggero. Previsti anche il monologo teatrale “Volevo solo fare il giornalista. La storia di Alessandro Bozzo”, scritto da Lucio Luca e interpretato da Salvo Piparo con le musiche di Michele Piccione, sulle drammatiche difficoltà dei giornalisti precari ispirate a una storia vera; e  “Torneremo ancora - Concerto mistico per Battiato”, il nuovo progetto di Simone Cristicchi e Amara.

La sezione “Viaggi in Poltrona” è la novità della IV edizione del Festival. Ideata e condotta da Angelo Pittro, approfondirà le tematiche emozionali legate al viaggio, raccontate e condivise da alcuni dei protagonisti del Festival, con uno sguardo anche al territorio veneto. Parteciperanno Oscar Farinetti, Brunello Cucinelli; Albertino, Aldo Cazzullo, Gloria Campaner con Ilaria Gaspari, Antonio Caprarica, Edoardo Albinati, Oscar di Montigny, Vito Mancuso.


Oscar Farinetti - foto Massimo Sestini​


Enrico Galiano - foto Yuma Martellanz
 
INFORMAZIONI
- Prevendite e prenotazioni sul sito www.festivalidee.it.
- Il Festival delle Idee, inserito tra i Grandi Eventi della Regione del Veneto, è patrocinato dalla Regione e dal Comune di Venezia, ideato da Marilisa Capuano per Associazione Futuro delle Idee, organizzato in collaborazione con M9. È inserito nel programma del progetto Capitale della Cultura d’impresa 2022 di Assindustria VenetoCentro e Confindustria Venezia Rovigo. È partecipato da Azienda Ulss3 Serenissima e Circuito Teatrale Regionale Arteven. Ha come partner Intesa Sanpaolo, Audible, Touring Club Italiano, CNA Venezia, Ca’ Foscari Alumni, Università Ca’ Foscari, Università IUAV, Fondazione Teatro La Fenice, Teatro Toniolo.  Alcuni eventi sono realizzati grazie al Bando del Comune di Venezia finanziato dal Ministero della Cultura. Gli incontri al Teatro Malibran e alle Sale Apollinee sono in collaborazione con Fondazione Teatro La Fenice di Venezia.