Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • Un’estate tutta da vivere nei borghi Bandiera Arancione: 15 borghi e 15 eventi da scoprire ad agosto

Dal Piemonte alla Sardegna, suggerimenti per vacanze e weekend

Un’estate tutta da vivere nei borghi Bandiera Arancione: 15 borghi e 15 eventi da scoprire ad agosto

27 Luglio 2022
Eventi culturali, manifestazioni enogastronomiche, rievocazioni legate alla storia e alle tradizioni locali, attività coinvolgenti... sono tante le iniziative previste quest’estate nelle località Bandiera Arancione. Con la campagna di comunicazione #EstateNeiBorghi, il Touring Club Italiano invita a vivere esperienze uniche nei borghi Bandiera Arancione, che tornano ad animarsi con numerose iniziative. 

La campagna ha l’obiettivo di raccogliere e promuovere le esperienze di viaggio all’insegna dell’autenticità, del benessere e dello svago che questi meravigliosi - e spesso ancora poco conosciuti - luoghi sanno offrire.
Ecco una selezione di appuntamenti da non perdere ad agosto! 

Scopri tutti gli eventi e le iniziative su benvenuto.bandierearancioni.it.
 
1. CISON DI VALMARINO (TV)  
Ai piedi delle Prealpi trevigiane, Cison di Valmarino è un paese ricco di bellezze storiche ed artistiche che si uniscono a una natura incontaminata da vivere con sentieri, percorsi di nordic walking e itinerari ciclabili e a cavallo. La zona è quella del vino Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG, da degustare e acquistare nelle varie cantine del territorio. Dal 6 al 15 agosto si svolge la rassegna Artigianato Vivo, con portici, cortili, piazzette che ospitano le botteghe e le bancarelle degli artigiani, con la possibilità di cimentarsi in laboratori e gustare i prodotti tipici.
 
 

2. MALCESINE (VR) 
Malcesine è un piccolo borgo medievale adagiato sulla riva orientale del lago di Garda, ai piedi del Monte Baldo, immerso in un contesto ambientale di pregio. Il suggestivo centro storico si può scoprire tra vie acciottolate e caratteristiche piazzette, animate da negozi, bar, ristoranti e bistrot con cucina tipica. Il lungolago è il luogo ideale per tranquille passeggiate da cui partire per scoprire le numerose spiaggette: ognuna ha una sua particolarità!  Malcesine offre molteplici possibilità per vivere il territorio: numerosissime attività outdoor, tra acqua e terra, e iniziative culturali, tra castelli e musei. Da non perdere una salita con la funivia Malcesine - Monte Baldo che con le sue caratteristiche cabine rotanti in pochi minuti arriva fino a quasi 1800 metri di quota, per godere di un panorama mozzafiato.
 
Il 27 agosto serata con intrattenimenti musicali tra le vie del centro storico, illuminate per l’occasione con le luci delle fiaccole che renderanno ancora più magica l'atmosfera della località. Verranno inoltre collocati dei pianoforti verticali decorati negli spazi più suggestivi del centro storico, a disposizione di chiunque vorrà lasciarsi coinvolgere dalla magia degli ottantotto tasti! Per l'occasione, il Castello Scaligero sarà visitabile anche dopo il tramonto fino alle ore 22:30.
 
 
 
3. MONTAGNANA (PD) 
Montagnana è situata a sud della pianura di Padova, vicino ai Colli Euganei. La località deve la sua fama internazionale alla celebre cinta muraria edificata tra il XII e il XIV secolo, ma i più antichi insediamenti sul territorio sono documentati da ritrovamenti archeologici che risalgono alla fine del IV, inizi del III millennio a.C.
 
Il primo weekend di settembre, quest’anno dal 2 al 4, si svolge il Palio dei 10 Comuni: una corsa tra le 10 comunità dell'antica "Sculdascia" montagnanese, che vede a confronto dieci fantini in una entusiasmante prova di abilità, forza ed intelligenza. Quest'anno il Palio sarà ricco di eventi: la cena medievale, esibizioni di musici, sbandieratori e rievocatori del Palio, il mercato medievale e antichi mestieri, la rievocazione storica dell'Incendio della Rocca e della Città, la Tenzone degli Arcieri, la sfilata del Corteo Storico.
 
 
 
4. CHIAVENNA (SO) 
Principale centro della valle omonima, Chiavenna è nota per le sue bellezze artistico-culturali, naturalistiche e per la sua tradizione gastronomica. Ricca di angoli incantevoli, è d'obbligo una passeggiata nel centro storico e l'attraversamento del ponte sul fiume Mera, che regala uno tra gli scorci più suggestivi della località. Non mancano le attività outdoor: per gli amanti del trekking, la Via Spluga è probabilmente il più importante itinerario storico-culturale da percorrere; mentre per chi ama la bicicletta c’è la ciclabile della Valchiavenna per un bel itinerario di cicloturismo.
 
Nell’abitato sono sparsi i tipici crotti, cavità naturali adibite a cantine per la stagionatura di vini e prodotti locali, spesso trasformati in particolari osterie, dove si possono gustare la tipica brisaola e il “violino di capra”. I due fine settimana del 3 e 4 e del 10 e 11 settembre torna protagonista uno degli eventi enogastronomici più attesi della località: la Sagra dei Crotti.
 
 
 
5. GROMO (BG) 
Gromo si estende sulla destra del fiume Serio, parte in piano e in parte sul costone montano, mantenendo nella parte alta dell’abitato il compatto tessuto medievale, con case in grossi blocchi di pietra, aperte da logge e balconate.  Immerso nel suggestivo paesaggio montano delle Orobie, tra pascoli incontaminati, acque limpide e alte vette, è possibile intraprendere varie escursioni.
 
Tra gli eventi estivi, segnaliamo la Giornata Campanaria, il 13 agosto: alla scoperta delle campane e del loro impiego nelle varie celebrazioni. Al termine, possibilità di suonarle dal vivo! Sempre il 13 agosto si svolge anche un evento enogastronomico nel centro storico, “Léstrabù e Festa del Gin” con mercatini, aperitivo e cena a base di prodotti tipici.
 
 
 
6. CASTELLARO LAGUSELLO (MN) 
Frazione del Comune di Monzambano, Castellaro Lagusello è un piccolo borgo raccolto e silenzioso compreso all’interno dell’antica cinta muraria e si specchia su un suggestivo laghetto morenico a forma di cuore (il lagusello), oggi riserva naturale protetta. Il centro storico è caratterizzato da vicoletti pavimentati in pietra di fiume, su cui affacciano case costruite con i sassi a vista. Dalla sommità della Torre Campanaria si può ammirare il borgo circondato dal paesaggio naturalistico delle colline moreniche del Garda e il caratteristico laghetto, aperta da aprile a ottobre è anche sede di un circuito di mostre di arte contemporanea.
 
All’interno della rassegna musicale estiva "Festival dei Colli Morenici", appuntamento a Castellaro Lagusello il 14 agosto con il “Gran galà lirico” in piazza Castello.
 
 
 
7. MONCALVO (AT) 
Antichissimo borgo di origine romana situato nel cuore del Monferrato, raccolto nella cinta muraria e circondato dai torrioni. La località è nota per le eccellenze enogastronomiche: vanta prodotti De.Co, il Barbera d'Asti DOCG, il Barbera del Monferrato DOC e il Grignolino d'Asti DOC. Spiccano anche la carne di Bue Grasso, il tartufo bianco, gli agnolotti, i salumi, i formaggi di capra, le grissie e i grissini, l'olio e i dolci tipici.
 
Grazie alla rassegna musicale che si svolge dal 6 al 28 agosto, cittadini e visitatori potranno ascoltare piacevoli concerti nei luoghi più suggestivi della località.
 
 
 
8. LIMONE PIEMONTE (CN) 
Nota località turistica che si adagia in un anfiteatro naturale circondato da verdi valloni, è immersa in un contesto paesaggistico di pregio e offre tantissime occasioni di praticare sport. Qui la bellezza della montagna incontra storia e tradizione. Siamo in provincia di Cuneo, sul confine con la Francia, in un borgo medievale a 1000 metri di altitudine. Conosciuta come la regina delle Alpi marittime, in estate è un vero e proprio gioiello che regala spazi infiniti e incontaminati.
 
Domenica 28 agosto, si svolgerà la tradizionale festa in costume dell’Abaiya, che rievoca, tra storia e leggenda popolare, la cacciata dei Saraceni dalla valle Vermenagna: corteo e processione religiosa, canti e balli popolari, per giungere al momento più atteso, l’investitura degli Abbà, un tempo i governanti del luogo.
 
 
 
9. BAGNO DI ROMAGNA (FC)
L’acqua calda delle sorgenti è stata la matrice fondativa di Bagno di Romagna, nella Valle del Savio. L’influenza fiorentina è evidente nei monumenti come il palazzo del Capitano, costruito nel XIV secolo, oggi polo culturale, e nei palazzi della piccola nobiltà locale. Da segnalare la foresta della Lama, un ambiente di primitiva bellezza, parte integrante del Parco nazionale di Campigna, del Falterona e delle Foreste casentinesi. Scoprire la natura e le sue bellezze è uno dei motivi per visitare questa località e il suo territorio. Tante le occasioni di scoperta, i sentieri e le possibilità di attività all'aria aperta per mantenersi in forma o rilassarsi.
 
Dal 26 al 28 agosto da non perdere la festa dedicata alla salute e al benessere, la Notte Celeste: in programma tanti eventi per grandi e piccini, escursioni al bosco del benessere, attività per bambini, concerti, sfilate, animazione, centri termali aperti vi attendono in un territorio che è da sempre un'eccellenza per quanto riguarda il benessere termale e il wellness.
 
 
 
10. PREMILCUORE (FC) 
Fiorentina dalla fine del Trecento, ma geograficamente esposta alle mire dei potentati padani, Premilcuore è una piccola località immersa nel cuore della Romagna. Il centro storico è stretto nel perimetro del castello, ubicato su un’ansa del fiume Rabbi. Nel tessuto edilizio del borgo s’intravedono ancora, nonostante i rimaneggiamenti del tempo, tratti di cortine murate, alte torri, porte, merli e beccatelli. Premilcuore è la “porta” del Parco Nazionale delle Foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna e presenta un’ottima rete sentieristica.
 
Il 14 agosto torna la Sagra del Tortello alla Lastra, un piatto semplice e povero ma davvero gustoso per il palato.
 
 
 
11. SARSINA (FC) 
Sarsina sorge all’interno della Valle del Savio, in un territorio che racchiude foreste secolari, boschi, valli solitarie, monti e laghetti. Ha una storia che risale al VI secolo a.C. testimoniata all’interno del Museo Archeologico Nazionale, uno dei più importanti dell’Italia settentrionale. Qui nacque il grande poeta e commediografo Tito Maccio Plauto, di cui si può ammirare la casa natale. Per gli escursionisti, da non perdere il "Cammino di San Vicinio" che si sviluppa su un itinerario circolare di quasi 350 chilometri, partendo proprio da Sarsina, tra le provincie di Forlì-Cesena, Arezzo e Rimini, attraversando ambienti naturali unici e suggestivi e toccando anche importanti “luoghi dello spirito”. 
 
Fino al 18 agosto la località sarà animata dal "Plautus Festival", uno dei festival di prosa più importanti d'Italia che si svolge dal 1956 a Sarsina, un ciclo di rappresentazioni teatrali estive per ricordare il grande commediografo: oltre ad opere di autori di teatro considerati “classici”, vengono proposte le commedie di Plauto che, per la ricchezza espressiva del dialogo, il carattere dei personaggi e la comicità delle situazioni, continuano a divertire anche dopo duemila anni.
 
 
 
12. ANGHIARI (AR) 
Alta, su uno sperone della Valtiberina Toscana, Anghiari mostra il suo passato nell’impianto urbano, nelle case medievali e nei palazzi rinascimentali affacciati sui ripidi vicoli e rampe gradonate. Il nome della località evoca subito la celebre battaglia, che nel 1440 i fiorentini vinsero sulle milizie viscontee e che fu oggetto del misterioso affresco di Leonardo. Da segnalare il Museo della Battaglia e delle armi Anghiaresi che permette di approfondire l'evento legato alla storia del luogo. A qualche minuto di strada da Anghiari troviamo una zona di particolare interesse naturalistico e storico: i Monti Rognosi. Ora riserva naturale proprio per la sua originale conformazione geologica, il Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara è uno dei più particolari e suggestivi della Valtiberina Toscana e si può vivere e visitare in molti modi piacevoli: a piedi, in bicicletta e a cavallo.
 
Dal 10 al 19 agosto, al Castello di Sorci, si tiene “Tovaglia a Quadri”, la “cena toscana con una storia da raccontare in quattro portate”. Un evento fortemente identitario che coinvolge tutti gli abitanti di Anghiari, poiché raccoglie le memorie di tutti e le confronta con garbo e ironia. Tutto questo accade mentre il pubblico cena (sopra le famose tovaglie a quadri della storica manifattura anghiarese) e gli attori-abitanti raccontano affacciati a porte e finestre.
 
 
 
13. STAFFOLO (AN)
Denominato il “balcone della Vallesina” per l’impareggiabile panorama, Staffolo è situato su un colle in posizione intermedia tra il mare Adriatico e le montagne. Sulla cinta muraria che conserva l’aspetto originario, spicca il torrione semicircolare detto dell’Albornoz. In alcuni ambienti ricavati dalla cinta muraria, è ospitato il museo del Vino e dell’Arte contadina con annessa Enoteca, dove poter degustare e acquistare i migliori vini prodotti nel territorio, tra cui il più tipico è il Verdicchio.
 
Il vino ha fatto guadagnare al paese il nome di “Colle del Verdicchio” ed è al centro di numerose manifestazioni, tra cui la Festa del Verdicchio che quest’anno si svolge dal 18 al 21 agosto!
 
 
 
14. FOSSANOVA (LT) 
Frazione del Comune di Priverno, Fossanova è un incantevole borgo medievale. Il paese è racchiuso nella suggestiva cornice della celebre e splendida Abbazia cistercense di S. Maria, fondata dai monaci benedettini nel IX secolo. Gli antichi edifici che fanno da corona al complesso monastico si integrano in modo armonico, ospitando al loro interno spazi per lo svolgimento di eventi culturali, tipiche botteghe artigianali e punti di ristoro.
 
Dall’ 11 al 13 agosto tre giorni intensi di esibizioni, duelli, spettacoli e musica con la festa medievale, rievocazione storica di balli e tradizioni dell’epoca accompagnate da sapori antichi.
 
 
 
15. TEMPIO PAUSANIA (SS) 
Storica cittadina di fondazione romana, sorge nel cuore della Gallura su un altopiano granitico fitto di sughere e vigneti, cui fanno da sfondo le cime del monte Limbara. Immersa nel verde, Tempio Pausania è poco lontana da alcune rinomate località della costa. Il centro storico, tipico e vivace, affascina con la splendida pietra granitica grigia tipica del luogo. Circondata da palazzi settecenteschi, piazza Faber si distingue per la ragnatela colorata, installazione dell’architetto Renzo Piano, amico intimo di Fabrizio De Andrè che a Tempio aveva deciso di vivere, nella campagna dell'Agnata. Da uve pregiate si ottengono i Vermentini di Gallura DOCG, l’ottimo Moscato di Tempio DOC e l’intenso Karana Nebbiolo IGT dei Colli del Limbara. Diffusa anche la lavorazione del sughero.
 
Il Festival internazionale del Mirto, dedicato all’enogastronomia e all’artigianato, il 10 agosto fa tappa a Nuchis, frazione di Tempio Pausania.