Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • Riapre Palazzo Borromeo a Roma. Con una mostra su arte e design contemporanei

I soci Volontari Touring tornano ad accogliere nell’Ambasciata Italiana presso la Santa Sede. Ecco le modalità per la visita

Riapre Palazzo Borromeo a Roma. Con una mostra su arte e design contemporanei

30 Aprile 2021
Con il ritorno di molte regioni italiane in "zona gialla", anche i soci Volontari Touring dell'iniziativa Aperti per Voi tornano ad accogliere i visitatori in molti siti italiani (l'elenco completo è su questa pagina). È il caso anche di Palazzo Borromeo a Roma, luogo Aperti per Voi dal 2017, che con la nuova riapertura propone anche una bella novità.

Palazzo Borromeo, situato lungo la via Flaminia a poca distanza da Porta del Popolo e dall’omonima piazza, ha una storia del tutto particolare. Innanzitutto perché affonda le sue radici nel Rinascimento italiano: papa Pio IV (al secolo Gian Angelo Medici) nel 1561 fece costruire una villa monumentale accanto a un'altrettanto monumentale fontana realizzata pochi anni prima da papa Giulio III. Il palazzo fu poi donato alla famiglia Borromeo, da cui prende il nome, e in seguito trasmesso in eredità alla famiglia Colonna. Ma la storia aveva in serbo altre sorprese per il palazzo, che nel 1929 fu acquistato dal Governo Italiano al fine di ospitarvi la sua rappresentanza diplomatica presso la Santa Sede. Si tratta peraltro dell'unico caso di una sede diplomatica distaccata sul territorio dello stesso Paese che rappresenta. 
 
Palazzo Borromeo, sede dell'Ambasciata italiana in Vaticano, a Roma
 
La visita al palazzo, prevista una volta al mese grazie anche all'accoglienza dei Volontari Touring (la prima è il 14 maggio), è quindi un'occasione per ammirare arredi e spazi di una struttura storica. Ma c'è un'importante novità: è stata da poco allestita la mostra “Contemporanei a Palazzo Borromeo. Arte e design nell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede”, un progetto che trae ispirazione da quanto già attuato negli ultimi anni nel Palazzo del Quirinale su impulso del Presidente Sergio Mattarella.

Gli interni, il chiostro e i giardini sono così stati arricchiti da opere d’arte di grandi artisti italiani contemporanei che si aggiungono alle opere di maestri della tradizione. Gli interni, in particolare, sono punteggiati da esempi dell’eccellenza del design italiano degli ultimi settant’anni, capace di inserirsi armoniosamente negli arredi esistenti e di migliorare allo stesso tempo gli aspetti funzionali di varie sale. "L'iniziativa in fondo vuole unire due dimensioni della promozione del nostro Paese: quella culturale, poiché intende dare il senso della forte continuità e del primato della tradizione artistica italiana con le espressioni culturali contemporanee, e quella economica, con l’obiettivo di dare ulteriore visibilità ad artisti e designers, peraltro già conosciutissimi a livello internazionale, ma anche a nostre aziende e manifatture straordinarie, nello spirito di contribuire ad accrescere la loro presenza nei mercati esteri e a rappresentare nel mondo il meglio dell’arte e dell’eccellenza italiana" ha dichiarato l'ambasciatore Pietro Sebastiani.


Emilio Isgrò, Occhio Falcon (Paradiso, canto decimottavo) - Palazzo Borromeo, Roma


Davide Rivalta, Rinoceronte n.2 - Palazzo Borromeo, Roma
 
La mostra, promossa dall’ambasciatore e realizzata con il contributo della Banca del Fucino e del MAECI, è stata curata dall’architetto Cristina Mazzantini. Le 15 opere d’arte sono state realizzate da Mario Ceroli, Pietro Consagra, Giuseppe Ducrot, Maria Cristina Finucci, Franca Ghitti, Emilio Isgrò, Massimo Listri, Michelangelo Pistoletto, Arnaldo Pomodoro, Davide Rivalta; i 10 oggetti di design prodotti da aziende italiane (soprattutto lampade e mobili) sono frutto della creatività di Francesco Binfaré, Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Antonio Citterio, Michele De Lucchi, Davide Groppi, Vico Magistretti, Angelo Mangiarotti, Andrea Parisio, Gio Ponti, Ettore Sottsass. La visita, dunque, è un'ottima occasione non solo per scoprire un altro tassello della storia romana, ma anche per ammirare oggetti e opere d'arte che rendono orgogliosa l'Italia nel mondo.


Francesco Binfaré, divano Essential, Edra - Palazzo Borromeo, Roma


Gio Ponti, lampade da terra Pirellone, FontanaArte - Palazzo Borromeo, Roma
 
INFORMAZIONI
- Palazzo Borromeo, Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede - Viale delle Belle Arti 2, Roma
- Visite solo su prenotazione, ogni secondo venerdì del mese, alle ore 10 e alle ore 12
Prossime visite:
- 14 maggio - spazi esauriti
- 11 giugno, con prenotazione a ProntoTouring (tel. 02.8526266, 9-13) a partire dal 31 maggio; 
- 9 luglio, con prenotazione a ProntoTouring (tel. 02.8526266, 9-13) a partire dal 28 giugno.