Scopri il mondo Touring

A cavallo tra le contrade del Nicchio e di Valdimontone, San Raimondo al Refugio è una delle poche strutture barocche della città

A Siena, una preziosa chiesa aperta grazie ai Volontari Touring

di 
Tino Mantarro
16 Gennaio 2019
I senesi sono gente orgogliosa. Ovviamente della loro contrada, in primis; ma anche, e tanto, della loro città. «In questi anni c’è stata una grande meraviglia e grande riconoscenza da parte dei senesi per l’apertura della chiesa di San Raimondo al Refugio» spiega Andrea Tigli, coordinatore di Aperti per voi a Siena. Una chiesa, che si trova in zona Sud, vicino a porta Romana, tristemente chiusa da decenni, anni in cui è stata utilizzata come deposito di oggetti di culto. E oggi, grazie ai Volontari Touring, tornata aperta in maniera continuativa.

«È una delle poche chiese barocche in una città sostanzialmente gotica, voluta dalla famiglia Chigi e supervisionata da Papa Alessandro VII che chiamò l’architetto senese Benedetto Giovannelli per la realizzazione dell’imponente facciata marmorea» spiega Tigli. Da 25 anni la chiesa era completamente inaccessibile.
 
 
«Quando è stata ristrutturata e restaurata dalla Fondazione Conservatori Riuniti di Siena, si cercava qualcuno che potesse renderla fruibile e così abbiamo deciso di fare una chiamata per trovare dei volontari in città disposti a donare qualche mattina per la cultura» prosegue Tigli.

«In meno di quattro anni – siamo aperti dal 2015 – San Raimondo è stata visitata da 12mila persone, che hanno sfruttato le due mattine di apertura settimanale (mercoledì e sabato dalle 9.30 alle 13), garantiti da una dozzina di Volontari Touring nell'ambito della iniziativa Aperti per Voi» racconta. «Potrebbe non sembrare un numero elevato, considerato quanti turisti vengono in città, però qui siamo un po’ periferici, e comunque essendo stata chiusa per così tanto tempo non rientrava nei normali percorsi di visita cittadini» spiega.
 
 
Un problema cui di recente si è trovata una soluzione inserendo la chiesa di San Raimondo in un itinerario turistico attraverso le contrade. «Ci troviamo a cavallo tra la contrada del Nicchio e la Valdimontone: così siamo stati inseriti in un percorso dedicato al barocco che parte dalla chiesa del Nicchio e finisce all’oratorio di Valdimontone».

Ma se i turisti arriveranno, l’apertura di San Raimondo ha fatto felice soprattutto i senesi. «Tanta gente che abita in questa zona non l’aveva mai vista aperta, per cui per loro è stata una gran sorpresa poter entrare da quella porta e veder l’altare principale, dedicato a San Raimondo da Peñafort, la Madonna marmorea di Domenico di Bartolo, e tutte le opere che fanno parte del repertorio di arte senese dei primi due decenni del Seicento, tra cui gli ex voto, i messali, i paliotti e i reliquiari» racconta. «Perché vedere che la città viene curata è un motivo di orgoglio per tutti. E, ovviamente, lo è anche per noi Volontari Touring che siamo davvero soddisfatti di poter dare il nostro contributo per far conoscere la bellezza di Siena».
 
COME SOSTENERE APERTI PER VOI
Solo grazie a persone che credono nella nostra missione il progetto Aperti per Voi potrà andare avanti. Per continuare a tenere aperti questi luoghi abbiamo bisogno anche del vostro aiuto! 

Potete sostenere Aperti per Voi facendo una piccola donazione sul sito apposito e/o diventando Volontari. In questo modo ci aiuterete a rendere accessibili i luoghi d'arte e cultura, a tutti, ogni giorno. Una piccola donazione può dare un futuro a tanti luoghi che altrimenti rimarrebbero chiusi nel cassetto!

INFORMAZIONI
Per donare e sostenere il progetto, scoprire tutti i luoghi Aperti per Voi, capire come diventare Volontari Touring cliccate su dona.touringclub.it!