Scopri il mondo Touring

On the road nel parco del Gennargentu, tra Cala Gonone, Tertenia e il mare di Bari Sardo

Sardegna in camper: l'oriente dalla Barbagia a Arbatax

di 
Fabrizio Milanesi
2 Luglio 2018
Una volta dire “andiamo in Barbagia” era un invito all’avventura. Oggi i tempi sono cambiati, ma non troppo. Vero è che ci si muove con facilità sulla statale 131 che collega Nuoro e Cagliari, ma il fascino selvaggio del territorio tra le montagne del Gennargentu e le spiagge della costa è rimasto intaccato. Tra il Supramonte di Urzulei e le spiagge di Tertenia fino a punta la Marmora, una vacanza in camper si traduce in soste perfette per gli appassionati dell’outdoor. Trekking, percorsi in mountain bike e occasioni per praticare sport acquatici renderanno il viaggio davvero entusiasmante.

COME ARRIVARE
Dal “continente” i due scali marittimi principali sono Olbia e Golfo Aranci. Una volta sbarcati, si percorre la Ss 131 fino a Siniscola, dove si devia verso il mare sulla 125, raggiungendo Orosei. Tante le possibilità di sostare, anche se i parcheggi dedicati ai camper non sono attrezzati. La strada a questo punto si allontana dalla costa per raggiungere Dorgali, base ideale per partire alla scoperta del territorio. Un’area attrezzata si trova infatti sulla circonvallazione a monte dell’abitato ed è un punto di partenza per le escursioni guidate.
 
 Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!

Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamar
e il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!
 

DA TISCALI A CALA GONONE
 

Con il Touring hai vantaggi esclusivi per le tue vacanze

SCOPRILI TUTTI
Una escursione da mettere in programma ha come meta le spettacolari Gole di Su Gorroppu e il villaggio nuragico di Tiscali, costruito all’interno di una dolina della montagna che ne porta il nome e le cui origini rimangono ancora non del tutto chiare. Queste mete è meglio raggiungerle evitando l’utilizzo del proprio veicolo. Invece altre due le strade alla portata di camper e caravan. Poco prima di Dorgali, svoltando a destra al chilometro 200 della statale, si accede ai parcheggi della celebre Grotta di Ispinigòli (una “colonna portante naturale” alta addirittura 38 metri: tra le più alte d’Europa).
 
Proseguendo, un secondo bivio in direzione di Nuoro conduce al villaggio nuragico di Serra d’Orrios, con gli evidenti resti di alcune costruzioni e di due piccoli templi. Lungo questa strada secondaria si trova anche la deviazione per Oliena, una delle Bandiere arancioni del Tci in Sardegna, e Orgosolo, con i famosi murales che narrano storie, personaggi e atmosfere della Barbagia.

Tornati alla 125, da Dorgali si scende sul mare lungo la stretta e tortuosa carrabile per Cala Gonone. Quella che fino agli anni ’90 era meta principale del turismo escursionistico si è trasformata in una vivace località balneare, con un campeggio e un’area attrezzata. Le gite organizzate in barca permettono di raggiungere la celebre grotta del Bue Marino, che non era altro che l’appellativo dato alla foca monaca che ne aveva fatto un suo rifugio. Dei due rami che compongono la grotta, quello settentrionale è attrezzato per visite turistiche e presenta una successione di gallerie e caverne in parte allagate dal mare. Poco più a sud si trova Cala Luna, con altre sei grandi grotte che su aprono nell’alta falesia e la candida spiaggia alle cui spalle è situato uno stagno circondato da oleandri.
 
Il villaggio nuragico di Tiscali /thinkstock

DA CALA GONONE A BAUNEI
Si risale al bivio per Dorgali, si prosegue sulla 125 attraversando le montagne della Barbagia godendo di vedute magnifiche su un paesaggio selvaggio. La carreggiata è larga quanto basta al transito del camper, ma se guidate un mezzo di grandi dimensioni prestate la massima prudenza. Dopo circa 20 chilometri, superato il passo di Genna Silana, a oltre 1000 metri di quota, si inizia la discesa verso Baunei  e verso il mare, su un tracciato con curve e tornanti e due lunghi tratti in forte pendenza che richiedono l’abilità del conducente per non affaticare troppo i freni. Trenta chilometri a valle del passo si entra a Baunei, altro punto di riferimento per gli itinerari escursionistici nei dintorni, da affrontare anche in questo caso con l’assistenza di guide turistiche ufficiali.

Solo se si è alla guida di un piccolo camper furgonato è possibile raggiungere dal paese l’altopiano del Golgo, che offre cinque percorsi naturalistici di varia difficoltà (scarpe chiuse e acqua!). Il più accessibile è quello che conduce a Cala Goloritzé, una piccola insenatura dalle acque turchesi che lambiscono una spiaggia di ciottoli dominata dalla guglia rocciosa dell’Agugliastra. Alla baia si può anche arrivare più comodamente via mare. Si parte da Santa Maria Navarrese (una frazione di Baunei), sorvegliata da una torre pisana; gli olivastri presso la chiesa di Santa Maria, ai margini dell’abitato, sono stati dichiarati monumento naturale dalla Regione.

Un’area attrezzata si trova a Tancau, subito a sud del paese, e rappresenta un punto d’appoggio ideale per escursioni marine fra piccole cale, insenature e scogliere fra le più belle della costa sarda, con la minuscola isola di Ogliastra a caratterizzare la vista sul golfo.
 
Arbatax, il gioiello di cala Goloritze /Thinkstock
 
DA BAUNEI A ARBATAX
Si possono programmare due deviazioni per la necropoli sotterranea di Fund’e Monti (a ridosso della collina di Tracacu) e verso lo Stagno di Tortolì (ma forse meglio andarci in una stagione “di mezzo” e non sotto il caldo estivo). Preferiamo dirottarvi verso Arbatax, una delle località principali della costa orientale della Sardegna.

Il paesaggio roccioso che caratterizza la provincia ne fa un regno del trekking, tra gole, torrioni calcarei e fitti boschi. Famose e scenografiche le rosse scogliere che caratterizzano la costa e che annunciano l’arrivo in città. Tutt’intorno le vigne sfidano impervi tratti di costa e regalano le celebri doc di Cannonau e Vermentino.
 
In camper il consiglio è vagabondare a filo delle scogliere frastagliate intorno a Marina di Gairo, prima di raggiungere l’ultima tappa del viaggio, Capo Sferracavallo. Alle sue spalle il monte Ferru regala una vista memorabile sulla costa. Un bel ricordo, da riaccendere sulla strada del ritorno, sulla statale 389 per Nuoro che vi porterà a imbarcarvi a Olbia.
 
Le rocce rosse sulla costa di Arbatax /thinkstock
 
SOSTE CONSIGLIATE 
Cala Gonone - CampingcarPalmasera
Tortolì - Le Rocce Rosse
 
L'ASSICURAZIONE
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!
 
Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!
 
LE GUIDE TOURING
- Fatti ispirare dalle nostre guide L'Italia in camper e da l'Europa in camper, da comprare nei Punti Touringsul nostro sito a prezzo scontato!
- Acquista la nuova Guida Sardegna sul nostro store on line e nei Punti Touring
- Scopri Oliena, Bandiera arancione Tci. Vai alla scheda sul sito di Bandiere Arancioni 
 
 

 
 

Associati al Touring per avere offerte esclusive e 1100 euro di buoni sconto per le tue vacanze in tutta Italia 

DIVENTA SOCIO