Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Itinerari e weekend
  • In camper in Puglia, dalla Valle d’Itria al Salento tra i borghi Bandiera arancione

Masserie e trulli, muri a secco e panorami tra Alberobello e Locorotondo, Cisternino e Oria, Corigliano e Specchia

In camper in Puglia, dalla Valle d’Itria al Salento tra i borghi Bandiera arancione

di 
Fabrizio Milanesi
26 Gennaio 2018
La Puglia è una sorta di Italia “uno a venti”. Certo è una affermazione in deroga alle proporzioni, ma per il resto poco dovrebbe mancare all’appello (a parte le Alpi). Lunga la Puglia e con un paesaggio così cangiante e ideale da percorrere in camper, lontano magari dal periodo più caldo e affollato.
 
Restringiamo il perimetro alla Valle d’Itria e al Salento e mettiamo anche una ciliegina sulla torta, scegliendo come approdi del vostro viaggio in libertà i borghi dove sventola la Bandiera arancione del TCI, sinonimo di accoglienza, sapori del territorio e bellezza preservata con cura. Si guida in una terra rossa punteggiata dal bianco delle masserie, dal grigio antico dei trulli e dei muretti a secco, dal verde argentato degli ulivi e da quello più cupo delle querce e della macchia.
 
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!

Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!
 
 
DA ALBEROBELLO A LOCOROTONDO
Conosciuto in tutto il mondo come il “paese dei trulli”, il caratteristico centro storico di Alberobello è stato dichiarato monumento nazionale e inserito dall’UNESCO nella lista del Patrimonio dell’Umanità. Passeggiare tra più di 1000 trulli disseminati sulle stradine scoscese dei rioni Monti e Aia Piccola è un’esperienza unica che rimanda alle origini della storia. I trulli infatti sono abitazioni costruite secondo una tecnica ereditata dalla preistoria: direttamente sulla roccia, con blocchi di pietra rozzamente lavorata, appoggiati uno sull’altro senza materiali che li legano, intonacati di bianco e infine ricoperti da una struttura conica fatta di piccole lastre di pietra calcarea grigia.
 
Ma Alberobello non è solo un sinonimo di trullo. Ci si può fare incuriosire anche dal percorso nei musei del Territorio, dell’Olio, dell’Artigianato e del Vino, e poi dalla teoria passare alla pratica, gustando olive eccelse, la pasta fresca, i prodotti da forno e i formaggi, tra cui il cacioricotta, il caciocavallo e il pecorino.
 
Si lascia Alberobello imboccando la statale 172 e in poco meno di 15 minuti si raggiunge l’altura della Valle d’Itria che ospita il “luogo rotondo”, un vero e proprio nucleo storico di viuzze concentriche, dalle case basse imbiancate a calce e il tetto aguzzo. Lasciato il camper fuori dal centro storico si può assaporare l’atmosfera intima passeggiando tra gli spiazzi e lungo via Nardelli, che percorre la circonferenza del caseggiato aprendovi la vista sui terrazzi di ulivi che tappezzano la valle. Approfittate della visita per cercare di degustare un calice di Locorotondo doc, un vino bianco dal sapore asciutto e dal profumo delicato, magari accompagnato da un tagliere di verdure e formaggi locali.
 
Una veduta panoramica di Locorotondo /ThinkstockPhotos
 
DA CISTERNINO A ORIA
Per arrivare a Cisternino si prosegue sulla Provinciale 134 per circa 10 chilometri e in un quarto d’ora si raggiungono i quasi 400 metri di altezza dove si estende il paese, adagiato su  un gradone calcareo della Murgia. Si cammina e sembra quasi di varcare la soglia di una casbah, con i quattro quartieri di Bère Vecchie, Scheledd, u Pantène e l’Isule, in un labirinto di viuzze sovrastate da archetti, con le case bianche addossate le une alle altre, i balconcini, i mascheroni in pietra e le scalette esterne che si affacciano su corti nascoste. Non perdetevi L’Isule, il cuore del centro storico dove ammirare l’imponente Torre Grande, quadrangolare, costruita nel periodo normanno-svevo come punto di avvistamento.
 
Si lascia l’altura di Cisternino per scendere e puntare dritti a sud, destinazione Oria e il suo possente castello. Lo si vede svettare già a qualche chilometro di distanza dalla destinazione. Costruito tra il 1227 e il 1233 da Federico II sull’altura della antica acropoli messapica, è una costruzione scenografica e grandiosa, con pianta triangolare, tre torrioni, muraglie ben conservate e un’immensa piazza d’armi.
 
Federico II sembra considerasse la Puglia una sorta di patria adottiva e il castello di Oria fu per lui un rifugio sicuro e il simbolo della suo dominio sulla regione tra il XII e il XIII secolo. Oria è un unicum nella regione, lo si scopre entrando nel borgo dalla porta degli Ebrei, accedendo al rione che fu sede di una comunità ebraica favorendo lo sviluppo nei campi delle lettere e delle scienze. Invece accedendo da porta Manfredi gli scorci sono di altro tono, tra piazze e strette vie di impianto medievale su cui affacciano palazzi signorili, come il Sedile, il palazzo Martini Carissimo e il palazzo vescovile, che accolgono il Centro di documentazione Messapica e il Museo diocesano.
 
Passeggiando tra le vie di Cisternino /ThinkstockPhotos
 
DA CORIGLIANO D’OTRANTO A SPECCHIA
L’ultimo tratto è quello profondamente salentino che si divide tra Corigliano d’Otranto e Specchia. Qui si percorrono le strade antiche della Grecia salentina. Proprio a Corigliano si ritrova il “griko”, una parlata di origine greca che tra mille stenti resiste, portando con se un patrimonio di culture inestimabile.
Per visitare il borgo si può partire da piazza San Nicola, da cui diramano le vie che a petalo disegnano la pianta del nucleo storico, che nel Cinquecento venne protetta da una cinta muraria di cui l’unico varco è la porta a sud. Non mancate di vedere il bassorilievo dell’arco Lucchetti, dal gusto bizantino; di ammirare il pavimento a mosaico (1870) della chiesa di San Nicola e soprattutto di cercare almeno un esemplare del Patriarca di Corigliano, una monumentale quercia endemica del Mediterraneo orientale, che in Italia si trova solo nella Puglia centro-meridionale.
 
Guidando per circa mezz’ora sulla Statale 275 si arriva nel cuore del Salento, su una piccola altura ai piedi della Serra Magnone. Gia il nome raccoglie una storia antica che rimanda a un antico posto di vedetta: la specula è un cumulo di pietre che serviva in origine anche a sepolcro per le civiltà megalitiche della preistoria.
Il borgo è perfetto per salutare la Puglia da una terrazza panoramica sul paesaggio salentino, non prima di aver visitato la chiesa di Santa Maria della Grotta. Si trova sulla strada per Presicce e testimonia la presenza basiliana in Puglia. Sembra una cripta naturale che sfoggia sulla facciata delle tracce di affreschi di gusto bizantino, con iscrizioni in greco. Se arrivate nel borgo in estate non mancate gli eventi in programma per “L’estate specchiese”. Tra luglio e settembre si susseguono una serie di eventi con al centro l’olio extravergine di oliva, ottenuto dalla spremitura a freddo dell’oliva salentina.
 
Prima di rigirare il camper verso nord programmate una escursione nelle Serre salentine, quella dei Cianci, il Bosco di Cardigliano e tra i querceti di Bosco Danieli, in un paesaggio disegnato da muretti a secco, case imbiancate a calce, oliveti e distese di terra rossa.
 
Specchia, il Palazzo Risolo /foto Mirabilia Sistemi
 
I SERVIZI PER I CAMPERISTI
 I campeggi e gli agricampeggi sulla costa e nell'entroterra pugliese non si contano. Vanno verificate con cura aperture stagionali e disponibilità
 
LE GUIDE TOURING
- Questo itinerario è stato ispirato dal volume TCI L'Italia in camper (realizzato in collaborazione con PleinAir) e l'Europa in camper, da comprare nei Punti Touringsul nostro sito a prezzo scontato!
- Da acquistare anche la Guida Verde Puglia scontata sul nostro sito! 
 
L'ASSICURAZIONE
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!
Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!