Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Itinerari e weekend
  • Giugno: sei idee per weekend fuoriporta nei borghi eccellenti d'Italia

Arriva l'estate: ecco le mete ideali per festeggiarla!

Giugno: sei idee per weekend fuoriporta nei borghi eccellenti d'Italia

di 
Fabrizio Milanesi
29 Maggio 2018
 
Arriva l’estate e nei borghi Bandiera arancione - certificati dal Touring per le loro qualità turistiche e ambientali - fioriscono anche tanti eventi. Un'occasione perfetta per andarli a esplorare, magari in compagnia di tutta la famiglia.

Località "a misura d’uomo", con meno di 15mila abitanti, i borghi certificati con la Bandiera arancione sono ideali per un weekend fuori porta o un breve soggiorno. Luoghi speciali, non solo da scoprire, viste le risorse nelle quali sono immersi, ma anche da vivere attraverso i numerosi eventi che ognuno di loro propone durante l’anno e le eccellenze enogastronomiche che contraddistinguono e raccontano ognuno di questi territori.

Per saperne di più, visitate il sito www.bandierearancioni.it!
 
1. FOBELLO (VC)
Fobello è un bel paese di montagna, situato a 873 metri di quota nella valle Mastallone, una valle laterale della Valsesia. Un contesto paesaggistico ben preservato: il territorio, tra l'altro, è tutelato dal parco dell’Alta Valsesia. Il piccolo e accogliente centro storico custodisce ancora numerose tradizioni, come l’arte del puncetto, ovvero “piccolo punto”, che consiste in una serie innumerevole di piccoli nodi sovrapposti ed alternati in modo da formare un pizzo prezioso dai motivi geometrici.

A Fobello l'ultima domenica di giugno - quest'anno il giorno 24 giugno - va in scena Sentiermangiando, una passeggiata enogastronomica lungo sentieri panoramici con degustazione di cibi tipici di Fobello. Un momento ideale per immergersi nelle atmosfere di Fobello. E poi magari esplorare l'interessante museo Lancia, intitolato al fondatore della prestigiosa casa automobilistica torinese che porta il suo nome.
 
Info sul festival sul sito dedicato (le iscrizioni sono già aperte!). 
Tutta da leggere la pagina di Fobello sul sito di Bandiere Arancioni.
 

 
2. SAPPADA (UD)
C'è molto da fare e da vedere a Sappada, borgo friulano (ma fino a poco tempo fa era in provincia di Belluno) incastonato tra montagne dolomitiche, grandi prati e boschi di conifere. Formato da 15 borgate, Sappada/Plodn conserva ancora numerose vecchie case in legno. E bellissimi sono i piccoli musei: quello della civiltà contadina, in un’antica casa in legno, quello Etnografico “G. Fontana” e quello della Grande Guerra.

Qui l'evento di giugno si svolge domenica 17, quando andrà in scena Rifugi in festa, con bancarelle, punti ristoro, animazione, momenti di incontro, vendita di prodotti tipici locali. Potreste ​assaggiare gli squisiti prodotti caseari: il formaggio di latteria Sappada, dal sapore dolce, e la cosiddetta “ricotta acida” con dragoncello.
  
Info sulla festa sul nostro evento dedicato.
Tutta da leggere la pagina di Sappada sul sito di Bandiere Arancioni.


 
3. CASTELNUOVO MAGRA (SP)
Siamo in provincia di La Spezia, tra la Liguria e la Toscana. Castelnuovo Magra è un suggestivo e antico borgo di crinale, in posizione panoramica sul monte Bastione: splendida la vista sulla costa ligure e sulla val di Vara. Belli e interessanti i tanti palazzi del centro storico: come il palazzo Amati-Ingolotti-Cornelio, con pregevoli affreschi e un giardino pensile, sede del Comune e dell’Enoteca pubblica della Liguria e della Lunigiana, che vanta i prin­cipali vini DOC della Liguria. E poi c'è il castello dei Vescovi Conti di Luni, dove nel 1306 Dante firmò la pace tra i marchesi Malaspina e il vescovo Antonio da Camilla.
 
L'evento di giugno va in scena sabato 9 e domenica 10, quando nell’antico borgo si terrà la IX edizione di “Benvenuto Vermentino”. Due giorni di eventi, degustazioni, laboratori del gusto, prodotti tipici e convegni che avranno come protagonista il vitigno del Vermentino, tipico della zona. 
 
Info sulla festa sul sito di Bandiere Arancioni.
Tutta da leggere la pagina di Castelnuovo Magra sul sito di Bandiere Arancioni.
4. ANGHIARI (AR)
Il nome del borgo toscano evoca la celebre battaglia, che nel 1440 i fiorentini vinsero sulle milizie viscon­tee e che fu oggetto del misterioso affresco di Leonardo. Alta su uno sperone della Valtiberina Toscana, Anghiari mostra il suo passato nell’impianto ur­bano, nei palazzi rinascimentali e nelle case medievali affacciati su ripidi vicoli e rampe gradonate e nella qualità del patrimonio che scrupolosamente conserva.
 
Anghiari è naturalmente bella in ogni periodo dell'anno, ma vi consigliamo di visitarla in particolare in occasione del Palio della Vittoria, in programma il 29 giugno: è uno dei palii più antichi di Toscana e si corre a piedi dal luogo della battaglia del 1441 tra fiorentini e milanesi, la Maestà di S.Maria alla Vittoria, fino alla piazza del “mercatale”. 
 
Info sul Palio della Vittoria sul sito dedicato. 
Tutta da leggere la pagina di Anghiari sul sito di Bandiere Arancioni


 
5. LEONESSA (RI)
Leonessa è una città d’arte e uno dei principali punti di approdo del turismo nell’area del Terminillo. Numerosi i capolavori d'arte: la chiesa di San Pietro, la trecentesca chiesa di San Francesco, col suo famoso presepe in ter­racotta, il santuario di San Giuseppe da Leonessa, patrono della città. E la torre angioina, maes­tosa opera poligonale, terminale delle antiche mura di cinta.
 
Da non perdere la rievocazione del Palio del Velluto, in programma l'ultimo fine settimana di giugno (29-30 giugno e 1 luglio) in concomitanza della festa di San Pietro, un tempo patrono della cittadina. Bellissimo il corteo storico e avvincente la sfida tra i "sesti" della città. 
 
Info sul Palio del Velluto sul sito dedicato. 
Tutta da leggere la pagina di Leonessa sul sito di Bandiere Arancioni
 
Una panoramica sul borgo di Leonessa /foto leonessa.org
 
6. GAVOI (NU)
Finiamo con un paese sardo nell'inteerno dell'isola, non lontano dal Gennargentu. Gavoi vanta un centro storico caratterizzato da costruzioni in granito con i balconi in legno o ferro battuto, dai quali pendono cascate di gerani in fiore: un bellissimo scenario, ben tenuto dagli abitanti. Da non perdere la visita alla parrocchiale di S. Gavino Martire, costruzione tardo-gotica sovrastata da un’imponente torre campanaria, con un rosone in stile gotico e opere di grande pregio, come il fonte battesimale e il tempietto in legno inta­gliato e dorato.

Dal 28 giugno al 1 luglio il borgo si anima con il festival Letterario “L’isola delle storie”: ogni anno scrittori italiani e stranieri si danno appuntamento per letture, convegni, chiacchierate tra le case del paese, "invadendo" pacificamente ogni spazio disponibile. Un momento ideale per rilassarsi, ascoltare parole intelligenti, ammirare il borgo. E poi magari assaggiare un pezzo di pecorino fiore sardo e tuffarsi nel vicino lago di Gusana.
 
Info sul Festival letterario sul sito dedicato. 
Tutta da leggere la pagina di Gavoi sul sito di Bandiere Arancioni
 

 
SCOPRI TUTTE LE BANDIERE ARANCIONI
Per ulteriori informazioni e conoscere le località certificate, visita il sito Bandiere arancioni e scopri gli eventi principali.