Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Videoconferenza: "Vittore Carpaccio e il 'teatro' della pittura nella Venezia del Rinascimento"

Videoconferenza: "Vittore Carpaccio e il 'teatro' della pittura nella Venezia del Rinascimento"

Dove

Indirizzo evento: 
Venezia
Piattaforma ZOOM

Quando

Sabato 17 Aprile 2021
ore 10:00 - durata 2 ore circa - piattaforma Zoom

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
ore 10:00

Contatti

Organizzatore: 
Tci Venezia
Telefono di riferimento: 
tel. 327 5575292 lun-ven: 9,30-12,30; 15,30-17,30
Indirizzo mail: 
consolivenezia@gmail.com
Console accompagnatore: 
Donatella Perruccio Chiari
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Prof.ssa Linda Borean
Referente: 
Donatella Perruccio Chiari

Videoconferenza TCI Venezia

Continua il ciclo di videoconferenze online su piattaforma ZOOM promosse da TCI Venezia per portare l’arte e la cultura direttamente a casa.

Vittore Carpaccio e il “teatro” della pittura nella Venezia del Rinascimento.
Sabato 17 aprile 2021
ore 10,00 Docente Prof.ssa Linda Borean

Marin Sanudo nella sua ‘guida’ di Venezia De origine, situ et magistratibus urbis Venetae, nota come Cronachetta (1493-1530), include tra i dipinti più ammirabili in città “la cappella de Santa Orsola, le historie et figure che è atorno bellissime”, riferendosi al ciclo eseguito da Vittore Carpaccio, a partire dagli anni novanta del Quattrocento, per la confraternita omonima e oggi esposto alle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

 

Con questo incarico, Carpaccio si impone nella Serenissima quale interprete colto e vivace della pittura narrativa o di istoria, come viene definita nei documenti antichi, nel solco di un’antica tradizione lagunare rinnovata nel XV secolo da Jacopo e Gentile Bellini.

 

Nel corso della sua carriera, conclusasi nel 1526, Carpaccio realizzò diversi cicli narrativi per le sedi delle scuole o confraternite di devozione, che furono i suoi principali committenti: Sant’Orsola, San Giovanni Evangelista, Scuola degli Albanesi, Santo Stefano, San Giorgio degli Schiavoni.

 

Con l’eccezione del ciclo di San Giorgio, fortunatamente ancora conservato nel suo edificio originario, le altre serie sono oggi esposte in vari musei, tra Venezia e l’Europa.

 

I teleri di Carpaccio furono considerati una sorta di “magic mirror”, di specchio magico della vita veneziana del Rinascimento, per la straordinaria ricchezza di particolari, capaci di restituire, tra cronaca e immaginazione, l’architettura, i costumi, i luoghi e gli attori della vita politica ed economica di Venezia e dei suoi domini.

 

Ma Carpaccio non fu un pittore svagato e ingenuo, come sovente si è creduto, bensì un narratore abile e sapiente, un vero regista, capace ancora oggi di incuriosire, attirare e sollecitare lo sguardo del pubblico.

Profilo della Prof.ssa Linda Borean

  • Linda Borean è Professore Ordinario di Storia dell'arte moderna all’Università di Udine, dove ha diretto la Scuola di specializzazione in beni storico-artistici e la Laurea magistrale in storia dell’arte. Dal 2016 è stata nominata Delegato alla didattica del dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale e Vicecoordinatore del Dottorato di ricerca in studi storico-artistici e audiovisivi.
  • I suoi interessi scientifici riguardano l’arte veneta tra Quattrocento e Settecento, con particolare riguardo agli aspetti della committenza, del collezionismo, della critica d’arte e dell’evoluzione della figura professionale dell’artista.
  • Dal 2002 al 2009 ha preso parte al progetto Il Collezionismo d’arte a Venezia dalle origini all’Ottocento, sostenuto dalla Fondazione di Venezia in collaborazione con il Getty Research Institute.
  • Nel 2012 ha co-organizzato la mostra I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e l’arte di Paolo Veronese (Udine, Civici Musei).
  • Ha al suo attivo numerose pubblicazioni tra volumi e saggi apparsi in riviste scientifiche internazionali e in cataloghi di mostre.
  • E’ stata Scholar presso il Getty Research Institute di Los Angeles e Senior Fellow al Metropolitan Museum of Art di New York.
  • Nel 2017 è stata nominata dal Consiglio superiore dei beni culturali membro del Comitato scientifico delle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

 

 

Altre informazioni utili: 

Quota di partecipazione:

  • Socio TCI € 15,00
  • Non Socio € 18,00

Condizioni di partecipazione:
Prenotazioni solo telefoniche al n. 327 5575292 a partire dal lunedì di due settimane antecedenti l’evento nei giorni:

Modalità di pagamento A mezzo bonifico con IBAN:

  • IT 73 Z 02008 36190 000104553985
  • C/C intest.: G. Mason / D. Perruccio;
  • riportare il n° di Tessera TCI (valido)

n° max partecipanti: no limit
durata della lezione: 2 ore ca.
Attenzione:
le video-lezioni si svolgono su piattaforma ZOOM che gli interessati dovranno scaricare sul proprio PC.

Mezz’ora prima l’inizio della videoconferenza verrà inviata agli iscritti una mail con codice e password per accedere alla
stessa.

 

Accesso disabili: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club