Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Videoconferenza - Corso di Storia dell’Arte Bizantina e Medievale. Arti di Bisanzio.

Videoconferenza - Corso di Storia dell’Arte Bizantina e Medievale. Arti di Bisanzio.

Dove

Indirizzo evento: 
Venezia
Piattaforma ZOOM

Quando

Sabato 16 Gennaio 2021
ore 10:00 - durata 2 ore circa - piattaforma Zoom

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
ore 10:00

Contatti

Organizzatore: 
Tci Venezia
Telefono di riferimento: 
tel. 327 5575292 lun-ven: 9,30-12,30; 15,30-17,30
Indirizzo mail: 
consolivenezia@gmail.com
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Prof. Domenico Salamino
Referente: 
Donatella Perruccio Chiari

Videoconferenza TCI Venezia
Continua il ciclo di videoconferenze online su piattaforma ZOOM promosse da TCI Venezia per portare l’arte e la cultura direttamente a casa.

Corso di Storia dell’Arte Bizantina e Medievale. Arti di Bisanzio.

Docente Prof. Domenico Salamino

Finalità
Il corso offre un quadro ampio e articolato della cultura storico e artistica, architettonica e urbanistica del mondo bizantino, con particolare riguardo ai rapporti tra Bisanzio e i territori dell’Italia medievale.

L’impianto generale del programma didattico si articolerà offrendo soggetti di studio e argomentazioni inerenti al ruolo e alla funzione svolta dai grandi centri culturali del mondo bizantino; i fenomeni di produzione e diffusione dei modelli e dei tipi; l’orientamento della comunicazione e della propaganda dell’immagine. La struttura didattica si base sulla triade Città-Architettura-Arti figurative: in tal modo ogni lezione sarà risolutiva di uno specifico periodo storico e ambito culturale, offrendo dunque ampi spazi alla riflessione intorno ai maggiori ambiti e soggetti.

Obiettivi
l corso consentirà ai partecipanti di acquisire nozioni e conoscenze necessarie alla comprensione della produzione artistica  bizantina, italobizantina e venetobizantina.

Sabato 16 gennaio 2021
ore 10,00 1° lezione

  • Agli inizi, da Roma a Costantinopoli. Archeologia e urbanistica. 
  • Costantino e l’età costantiniana. La ‘Capitale itinerante’ e la fondazione di Costantinopoli. Il processo di scristianizzazione delle città antiche a seguito dell’Editto di Milano si esprime nella monumentalizzazione prima delle periferie e poi, progressivamente, del centro città. Sorgono cattedrali e chiese protette ora dall’imperatore: il dialogo tra l’architettura nuova, cristiana, e
  • quella antica, pagana. L’invenzione delle immagini di culto e gli edifici che di quelle si faranno custodi.

 

Domenica 31 gennaio 2021
ore 10,00 2° lezione

con l’intervento della Prof.ssa Arch. Paola Placentino

  • Tra Costantinopoli e Ravenna. Gli splendori dell’Età di Giustiniano. Dopo la fase costantiniana e teodosiana, con la salita al potere di Giustiniano lo Stato tenta la sua Renovatio: l’imperatore diventa quindi fondatore di città e architetto eminente. Si ricostruiranno alcune delle grandi chiese di stato: la ‘teocrazia’ segna il suo trionfo monumentale con la ricostruzione di Santa Sophia e dell’Apostoleion, edifici destinati a rimanere archetipi imperituri della storia dell’architettura. L’età Giustinianea segna pure il trionfo dell’icona, il culto dell’immagine ad uso religioso e politico. La fede è in Cristo di cui l’imperatore è il braccio terreno. Inserito nelle grandi dispute teologiche, a lui spetterà il ruolo di ordinatore nel modo. L’arte allora si attesta come strumento ideologico e porta di verità.

Sabato 13 febbraio 2021
ore 10,00 3° lezione

  • Incroci di civiltà: l’Italia dei Longobardi, saraceni e bizantini. Tra VI e X secolo l’Italia, già culla dell’Impero, si frammenta in ducati e principati. La regionalizzazione dei poteri coincide con il fiorire di arti identitarie. Il rapporto con l’aulico bizantino, ormai prestigioso modello imposto da Giustiniano in poi, segna l’identità delle arti ‘nazionali’. Laddove Bisanzio mantiene il suo ruolo si assiste a una complanare e provinciale evoluzione della lingua bizantina. I territori sottoposti ai potentati longobardi o saraceni vivranno proprie dinamiche che, in questa lezione, saranno analizzate privilegiando la prospettiva mediterranea.

Sabato 27 febbraio 2021
ore 10,00 4° lezione

  • Bizantini e l’Italia Meridionale tra VII e XI secolo: la Puglia e i principati campani. Bisanzio in Italia è Bisanzio che domina nel Meridione. Fino all’arrivo dei Normanni i territori meridionali sono contesi anche da altre potenze. La cultura artistica preromanica contribuirà alle future caratterizzazioni linguistiche di età normanna, tanto da poter parlare di ‘questione bizantino-normanna’. Il fenomeno della moltiplicazione delle diocesi segna pure l’altrettanto fiorire delle cattedrali. È l’età delle egemonie culturali: della diffusione degli insediamenti rupestri e delle città fortezza. L’età della pittura iconoclasta e iconodula (contro e pro immagini): della legittimazione del culto delle immagini. Ed è pure l’età delle commistioni che diventano sintesi che genereranno i presupposti semantici, i repertori e i tramiti alla grande stagione romanica pugliese e campana.

 

Sabato 6 marzo 2021
ore 10,00 5° lezione

  • Culto delle immagini e spazio sacro: icona, pittura e scultura. Tema centrale dell’arte bizantina è quello della liceità e culto delle immagini sacre. I concetti fondativi di tale problema si pongono e si deliberano nell’ambito dei grandi concilii. La trasmissione dell’immagine genera l’icona, la porta regale alla contemplazione e partecipazione al sacro. Ovvero alla scelta o concessione di accedere alla dignità della visione. Allora le figure non saranno più evocazioni del santo, ma epifanie. L’uomo di fronte alla icona avrà l’opportunità di percepire la soglia. All’interno della chiesa, le immagini abiteranno lo spazio dove Dio si vede e si muove.

Sabato 20 marzo 2021
ore 10,00 6° lezione
con l’intervento della Prof.ssa Giordana Trovabene

  • Il mosaico, il sacro e lo spazio tra Costantinopoli, Roma e Ravenna. Dalla lezione 5 si riprenderà il tema del rapporto tra immagine e architettura, esaminando il ruolo di intermediazione atemporale del mosaico. Pittura eterna e fissa. Il mosaico non decora l’architettura, né la riveste. Immagine epifanica di frammenti che creano l’insieme. Il rapporto tra questo e lo spazio: sono queste le specificità di una tecnica che si fa teologica e che si serve del prezioso e lussuoso per elevare la dignità del contenuto. Le grandi stagioni e i grandi cantieri del mosaico fino all’età macedone e comnena.

Sabato 10 aprile 2021
ore 10,00 7° lezione e visita in loco.
con l’intervento della Prof.ssa Arch. Paola Placentino

  • Bisanzio e Venezia. Ultima lezione di questa sessione di corso. Il rapporto filiale e intrinseco della cultura artistica veneziana altomedievale e medievale con Bisanzio. Teatro naturale di questo rapporto è San Marco e l’area ducale marciana. Prima della IV crociata, Venezia tende a assumere sembianze che la ricondurranno, ideologicamente, a Costantinopoli. Già ai tempi dei ducati Orseolo e poi, soprattutto, tra XI e XII secolo. L’invenzione della platea sancti marci, suggellerà un lungo processo di assimilazione. Venezia nuova Roma dunque, si, ma per il tramite di Bisanzio. Dal cantiere della Basilica al ‘300.

 

Profilo del Prof. Domenico Salamino

  • Ricercatore indipendente, specialista in Storia dell’Arte medievale e bizantina, ha conseguito la Laurea in Conservazione dei Beni Culturali e il Dottorato di Ricerca in Storia Antica e Archeologia, Storia dell’Arte all’Università Cà Foscari di Venezia sotto la guida di Ennio Concina e Giordana Trovabene. È docente di Storia dell’Arte veneta presso l’Istituto Venezia di lingua e cultura italiana per stranieri. Collabora con la Fondazione Terra d’Otranto (Nardò, Lecce) e il Club de l’Histoire (Bruxelles). Ha svolto consulenze storiche e documentali per conto dell’UNESCO; corsi di Formazione per diverse organizzazioni tra le quali GTI, Associazione Nazionale Guide turistiche italiane. Nel 2017 ha fondato ‘ItinerArte | Ricerca | Didattica | Eventi organizzato corsi di formazione, eventi didattici e Public Art History in Italia e all’estero; avviato relazioni con importanti istituzioni tra le quali Gallerie dell’Accademia di Venezia, Scuola Grande di San Rocco e Polo Museale Veneto, Italia Nostra, GTI. Attualmente cura il progetto di ricerca ‘VENEZIA in PUGLIA. Repertorio dell’arte veneta in Puglia e Lucania’ e coordina la programmazione didattica di Itinerarte. Inoltre, lavora presso i servizi bibliografici e documentati dell’IUAV – Istituto Universitario di Architettura Venezia. Si occupa principalmente di Storia della Città e dell’Architettura, di iconografia cristiana. Le sue ultime ricerche sono dedicate alla permanenza della tradizione bizantina nel mondo medievale e protorinascimentale; alla circolazione dei modelli urbanistici e architettonici e dei principi teorici in età Post bizantina, in Puglia e a Venezia.
Altre informazioni utili: 

Quota di partecipazione:

  • Socio TCI € 15,00
  • Non Socio € 18,00

Quota di partecipazione per intero Corso di 7 lezioni:

  • Socio TCI € 95,00
  • Non Socio € 116,00
  •  

Condizioni di partecipazione:
Prenotazioni solo telefoniche al n. 327 5575292 a partire dal lunedì di due settimane antecedenti l’evento nei giorni:

da lunedì a venerdì

Modalità di pagamento A mezzo bonifico con IBAN:

  • IT 73 Z 02008 36190 000104553985
  • C/C intest.: G. Mason / D. Perruccio;
  • riportare il n° di Tessera TCI (valido)

n° max partecipanti: no limit

durata della lezione: 2 ore ca.

Attenzione:
le video-lezioni si svolgono su piattaforma ZOOM che gli interessati dovranno scaricare sul proprio PC.

Mezz’ora prima l’inizio della videoconferenza verrà inviata agli iscritti una mail con codice e password per accedere alla stessa.

Accesso disabili: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club