Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Venezia: l'area industriale di Porto Marghera nella sua complessità

Venezia: l'area industriale di Porto Marghera nella sua complessità

Dove

Indirizzo evento: 
Dorsoduro 1323, Fondamenta delle Romite - Venezia
Istituto Canossiano

Quando

Sabato 29 Settembre 2018
ore 9:45 - la visita sarà effettuata nel corso della mattinata (termine ore 13,15 circa)

Ritrovo

Come arrivare: 

Indicazioni utili per arrivare al punto di ritrovo:

con vaporetto da P.le Roma e/o Ferrovia:

  • linea 2  : fermata S. Basilio o Zattere, tempo di percorrenza 28’circa;
  • linea 5.1:       “                 “             “              “                  16’  “  ; 
  • linea 6   : solo da P.le Roma, fermata Zattere tempo perc. 12’ circa;

a piedi: da P.le Roma e/o Ferrovia:

  • via campo S. Margherita, poi campo S. Barnaba e da qui verso Rio delle Romite, perc. 20’ circa.
Ora di ritrovo: 
ore 9,45 - all’ingresso dell’ Istituto Canossiano, Dorsoduro 1323, Fondamenta delle Romite

Contatti

Organizzatore: 
Corpo Consolare di Venezia
Telefono di riferimento: 
tel. 327 5575292 lun-ven: 9,30-12,30; 15,30-17,30
Indirizzo mail: 
consolivenezia@gmail.com
Recapito di emergenza: 
fino al giorno prima dell’evento 327 5575292, poi 348 2660404
Console accompagnatore: 
Donatella Perruccio Chiari e Giuseppe Mason
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
prof. arch. Roberto D’Agostino
Referente: 
Donatella Perruccio Chiari

Le iniziative del Corpo Consolare di Venezia

Visita guidata TCI n. 15/18

 

“Area industriale di Porto Marghera”

sab. 29 settembre 2018

 

 

(Scheda a cura del Corpo Consolare TCI di Venezia)

 

Area industriale di Porto Marghera:

 

Programma di max della visita:

Alle 10 ci troveremo dalle Canossiane x lezione-conferenza sul “caso Marghera” con power-point e poi andremo alle zattere dove ci imbarcheremo con motoscafo gran turismo per giro in zona industriale via acqua.

 

Nell'ambito della visite per conoscere la realtà della laguna veneziana e delle presenze urbane che con essa interagiscono, è obbligo prendere in esame la zona di Porto Marghera nella sua complessità che a partire dagli inizi del ‘900 copre tutto il XX secolo ed è stata importante non solo per Venezia ma anche per tutto lo sviluppo industriale del paese e ancora oggi è al centro di un ampio dibattito sul suo utilizzo e sviluppo futuro.

La visita di oggi è un’occasione particolare per conoscere e riflettere sul rapporto industria ambiente.

 

La visita in barca a Marghera seguirà le fasi della formazione del polo industriale:

1 - Canale Vittorio Emanuele e Canale Industriale Nord fino alla Fincantieri;

2 - Canale dei petroli (ultimo tratto) e canale industriale Ovest in tutta la sua lunghezza in quanto è il canale ancora pienamente utilizzato dal punto di vista industriale;

3 - altro tratto del canale dei petroli fino al Canale industriale sud da non percorrere.

 

Porto Marghera è (stato) il più grande polo industriale di Europa.

Circa duemila ettari (1500 di terra e 500 di canali industriali) e una concentrazione di circa trentamila addetti nella sua massima espansione a metà degli anni settanta.

La nascita di Marghera trasforma profondamente e definitivamente gli assetti urbanistici di Venezia e del suo territorio rimasti sostanzialmente invariati da oltre cinquecento anni.

 

Tra gli ultimi anni dell’ottocento e i primi del novecento Venezia esce dai suoi confini storici e si espande verso il mare con l’urbanizzazione del Lido e verso la terraferma con la fondazione di Marghera, che dà origine al grande sviluppo degli insediamenti urbani in terraferma (Marghera, Mestre, l’inglobamento nella città dei piccoli comuni contermini, Favaro, Zelarino, Chirignago, Malcontenta).

 

Marghera, soprattutto, cambia la geografia della città: si può dire che essa costituisca la matrice della nuova città di Venezia quella che ci appare oggi quando la sorvoliamo.

 

La sua crisi, il suo parziale svuotamento, i programmi che si stanno facendo da anni (e con scarso successo) sul suo rilancio, possono diventare l’occasione per una nuova trasformazione urbana di Venezia e dei suoi assetti metropolitani?

 

Profilo del prof. arch. Roberto D’Agostino:

  • Urbanista ed architetto, ha svolto una importante attività di pianificazione territoriale e di progettazione urbanistica in Italia e in molti paesi di Europa, Asia, Africa e America Latina (Francia, Serbia, Bosnia, Uruguay, Paraguay, Tanzania, Mozambico, Cina, Cambogia, Vietnam, Trinidad & Tobago, Iraq).
  • E’ stato consulente per l’Unesco e per l’Unione Europea.
  • Accanto all’esperienza professionale, possiede una significativa esperienza amministrativa essendo stato undici anni assessore al Comune di Venezia nei settori dell’Urbanistica, della Pianificazione Strategica, della residenza, dell’Ambiente e delle Relazioni Internazionali: sotto la sua direzione sono stati redatti e approvati tutti i piani urbanistici di Venezia ed il  Piano Strategico Metropolitano: in particolare è stato redatto il Piano Regolatore di Porto Marghera.
  • E’ stato consulente per la preparazione di leggi urbanistiche nella Provincia Autonoma di Trento e nella Regione Emilia e Romagna.
  • E’ stato Presidente o Consigliere di amministrazione di Società Pubbliche: Arsenale di Venezia spa, COSES, IRSEV, Autostrada Serenissima, AUDIS (Associazione per le Aree Dismesse): come Presidente di AUDIS per oltre dieci anni ha seguito alcuni dei principali progetti di trasformazione urbana avvenuti in Italia.
  • Attualmente è componente del team di progettazione del Masterplan della Penisola di Al Faw, comprendente il nuovo porto, la nuova zona industriale e la nuova città per conto del Governo dell’Iraq.

 

 

 

 

Altre informazioni utili: 

accompagnatori:

  • console TCI:Donatella Perruccio Chiari tel. 348 2660404
  • vice-console: Giuseppe Mason
  • tel. 328 1377260

 

Visita condotta da:  prof. arch. Roberto D’Agostino

 

Prenotazioni solo telefoniche:

 

Tempi di prenotazione: da lunedì 10 settembre

 

Quota individuale di partecipazione:

  • socio:        € 25,00
  • non socio:  € 28,00
  • La quota comprende: guida, conferenza, motoscafo G.T. da Zattere fino a Marghera e ritorno, assicurazione infortuni/RCT,

 

Informazioni  utili:

 

luogo:

  • 1) Istituto Canossiano, Dorsoduro 1323, Fondamenta delle Romite;
  • 2) Canali di Marghera

 

ora   dell’evento: 0re 10,00 inizio conferenza

 

durata  della visita: la visita sarà effettuata nel corso della mattinata (termine ore 13,15 circa)   

 

La partecipazione è riservata a: soci (con eventuale accompagnat.)  e, salvo posti disponibili, anche a  non soci

 

n° max partecipanti:  35

 

pranzo: non previsto

 

ora/luogo del ritrovo: ore 9,45, all’ingresso dell’ Istituto Canossiano, Dorsoduro 1323, Fondamenta delle Romite

 

accesso ai disabili:  

 

recapito   telefonico x emerg.:

fino  al  giorno prima dell’evento 327 5575292, poi 348 2660404

 

 

Accesso disabili: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club