Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Sulmona (Aq): l'Abbazia celestiniana di S. Spirito al Morrone

Sulmona (Aq): l'Abbazia celestiniana di S. Spirito al Morrone

Dove

Indirizzo evento: 
Via Badia, Badia-Bagnaturo, Sulmona (Aq)
A 5 km dal centro di Sulmona in località Badia.

Quando

Domenica 22 Aprile 2018
orario 10.00 - 17.00

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
ore 9.45 all'Abbazia di S. Spirito al Morrone, via Badia, località Badia-Bagnaturo, Sulmona

Contatti

Organizzatore: 
Club di territorio di Pescara
Telefono di riferimento: 
3484107059
Indirizzo mail: 
pescara@volontaritouring.it
Console accompagnatore: 
Elio Torlontano
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Per l'Abbazia: Patrizia Colonico (Polo museale dell'Abruzzo). Per Villa Raffaele: famiglia Del Basso Orsini.

In anteprima visita della chiesa di Santo Spirito al Morrone, l’edificio sacro all’interno della monumentale abbazia, già Casa Madre della Congregazione dell’Ordine celestiniano, che sta per tornare fruibile dopo un lungo reatauro (vedere foto cliccando sul bottone gallery nella testata della pagina).

Le origini dell'Abbazia sono legate alla figura di Pietro Angelerio, monaco benedettino, eremita, fondatore dell’ordine dei Celestini e Papa con il nome di Celestino V. Fu lui a iniziarne la costruzione ampliando probabilmente la chiesetta di Santa Maria risalente alla prima metà del XIII secolo e promuovendo poi la costruzione di una nuova chiesa dedicata allo Spirito Santo con annesso monastero, dove stabilì la Casa Madre dell'Ordine a seguito del Capitolo Generale tenutosi nel giugno del 1293.

I monaci hanno abitato questo complesso fino all’emanazione della legge napoleonica del 1806 che disponeva la soppressione degli Ordini religiosi. In seguito a ciò l'Abbazia ha cambiato diverse destinazioni d’uso: adibita dapprima a Collegio Reale dei tre Abruzzi, poi ad ospizio di mendicità quindi a quartiere militare con annesso ospedale, nel 1868 venne trasformata in casa di reclusione ed è restata tale fino al 1993. In data 12 marzo 1998 è stata assegnata al Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Successivamente sono iniziati i lavori di restauro che progressivamente hanno restituito la fruibilità di alcune delle molte parti dell'Abbazia e altre ne restituiranno in futuro.

Attualmente è sede di uffici operativi della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo, del Polo Museale dell’Abruzzo e dell’Ente Parco nazionale della Majella. Questi ultimi, di regola chiusi la domenica, saranno eccezionalmente aperti il 22 aprile per consentire la visita degli ambienti dell'antica farmacia dei monaci.

Pranzo libero, con menu e prezzo concordato (vedi allegato), al ristorante Villa Elena, via Badia (tel. 0864251097).

Nel pomeriggio, dopo la pausa pranzo, visita esclusiva alla vicina Villa Raffaele, la dimora che la notte del 20 ottobre 1860 ospitò Vittorio Emanuele II durante la marcia, alla testa di due armate, che terminò con l’incontro con Garibaldi nei pressi di Teano.

Le due visite sono rese possibili per le gentili disponibilità della Soprintendenza, del Polo Museale d’Abruzzo, dell’Ente Parco della Majella e della famiglia Del Basso Orsini a cui va un sentito ringraziamento.

 

Quote di partecipazione

Soci: € 4,00

Ospiti (non soci):  € 6,00

Ragazzi 10-18 anni: € 4,00

Minori di anni 10: gratis

La quota di partecipazione comprende gli ingressi e i servizi di guida per l'intero periodo. Pagamento in loco.

Non comprende il costo del pranzo, con menu (vedi allegato) e prezzo concordato (€ 20,00 a persona), che è a carico di ciascun partecipante.

Posti prioritariamente riservati ai Soci.

Prenotazioni entro le ore 12.00 di venerdì 20 aprile esclusivamente per email indicando per ogni partecipante nome e cognome, numero di tessera se Socio Tci, località di residenza, numero di cellulare ed email. Evidenziare la presenza di ragazzi o bambini. L’eccezionale possibilità di visitare la dimora privata di Villa Raffaele è legata al rispetto rigoroso delle indicazioni di prenotazione.

Indicare al momento della prenotazione anche l'eventuale richiesta di variazione del menu (vedi l'allegato).

In collaborazione con: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club