Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Sulle orme di Cicerone e San Tommaso d'Aquino (da Napoli)

Sulle orme di Cicerone e San Tommaso d'Aquino (da Napoli)

Dove

Indirizzo evento: 
03031 Aquino FR, Italia
Aquino, Isola del Liri, Arpino, Boville Ernica, Monte San Giovanni Campano

Quando

Da Sabato 7 Marzo 2020 a Domenica 8 Marzo 2020
come da programma allegato

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 7.00 : Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli. 
- Ore 7.30 : Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. 

Ora di ritrovo: 
ore 7 e ore 7.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Consoli della Campania
Telefono di riferimento: 
081.19137807
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
Giovanni Pandolfo - 335 1320908
Console accompagnatore: 
Console Regionale Giovanni Pandolfo
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locali

Aquino, Isola del Liri, Arpino, Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano 
Cicerone e San Tommaso d'Aquino il fascino dell'eloquenza.
Una visita guidata in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano alla scoperta della terra in cui nacquero due grandi oratori che lasciarono un importante segno nella storia.

Visiteremo la splendida chiesa romanica di Santa Maria della Libera di Aquino, dove fu battezzato l’Angelico Dottore della Chiesa, e Arpino, Comune Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, patria del grande oratore Cicerone, di Caio Mario e Vipsano Agrippa. 
Ci fermeremo ad Isola del Liri per ammirare la cascata nel cuore del paese, raggiungeremo Boville Ernica dove è conservato l’angelo musivo di Giotto, che ornava l’antica navicella della basilica vaticana, e concluderemo il tour con la visita di Monte San Giovanni Campano, dove fu imprigionato il giovane Tommaso nel tentativo di dissuaderlo di entrare nell’ordine domenicano. 
AQUINO: Il centro fu importante città dei volsci e, in epoca romana, "municipium" lungo la via Latina, nonché luogo di nascita del poeta Giovenale (di "Aquinum" si conservano i resti di un teatro, di un anfiteatro, di edifici termali e mura imponenti del Capitolium). Saccheggiata da Totila al tempo delle guerre gotiche e nuovamente dai longobardi fu poi oggetto di contesa tra diverse famiglie feudali, sulle quali prevalse quella dei d'Aquino (da cui provenne San Tommaso). A fine '700 entrò nei possedimenti borbonici. 
ISOLA DEL LIRI: è forse la sola località del nostro Paese che sia attraversato da un fiume che diviene nel centro della città una grandiosa cascata. Isola del Liri è compresa tra due rami del fiume: il destro forma la cascata Valcatoio, la più piccola, determinata dal braccio del fiume che scende vorticoso lungo le pareti rocciose dalla zona ovest della città; il sinistro la cascata Grande, creata dal braccio principale del fiume che al centro dell'abitato compie un salto di 27 metri. Le sue acque hanno alimentato fabbriche tessili, cartiere, pastifici e feltrifici, tanto che, nell'Ottocento, la cittadina era considerata la Manchester italiana. A far da sfondo alla cascata, il composito castello Boncompagni, con torre medievale, con un vasto parco alle spalle. Pittoresca, la veduta da vicolo Cascata. 
ARPINO: borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. È centro di remota fondazione -si parla dei Volsci e dunque del VII secolo avanti Cristo - ma soprattutto è luogo di nascita di personaggi illustri - il romano Cicerone su tutti, grandioso oratore, politico e scrittore, e poi Caio Mario, oppositore intransigente di Silla, il dittatore delle guerre civili, e Agrippa Marco Vipsanio, politico, militare e architetto (fondatore del Pantheon di Roma) e genero dell'imperatore Ottaviano - nonché sede di nobili attività dall'arte della lana alla liuteria - che ne hanno determinato l'antica fama e il diffuso senso della cultura. L'abitato appare nella valle del Liri su una dorsale coperta di olivi, sovrastato dalla Civitavecchia, il nucleo più antico, sorprendente per gli scenari da acropoli greca, per la grandiosa cinta di mura megalitiche, di cui restano lunghi tratti, per la sensazionale e unica in tutta Europa porta a sesto acuto da cui si accede alla città. Più da vicino si riconoscono la mole del Castello di Ladislao e il campanile svettante di Santa Maria della Civita, che nel profilo cittadino segnala il secondo nucleo per antichità di fondazione. Cuore dell'abitato è la piazza del Municipio, che ricalca il sito del foro romano: è uno spazio armonioso e accogliente, gradevole salotto della vita quotidiana. Da qui partono le vie Cesari e dell'Aquila Romana, corrispondenti al decumano, e la via del Liceo, che le incrocia a perpendicolo come faceva il cardo. La strada principale dell'abitato, tuttavia, è corso Tulliano, poco più in basso, passeggiata pittoresca e panoramica, poggiante su volte ottocentesche. Seguendo queste direttrici ci si addentra nei quartieri: da non perdere, la Civita Falconara, d'intatta fisionomia medievale, e il Colle, con una piazza che era il chiostro d'un monastero. Volgendo lo sguardo attorno, ad ogni occasione, scorci d'atmosfera e belle vedute sulla valle. 
BOVILLE ERNICA: difeso da mura medievali movimentate da 18 torri, ora tonde, ora quadrate, il borgo sorge su di un colle che guarda e domina le valli del Liri, del Cosa e del Sacco. Boville Ernica è avvolta da una certa aria barocca leggermente decadente e di gran fascino. Quest'aria baroccheggiante si gusta soprattutto nella piazza S. Angelo con la bella parrocchiale di San Michele Arcangelo dalla facciata settecentesca dilavata dal tempo. Unico e preziosissimo è il mosaico composto da Giotto conservato nella Chiesa di San Pietro Ispano, dove vi è anche un intatto sarcofago paleocristiano del 350 d.C. 
MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO: rappresenta molto bene il fenomeno dell'"incastellamento" legato alla costruzione dello Stato Pontificio. Al centro del nucleo storico "a cupola" spicca il Castello ducale dei Conti d'Aquino dove nel 1243 San Tommaso fu rinchiuso, per due anni, dai suoi familiari che volevano impedirgli di prendere i voti presso l'Ordine mendicante dei Padri Domenicani. Il Castello conobbe la crudeltà di Carlo VIII re di Francia che ne ordinò il bombardamento durante la sua spedizione in Italia (1495) per raggiungere il regno di Napoli. 

Altre informazioni utili: 

Programma
Primo giorno - Sabato 7 marzo 2020
Napoli - Aquino - Isola del Liri - Arpino

- Ore 7.00 : Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli. 
- Ore 7.30 : Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. 
Si percorre l’Autostrada A1 con soste tecniche lungo il percorso. 
- Ore 10.00 : Arrivo previsto ad Aquino, incontro con la guida e visita al borgo con la residenza dei d'Aquino, la splendida chiesa di Santa Maria della Libera, dove fu battezzato San Tommaso, l'arco trionfale di Marc'Antonio, la porta di San Lorenzo e il Museo con il famoso sarcofago delle quadrighe. 
Al termine trasferimento con il pullman a Isola del Liri per ammirare la celebre cascata del fiume Liri nel centro del Paese. 
Pranzo libero. 
Trasferimento con il pullman ad Arpino. Visita guidata al centro storico: Piazza del Municipio, Chiesa di San Michele Arcangelo, Museo della Liuteria, Museo dell'Arte della Lana. Quindi visita guidata alle suggestive e grandiose Mura Megalitiche della Civitas Vetus, l'acropoli di Civitavecchia del VII - VI sec. a.C. 
Trasferimento con il pullman all’Hotel Il Cavalier d'Arpino - via Vittoria Colonna 21 - Arpino - tel 0776.850060 - assegnazione delle camere cena c/o il ristorante dell’Hotel con il seguente menù: Primo (Fettuccine con porcini e salsa di tartufo), Secondo (Maialino ripieno con patate al forno), Dessert (Pigna Pasquale - dolce tipico Arpinate) accompagnato da ciambelline al vino), acqua minerale, vino e caffè. 
Pernottamento 

 

Secondo giorno - Domenica 8 marzo 2020
Arpino - Boville Ernica - Monte San Giovanni Campano - Napoli

Colazione in albergo e check out 
- Ore 8.30 : Trasferimento con il pullman a Boville Ernica. Visita guidata al centro storico di epoca medievale con i palazzi rinascimentali delle famiglie gentilizie e con le chiese. Tra queste, San Pietro Ispano conserva un sarcofago paleocristiano intatto del 350 d.C e l'Angelo a mosaico di Giotto. 
Al termine trasferimento a Monte San Giovanni Campano e visita guidata. 
Pranzo presso il ristorante “L'Orione" - via Corte 5 - 03025 Monte San Giovanni Campano (FR) tel 0775 288677 - con il seguente menù: Antipasto (selezione di affettati e formaggi locali), Primo (Sagna ciociara e fagioli), Secondo (scaloppina alla zingara (piatto storico del ristorante Orione con olive, carciofi e funghi)), Dessert (delizia al cioccolato), acqua minerale, vino e caffè. 
Dopo il pranzo, visita al Castello con la Cappella di San Tommaso. A causa di eventi il castello potrebbe essere occupato. La visita potrà essere confermata, se non ci saranno eventi privati, solo in prossimità della data. 
Al termine partenza con il pullman per Napoli. Sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’Hotel Terminus e a Piazza 
Vanvitelli. 
- Rientro previsto entro le ore 20. 

 

Quote di partecipazione: 
* in camera doppia 
- Socio Tci   € 180,00 
- Non Socio € 220,00 
* in camera singola 
- Socio Tci   € 200,00 
- Non Socio € 240,00 
Informazioni, prenotazioni e pagamenti: 
Punto Touring di Napoli 

Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9.30 / 13 e 15 / 19.30 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807 
Email: prenotazionitcina@gmail.com  
Inizio prenotazioni: 01/12/2019 
Fine prenotazioni: ad esaurimento dei posti disponibili 
Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo i giorni della visita: 
Console Regionale Giovanni Pandolfo - tel.335.1320908 

Guide: locali 
Partecipanti min / max: 25 / 40 
La quota comprende: il trasporto in pullman dal punto di riunione alle località prescelte, le visite guidate come da programma, n. 1 pernottamento con prima colazione, la cena del sabato, il pranzo della domenica come descritto in precedenza, il compenso per la guida, l’assistenza del console, l’assicurazione per la responsabilità civile. 
Il costo dei biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire, a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione, di poterne usufruire. 
La quota non comprende: la tassa di soggiorno, i biglietti di ingresso, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato. La quota non comprende l’assicurazione (facoltativa) per rimborso spese mediche, smarrimento bagagli, infortunio e annullamento del viaggio. 
Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: Le prenotazioni sono aperte e si chiuderanno, per esigenze dell’Hotel, entro sabato 8 febbraio 2020. 
Le prenotazioni scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento dell’anticipo pari a 50 euro a persona. 
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento). 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club