Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Siena: l’Oratorio e il Museo della Contrada della Torre, con il Tci

Siena: l’Oratorio e il Museo della Contrada della Torre, con il Tci

Dove

Indirizzo evento: 
Siena, via Salicotto, 76
oratorio della contrada

Quando

Sabato 16 Novembre 2019
ore 11.10

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
ore 11.00 Incontro dei partecipanti in Siena, via Salicotto, 76

Contatti

Organizzatore: 
Consoli della Toscana
Cellulare: 
335/6064898
Indirizzo mail: 
federigo.sani@gmail.com
Recapito di emergenza: 
347/6851333
Console accompagnatore: 
Federigo Sani
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Referente per la Contrada della Torre: Davide Orsini, Provveditore ai Beni artistici
Referente: 
Federigo Sani

a visita si snoda lungo un percorso storico-artistico che inizia dall'oratorio e prosegue nelle sale del museo.
L'oratorio, dedicato a San Giacomo maggiore e a Sant’Anna, fu fatto costruire dalla Fraternita della Concezione e dai Torraioli come ringraziamento alla Vergine Immacolata sotto la cui protezione era stata combattuta e vinta nel 1526 la battaglia di Porta Camollia contro le truppe fiorentine e pontificie. A fine Seicento fu completamente ricostruito in dimensioni maggiori. 
Gli affreschi che decorano le volte furono eseguiti da Dionisio Montorselli tra il 1700 e il 1702 e la quadreria annovera autori del Seicento senese, tra i quali Aurelio Martelli detto “il Mutolo”, Deifebo Burbarini e Rutilio Manetti. Su un altare laterale è conservata la tavola di Giovanni di Lorenzo che raffigura la Beata Vergine immacolata fra i Santi Giacomo e Cristoforo (1535), un tempo posizionata sull’altare maggiore della chiesa cinquecentesca. 
L’oratorio è inoltre ancor oggi caratterizzato dal pressoché totale rivestimento delle pareti interne con parati di damasco di seta, di colore rosso scuro, con motivi araldici allusivi ai simboli della Torre, tessuti appositamente per la Contrada e posizionati per l’inaugurazione del 1702. 

Nel Museo è possibile ammirare le monture e i drappelloni vinti dalla Contrada, esposti in un ambiente che si caratterizza anche per il recupero di testimonianze archeologiche particolarmente significative: una tomba etrusca ipogea del III/II secolo a.C., una cisterna per l’acqua di epoca romana (II secolo d.C.), un tratto delle mura cittadine d'inizio Duecento e una quattrocentesca fossa da grano scavata nel tufo. La Contrada della Torre conserva nel proprio museo esemplari di monture di tutti i rinnovi, a partire dal primo, avvenuto nel 1839. Presenta inoltre 5 monture ‘alla piemontese’ e un costume del rinnovo del 1859, mai realizzato per lo scoppio delle guerre d’indipendenza. 
È inoltre possibile ammirare 4 masgalani antichi, riconducibili al XVII e XVIII secolo

 

ore 11.00 Incontro dei partecipanti in Siena, via Salicotto, 76

ore 11.10 Inizio della visita 

 

Referente per la Contrada della Torre: Davide Orsini, Provveditore ai Beni artistici

Socio Tci e non socio: contributo volontario per il Museo

Altre informazioni utili: 

Prenotazioni
Dal 4 novembre fino ad esaurimento disponibilità:  tel. 335/6064898 - email federigo.sani@gmail.com

Quota di partecipazione
Socio Tci e non socio: contributo volontario per il Museo

Referente per la Contrada della Torre: Davide Orsini, Provveditore ai Beni artistici  Tel. 347/6851333