Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Sant’Agata de’ Goti (Bn): Bandiera Arancione del Touring - Replica a grande richiesta

Sant’Agata de’ Goti (Bn): Bandiera Arancione del Touring - Replica a grande richiesta

Dove

Indirizzo evento: 
82019 Sant'Agata de' Goti BN
Sant'Agata de' Goti BN

Quando

Sabato 16 Ottobre 2021
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 10.00 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) in piazza Tiziano Della Ratta – Sant’Agata de’ Goti (BN).

Ora di ritrovo: 
ore 10

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di Territorio di Benevento
Indirizzo mail: 
benevento@volontaritouring.it
Recapito di emergenza: 
Alfredo Fierro 328 8826562
Console accompagnatore: 
console Alfredo Fierro
Presenza guida: 

Sant’Agata de’ Goti: il centro storico sorge su una rocca di tufo segnata in maniera suggestiva dall’abbondanza del verde e da due affluenti del fiume Isclero, che danno il loro nome a due strade perimetrali: via Riello e via Martorano. Il nucleo abitato è distribuito all’interno di un’ellisse secondo una conformazione “a spina di pesce”, caratterizzata da un elevato numero di stradine trasversali. Sant’Agata sarebbe nata sulle ceneri di una più antica città sannita, Saticula. La data di fondazione del centro, già citato da Tito Livio, non è nota, ma è accertato comunque che, durante la seconda guerra sannitica, l’area fortificata venne assediata dai Romani. Conquistata da Quinto Fabio Massimo Rulliano, Saticula diventò colonia romana. Nel VI secolo vi si stabilì una colonia di Goti, che dettero vita a un’opera di pacificazione e di collaborazione con gli abitanti della zona. Nel VII secolo la cittadina passò ai Longobardi, rientrando nell’area del Ducato di Benevento. Nel 1066 se ne impadronirono i Normanni e nel 1230 passò al papa Gregorio IX. Sant’Agata poi appartenne a diverse famiglie, finché don Carlo Marzio Carafa, duca di Maddaloni, l’acquistò nel 1696. Restò proprietà della famiglia Carafa fino all’abolizione del feudalesimo decretata da Giuseppe Bonaparte.

Chiesa di San Menna, eremita del sec. VI, vissuto sul Taburno, le cui spoglie mortali furono trasportate qui. La chiesa, riedificata e ampliata alla fine del sec. XI per ordine di Roberto, conte normanno di Capua, consacrata da papa Pasquale II, è stata restaurata a metà del Novecento. All’esterno, sotto il portico che precede la chiesa, conserva il portale originario con archivolto romanico, decorato da un festone di foglie e due teste di leone. Una scritta latina invita il fedele che entra a pentirsi dei peccati e ricorda a tutti che la chiesa è sotto la giurisdizione del papa. L’interno è a tre navate divise da antiche colonne; il tetto è a capriate. Nel pavimento, specialmente nell’abside, resti notevoli di pavimento musivo a figure geometriche, del prima decennio del sec. XII, uno dei più antichi databili con certezza dell’Italia meridionale.

Chiesa della SS. Annunziata, fondata nel 1238, riedificata e ampliata nel sec. XIV secondo i canoni dell’arte gotica. La facciata conserva un ricco portale marmoreo del 1563, della scuola di Annibale Caccavello: nella lunetta è un’Annunciazione a bassorilievo. L’interno è a una navata sorretta ai lati da archi con soffitto a capriate ricostruito di recente su tracce di quello originario. Nel corso di alcuni lavori sono stati riportati ala luce e restaurati numerosi affreschi. Il più importante è un Giudizio universale, che riveste la controfacciata, dal forte accento narrativo, opera di artista campano della prima metà del sec. XV. Altri affreschi del ‘300 e del ‘400 sono nell’abside. La chiesa, che allo stato attuale è un modello per quanto riguarda la conservazione e la manutenzione, si è anche arricchita di una splendida serie di 16 vetrate istoriate, eseguite su disegni di Bruno Cassinari.

Duomo S. Maria Assunta, fondato nel 970, rifatto all’inizio del sec. XII, restaurato nel 1728-55 e nel secolo scorso. La facciata è preceduta da un ampio portico, costituito da 12 colonne antiche con capitelli corinzi, delle quali quattro ai lati del portale mediano. L’interno, vasto e luminoso, a croce latina a tre navate divise da pilastri, con numerose cappelle adorne di decorazioni barocche a stucco e con notevoli altari in marmi policromi, contiene una serie di interessanti opere d’arte. Sotto il presbiterio è la Cripta, importante testimonianza della chiesa romanica del sec. XII.

Si ringrazia per la collaborazione l’amministrazione Comunale di Sant’Agata de’ Goti

Altre informazioni utili: 

ATTENZIONE: LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGE NEL RIGOROSO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E LOCALI DI CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA, VIGENTI ALLA DATA DELLA MANIFESTAZIONE, ALLE QUALI I SINGOLI PARTECIPANTI SI DEVONO ATTENERE.

programma di massima

- Ore 10.00 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) in piazza Tiziano Della Ratta – Sant’Agata de’ Goti (BN).

- Ore 10.30 :  Visita guidata agli edifici religiosi del Centro Storico.

- Ore 13.30 : Pranzo al sacco o presso il ristorante “Borgo Antico” – Piazza Trieste 9 – Sant’Agata de’ Goti (BN) – prenotazione a carico dei singoli partecipanti, contattando il console Alfredo Fierro benevento@volontaritouring.it  oppure 328 882 6562 – al costo di 25 euro a persona, con il seguente menù: Antipasto (pan cotto, zeppoline ai fiori di zucca, polenta con porcini e salsiccia + tartufo, rustico con scarola, salame casereccio), Primo (Cavatelli con melanzane e salsiccia), Secondo (Maialino alla mela annurca con contorno di melanzane ‘a cape e morte’), Dessert (Babà alla mela annurca con liquorino), acqua minerale, vino e caffè.

- Ore 16.00 : Raduno dei partecipanti in piazza Tiziano Della Ratta – Sant’Agata de’ Goti – visita guidata ad alcune dimore storiche.

Quota di partecipazione:

  • per la visita

- Socio TCI           2,00 euro

- Non Socio          4,00 euro

  • per il pranzo

25 euro a persona

La quota (da pagare il giorno della manifestazione) comprende la visita guidata come da programma, il pranzo (con prenotazione a cura del singolo partecipante), le spese organizzative del Club di Territorio di Benevento, l'assistenza del console, l'assicurazione per la responsabilità civile.

La quota non comprende: le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.

Prenotazioni: esclusivamente a mezzo email benevento@volontaritouring.it

Trasporti: mezzi propri

Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: console Alfredo Fierro 328 8826562

Partecipanti: massimo 30 persone

Condizioni di partecipazione

Le prenotazioni sono aperte e dovranno pervenire entro sabato 9 ottobre 2021.

La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.

Il Club di Territorio di Benevento del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. Sono ammessi i non soci perché possano constatare la qualità e l’interesse delle nostre manifestazioni e, quindi, associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club