Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • San Marco dei Cavoti e Molinara (BN)

San Marco dei Cavoti e Molinara (BN)

Dove

Indirizzo evento: 
82029 San Marco dei Cavoti BN
San Marco dei Cavoti e Molinara (BN)

Quando

Domenica 24 Novembre 2019
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 10.00 : Ritrovo dei partecipanti (con mezzi propri) a San Marco dei Cavoti (BN), piazza Risorgimento, davanti alla caffetteria. 

Ora di ritrovo: 
ore 10

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di Territorio di Benevento
Telefono di riferimento: 
328.8826562
Recapito di emergenza: 
328.8826562 (Alfredo Fierro)
Console accompagnatore: 
Vice console Giovanni Liparulo
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
dott. Andrea Jelardi

Una visita guidata in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano alla scoperta di San Marco dei Cavoti e di Molinara. San Marco dei Cavoti, nell'alto bacino del Tammaro, è famoso per il "croccantino" e per il Museo degli Orologi. Molinara è un paese di antica origine, il cui centro storico è stato di recente restaurato. 
San Marco dei Cavoti. È un centro agricolo (m 695) con attività industriali (specialmente torroni), situato su una collina, nell’alto bacino del Tammaro. È stato fondato alla fine del sec. XIV, in prosecuzione di un centro preesistente. Secondo la tradizione il primo insediamento, in località Zenna, a non molta distanza dalla cittadina, sorgeva la città sannitica di Cenna, citata da Diodoro Siculo e alleata dei Romani. Si hanno notizie di un secondo centro, San Severo, nel sec. XI, come possesso dei conti Franchi di Avella e come feudo dei conti di Ariano. Sotto Guglielmo II il paese entrò a far parte della Contea di Buonalbergo e in età sveva divenne possesso della famiglia Shabran, conti di Apice e di Ariano. Nel 1348 il centro fu distrutto da Ludovico di Taranto durante l’assedio di Apice, a causa dell’alleanza degli Shabran con il re d’Ungheria Luigi il Grande. La peste dello stesso anno e il terremoto del 9 settembre 1349 contribuirono all’abbandono del centro. 
San Marco è ricordato per la prima volta nel 1385: una colonia di Provenzali, Borgognoni e Gavoti (da Gap, nel Delfinato), venuti al servizio degli Angioini, fondarono la cittadina. La denominazione “San Marco”, è dovuta alla particolare devozione dei Provenzali per il santo, loro patrono, mentre l’espressione “Cavoti”, successiva a “Gavoti”, indica la provenienza dalla città provenzale di Gap. Appartenne in feudo ai Gaetani, quindi ai Cavaniglia, che lo tennero col titolo di marchesi e conto i quali nel 1648 la cittadina insorse. In seguito il possesso del paese passò ai Caracciolo, che lo governarono fino al 1806, anno dell’abolizione della feudalità. 
Nel 1861 San Marco, che apparteneva al Principato Ultra, entrò a far parte della provincia di Benevento. 
Nella cittadina di notevole interesse è il Modern (Museo osservatorio didattico espositivo e di ricerca sul novecento), uno spazio culturale polivalente che, in circa 500 mq e tredici sale, comprende la Biblioteca, l’Emeroteca, le Collezioni e l’Archivio della Famiglia Jelardi, nonché una sezione, in quattro sale, dedicata al Museo della Pubblicità, del Packaging e del Commercio, primo e unico museo italiano dedicato agli oggetti legati alla pubblicità, agli imballaggi e al commercio in genere facenti parte della collezione di Andrea Jelardi, fondatore e direttore del museo. Particolare rilievo ha anche un insolito Museo degli Orologi da Torre, dove è possibile osservare da vicino il funzionamento e i differenti meccanismi che azionano queste macchine. Nella parte alta dell’abitato è situata la Parrocchiale di San Diodoro, rifatta in forme moderne dopo la distruzione per il terremoto del 1962. Davanti alla chiesa, belvedere con vista molto ampia e interessante. Di grande interesse è il borgo medievale, circondato da porte e mura, oggetto di un vasto programma di riqualificazione verso la fine del secolo scorso. In una pittoresca piazzetta, con fontana, sorge la Chiesa del Carmine, con due portali in pietra. Sempre nel borgo antico, è la notevole Cappella di S. Rocco. 
Molinara. È una caratteristica cittadina dell’Appennino sannita (m 580), di antica origine, situata in posizione elevata sulla valle del fiume Tammaro. Il toponimo, secondo la tradizione, troverebbe origine dalla quantità di mulini che esistevano anticamente nel paese. Appartenne a diversi feudatari, uno dei quali, Francesco Muscettola, ottenne nel 1663 di cambiare il nome del paese in quello di Spezzano, in memoria di un antico feudo della famiglia. La nuova denominazione non ebbe però fortuna: il popolo continuò a chiamarlo Molinara. È formata da una parte moderna a nord, in larga misura rifatta dopo i danni del terremoto del 1962, e una parte medievale a sud, di recente restaurata con fondi europei. Nella parte medievale è molto caratteristico l’ex Palazzo ducale, ora Palazzo Santoro, che sorge in posizione elevata, a un’estremità dell’abitato. Sempre nel borgo antico si trova la Chiesa di Santa Maria dei Greci

 

Altre informazioni utili: 

Programma
- Ore 10.00 : Ritrovo dei partecipanti (con mezzi propri) a San Marco dei Cavoti (BN), piazza Risorgimento, davanti alla caffetteria. 
- Ore 10.30 : Visita guidata di San Marco dei Cavoti a cura del dott. Andrea Jelardi. 
- Ore 13.30 : Pranzo al sacco o presso il ristorante “Il Leone d’oro” – via Papa Giovanni XXIII,54 – 82029 San Marco dei Cavoti (BN) – prenotazione a carico dei singoli partecipanti, contattando il console Alfredo Fierro benevento@volontaritouring.it oppure 328.8826562 – al costo di 25 euro a persona – con il seguente menù: Antipasto con prodotti tipici locali; Primi (assaggi di pasta e fagioli e cavatelli broccoli e pancetta); Secondo (arrosto misto di carne locale); Contorni (patate al forno e insalata); Dessert (torta al croccantino); vino locale, acqua minerale, caffè. 
- Ore 16,30 Visita guidata a Molinara. 
Quota di partecipazione : La manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Tci. 
Pranzo al sacco o presso il ristorante “Il Leone d’oro”– San Marco dei Cavoti – al costo di € 25,00 a persona – prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti, contattando il console Alfredo Fierro benevento@volontaritouring.it oppure 328.8826562 
I soci e gli amici del Tci regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile. 
Prenotazioni: fino al 21/11/2019 - tel. 328.8826562 – email benevento@volontaritouring.it 
Partecipanti: max 40 persone 
Volontario Tci accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita Vice console Giovanni Liparulo 328.8826562 (Alfredo Fierro) 
Condizioni di partecipazione: Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. 
La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia. 
Il Club di Territorio di Benevento si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l’interesse delle nostre manifestazioni e quindi associarsi.