Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Palermo: Visita guidata alla Cappella della SS. Trinità e alla Zisa

Palermo: Visita guidata alla Cappella della SS. Trinità e alla Zisa

Dove

Indirizzo evento: 
Chiesa della SS.Trinità e Zisa a Palermo

Quando

Domenica 6 Maggio 2018
Alle ore 9,30

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
Alle ore 9,30 in Via Normanni (da Piazza Camporeale)

Contatti

Organizzatore: 
Club di Territorio di Palermo del Tci
Indirizzo mail: 
palermo@volontaritouring.it
Presenza guida: 

A pochi metri dal Castello della Zisa si trova la chiesa della SS. Trinità. È una chiesa normanna poco conosciuta a Palermo. Dal 1175 la sua storia è stata molto travagliata. Forse è la parte più antica dell’aggregato della Zisa o addirittura antecedente. Una particolarità consiste nel fatto che aderente, ma contrapposta alla Chiesa della SS. Trinità, fu edificata la Chiesa di Gesù, Maria e Santo Stefano. Si tratta di due chiese affiancate, ma contrapposte!

La chiesa della SS. Trinità forse fu edificata sui ruderi di un refettorio di un monastero bizantino e forse fu trasformata, per breve tempo, in moschea, durante la dominazione araba.
La vera storia la ascolteremo direttamente dai custodi e guardiani della Chiesa.
Di sicuro durante il regno di Guglielmo I di Sicilia diventa un luogo di culto cristiano e con Guglielmo II diviene una cappella del palazzo della sua residenza. Nel 1399, Giovanni Guglielmo Ventimiglia, Gran Siniscalco e amministratore delle residenze reali, la intitola a Sant’Anna.

La ZISA!
Il nome Zisa deriva dall’arabo al-Aziz (splendido, magnifico) parola ancor oggi esistente nel nostro dialetto. Infatti, quando parliamo di una donna sfarzosamente agghindata la definiamo “azzizzata”.
Il castello, pur nelle sue innumerevoli trasformazioni di carattere strutturale ed ornamentale, rimane un capolavoro di architettura arabo-normanna creata durante la dominazione di Guglielmo I e Guglielmo II. Da sottolineare la maestria della “manovalanza” araba che attraverso il percorso delle acqua dal tetto ai locali terreni, creavano refrigerio in tutti gli ambienti attraverso canne di ventilazione e teli umidi appesi ai soffitti. Antesignani dell’aria condizionata!

Il castello della Zisa, tra l’altro, ha acceso la fantasia popolare con la leggenda dei Diavoli della Zisa. L’affascinante affresco è dipinto “nell’intradosso” dell’arco di ingresso alla Sala della Fontana e raffigura personaggi mitologici. Intitolato “i diavoli” della Zisa in quanto riesce difficile, se non impossibile, contare con esattezza le figure raffigurate. Il titolo, acquisito nel nostro dialetto, fa riferimento ad una moltitudine, non ben definita, di persone. Si dice, infatti, “erano quanti i diavoli della Zisa”.
Secondo una leggenda, inoltre, questo affresco sarebbe stato realizzato per proteggere un tesoro nascosto nel castello da due amanti contrastati e fuggiaschi, morti a Palermo.

Altre informazioni utili: 

Informazioni e prenotazioni:

E-mail: palermo@volontaritouring.it

Quota individuale di partecipazione:
Cappella SS. Trinità: offerta libera;
Visita alla Zisa con guida: € 5,00 individuale.

(max 30 partecipanti)

N.B.: La partecipazione dei soci dovrà essere confermata entro il 27 aprile p.v. con  il   versamento della quota presso l’agenzia Flambò di Via Garzilli, 38.
Tel. 091.6254321
Le richieste saranno accettate fino al completamento del numero previsto dei partecipanti.

 

Allegati: