Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Padule di Fucecchio: alla scoperta dell’Area Righetti

Padule di Fucecchio: alla scoperta dell’Area Righetti

Dove

Indirizzo evento: 
via Castelmartini, 125/a - Larciano (PT)
Padule di Fucecchio, Area Righetti

Quando

Domenica 3 Giugno 2018
ore 9.30-12,30

Ritrovo

Come arrivare: 

Centro RDP Padule di Fucecchio, via Castelmartini, 125/a - Larciano (PT)

Ora di ritrovo: 
ore 9,15

Contatti

Organizzatore: 
Club di Territorio di Pistoia
Cellulare: 
339/6723270
Indirizzo mail: 
visite.prenotazioni@gmail.com
Recapito di emergenza: 
339/6723270
Console accompagnatore: 
Gianluca Chelucci
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Guida ambientale del Padule di Fucecchio
Referente: 
Martina Fornaini

Visita straordinaria all’Area Righetti, nel cuore della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio. Il Padule ha un’estensione di circa 1800 ettari, divisi fra la provincia di Pistoia e la provincia di Firenze. Notevolmente ridotto rispetto all'antico lago-padule originario che occupava gran parte della Valdinievole meridionale, rappresenta tuttora la più grande palude interna italiana, di straordinaria ricchezza e importanza naturalistica. 

 

La gestione diretta dell’area protetta è della Provincia di Pistoia, che ha affidato al Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio compiti relativi alla fruizione ed alla supervisione tecnico-scientifica. Al Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio spetta invece la manutenzione ambientale dell’area. 
Il Centro svolge un’importante funzione nelle attività di educazione e divulgazione grazie anche alle moderne strutture del nuovo Centro Visite, al cui interno è ospitato il Laboratorio per l’Educazione Ambientale nel Padule di Fucecchio. Il Centro dispone inoltre di aule didattiche e ambienti polifunzionali per conferenze ed esposizioni temporanee, di un bookshop e di una biblioteca tematica sulle zone umide. 

L’Area Righetti è dotata di strutture per la visita che comprendono tre osservatori faunistici, i quali permettono di svolgere anche attività di birdwatching, aspetto particolarmente rilevante nell’itinerario naturalistico Righetti; infatti, il Padule riveste un ruolo fondamentale nelle rotte migratorie fra la costa tirrenica e l’interno e vi si possono osservare nel corso dell'anno oltre 200 specie di uccelli. 
Particolare rilievo naturalistico assumono gli aironi, che qui hanno formato la colonia di nidificazione più importante dell'Italia centro-meridionale. Si possono inoltre osservare anatre, folaghe, svassi, cormorani, il germano reale, la gallinella d’acqua, mentre le aree fangose sono frequentate da beccaccini, pavoncelle, chiurli, pittime. Da segnalare anche la presenza di oltre 1000 specie di coleotteri. 

Da sottolineare, tra le tradizioni produttive storiche del Padule, quella legata alla lavorazione delle erbe palustri: qualche artigiano pratica ancora la raccolta e l'intreccio del "sarello" e della "sala", per “rinvestire” sedie e fiaschi, della "gaggia" e di altre piante tipiche dell'area umida.

 

Quota di partecipazione: euro 6 (calcolata su un numero minimo di 15 partecipanti)

Altre informazioni utili: 

Prenotazione obbligatoria entro il 30 maggio 2018. Posti limitati (max 30 partecipanti). 

Per informazioni e prenotazioni: tel. 339/6723270 (Martina Fornaini) – mail.: visite.prenotazioni@gmail.com

Quota di partecipazione: euro 6 (calcolata su un numero minimo di 15 partecipanti).

Per saperne di più: http://www.zoneumidetoscane.it

Allegati: