Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Napoli: Eremo dei Camaldoli con pranzo dalle Brigidine

Napoli: Eremo dei Camaldoli con pranzo dalle Brigidine

Dove

Indirizzo evento: 
Via dell'Eremo, 87, 80131 Napoli NA
Eremo dei Camaldoli

Quando

Domenica 19 Gennaio 2020
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 9.30 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) all'ingresso dell'Eremo SS. Salvatore - via dell'Eremo 87 - 80131 - Napoli. 

Ora di ritrovo: 
ore 9.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Corpo Consolare della Campania
Telefono di riferimento: 
081.19137807
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
Lella Di Lucca 320.3029497
Console accompagnatore: 
socio attivo Lella Di Lucca
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Marianna D'Arienzo

Una giornata da trascorrere presso l’antico complesso monumentale che sorge sulla collina dei Camaldoli, uno dei luoghi più panoramici ed incantevoli della nostra città. 
Saremo ospiti delle suore Brigidine che abitano l’eremo dal 1998. 
La visita sarà l’occasione per cogliere l’essenza di un luogo che parla di storia ed arte, oltre ad essere, soprattutto, un sito dell’anima. Alla visita guidata seguirà il pranzo. 
Ci sarà, poi, la possibilità di rilassarsi: si potrà sostare negli ambienti interni, passeggiare lungo i viali, godere panorami di incomparabile bellezza. 

L'Eremo dei Camaldoli
È un complesso monastico di elevato valore storico, artistico e paesaggistico, situato sulla sommità della collina dei Camaldoli, a 458 m slm, il rilevo più elevato delle colline di Napoli. 
Affidato per secoli ai monaci camaldolesi, dal 1998, dopo essere stato ristrutturato e rinnovato, è abitato dalle suore Brigidine dell’ordine del SS. Salvatore di S. Brigida, fondato da Santa Brigida di Svezia nella seconda metà del Trecento e rifondato nel 1911 dalla Beata Maria Elisabetta Hesselblad. 
Costruito nel 1585 su progetto di Domenico Fontana secondo linee architettoniche riferibili ad uno stile tardo rinascimentale, fu eretto sui ruderi di un’antica cappella, fondata da San Gaudioso nel 439, dedicata alla trasfigurazione di Gesù Cristo. 
Giovanni d’Avalos, figlio di Alfonso d’Aragona, marchese del Vasto ne fu fondatore e benefattore. 
Oltre alla chiesa, fanno parte del complesso la cinta muraria esterna, 16 celle dei monaci, il giardino, l’orto, i servizi ed il belvedere, aperto su Napoli ed i Campi Flegrei con una visuale che si estende dal Somma - Vesuvio ai Monti Lattari fino a Capri, Procida ed Ischia. 
L’eremo nel corso della sua storia è stato soppresso due volte: nel 1807, durante il periodo napoleonico, nel 1866 dai Savoia. Nel 1885 fu restituito ai monaci. 
La Chiesa
Superato il portale d’ingresso e percorso il portico, attraverso una rampa di scale, si raggiunge l’ampio sagrato sul quale prospetta la facciata della chiesa. 
La chiesa presenta una navata e sei cappelle laterali, tre per ogni lato; l’altare maggiore, con intarsi di marmi policromi, probabilmente fu realizzato su progetto di Cosimo Fanzago. Nella chiesa dell’Eremo sono presenti opere di alcuni importanti rappresentanti della pittura napoletana di circa due secoli. Pregevoli sono: una tela di Massimo Stanzione rappresentante l’”Ultima Cena”, affreschi di Angelo Mozzillo e dipinti attribuiti ad Antiveduto Gramatica. La pala sulla parete di fondo, rappresentante “la Trasfigurazione di Cristo”, è cinquecentesca, ma di attribuzione incerta. Tra le tele che ornano le cappelle si segnalano opere di Luigi Rodriguez, Luca Giordano, Fabrizio Santafede, Giovanni Bernardo Azzolino, Cesare Fracanzano, Ippolito Borghese. 
Da un ingresso posto alla sinistra dell’altare maggiore si accede alla sala capitolare; a destra, una porta sormontata da un dipinto ovale di Cesare Fracanzano immette nel vestibolo della sacrestia. 

Altre informazioni utili: 

Programma
- Ore 9.30 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) all'ingresso dell'Eremo SS. Salvatore - via dell'Eremo 87 - 80131 - Napoli. 
Inizio visita guidata: una delle celle dei monaci, l'antico refettorio, l'infermeria, la sala per gli ospiti illustri, la chiesa, l'orto comune e il belvedere. 
- Ore 13.00 : Pranzo preparato dalle suore Brigidine. 
- Ore 14.30 : Tempo libero e relax negli spazi dell'Eremo dei Camaldoli. 
Quota di partecipazione: 
- Socio Tci   € 25,00 
- Non Socio € 29,00 
Informazioni, prenotazioni e pagamenti: 
Punto Touring di Napoli 

Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9.30 / 13 e 15 / 19.30 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807 
Email: prenotazionitcina@gmail.com  
Le prenotazioni sono aperte fino ad esaurimento dei posti disponibili. 

Trasporti: mezzi propri 
Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: socio attivo Lella Di Lucca 320.3029497 
Guida: Marianna D'Arienzo 

Partecipanti min / max: 25/ 40 
La quota comprende: la visita guidata come da programma, il pranzo preparato dalle suore Brigidine, assistenza del console, assicurazioni per la responsabilità civile. 
La quota non comprende: le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato. 
Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: Le prenotazioni scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota. 
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento). 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi. 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club