Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Napoli: Castel Nuovo (Maschio Angioino) e Dante Templare - itinerario 5

Napoli: Castel Nuovo (Maschio Angioino) e Dante Templare - itinerario 5

Dove

Indirizzo evento: 
Via Vittorio Emanuele III, 80133 Napoli NA
Castel Nuovo - Maschio Angioino - Napoli

Quando

Sabato 16 Ottobre 2021
dalle ore 9.30 alle ore 12

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore   9.30 : Ritrovo dei partecipanti all'ingresso di Castel Nuovo (Maschio Angioino) – Napoli

Ora di ritrovo: 
ore 9.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Consoli della Campania
Telefono di riferimento: 
081 578 03 55
Indirizzo mail: 
vomero@touringclubnapoli.it
Recapito di emergenza: 
Giovanna Sentenza 331 2512342
Console accompagnatore: 
socio attivo Giovanna Sentenza
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Rosa Maione

Castel Nuovo chiamato Maschio Angioino è uno storico castello che si erge maestoso su Piazza Municipio, al suo interno ospita il Museo Civico e la Società napoletana di storia patria. La costruzione si deve al sovrano Carlo I D’Angiò che, nel 1266, sconfitti gli Svevi salì al trono di Sicilia e stabilì il trasferimento della Capitale da Palermo a Napoli. La residenza reale di Castel Capuano risultava inadeguata e troppo lontana dalla costa per cui Carlo I decise di far edificare un nuovo castello in prossimità del mare. I Lavori, affidati all’architetto francese Pierre de Chaule, presero il via nel 1279 per terminare nel 1282. Dell’edificio angioino non rimane più nulla, a eccezione della Cappella Palatina e di altri elementi minori. Secondo Riccardo Filangieri, il castello era rivestito completamente in tufo e presentava un impianto quadrilatero irregolare con sette torri a pianta circolare. Ciò che resta oggi del castello è frutto di intensi lavori di ricostruzione voluti da Alfonso D’Aragona nel 1443. Il re chiamò nel cantiere, oltre alle maestranze locali, artisti catalani e toscani.

Attualmente, il castello presenta una pianta irregolare trapezoidale ed è circondato da cinque torri cilindriche, quattro rivestite in piperno e una in tufo coronate da merli. Le tre torri sul lato rivolto verso l’ingresso sono chiamate di San Giorgio, di Mezzo e di Guardia, mentre, le due rivolte verso il mare sono dette torre dell’Oro e di Beverello. Tra le due torri di mezzo e di Guardia si erge l’Arco di Trionfo, che celebra l’entrata trionfale a Napoli di Alfonso I D’Aragona avvenuta il 26 febbraio 1443. L’Arco di Trionfo è stato realizzato intorno al 1452 su disegno di Francesco Laurana, si compone di due archi in marmo sovrapposti e si sviluppa su quattro livelli; gli archi sono affiancati da due colonne scanalate con capitelli corinzi. Diversi gli altorilievi che impreziosiscono l’Arco di Trionfo come Alfonso tra i congiunti, i capitani e i grandi ufficiali del regno e il famoso Trionfo di Alfonso D’Aragona.

Proprio qui ripercorreremo le tracce di una presunta venuta a Napoli di Dante Alighieri, attraverso note ed aneddoti del tempo. Si narra, che il Sommo Poeta si sia recato più volte a Napoli e proprio qui nella città Parthenopea soleva vestirsi con gli abiti dei Templari. 

Tanti e molteplici i riferimenti templari che sono stati individuati nella Divina commedia da recenti studi, come la periodicità nel numero 13 cui l’ordine dei Templari era particolarmente legato così come simboli mistici e molto suggestivi ritroviamo anche nel castello napoletano del Maschio Angioino, che legano la città non solo all’ordine dei Templari ma anche alla suggestiva storia del Santo Graal.

2021: 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Nella sua vita (1265-1321) Dante viaggiò e visse in luoghi diversi, anche a Napoli, dove fu inviato per due volte come ambasciatore presso Carlo II d’Angiò, da cui venne ricevuto nel Maschio Angioino. Si sa che il Sommo Poeta visitò le biblioteche e le principali chiese partenopee, come Sant’Eligio, San Lorenzo Maggiore, dissertando su storia e di filosofia con gli eruditi frati di San Domenico Maggiore. C’era anche Dante insieme con Jacopo De Molay, Gran Maestro dei Templari, a Castel Nuovo nel 1295 quando si tenne l’elezione al soglio pontificio di Bonifacio VIII. Su invito del de Molay, Dante fu ospitato nella Commenda templare del porto, l’odierna Caserma Zanzur. Fu qui che iniziò a sognare l’idea politica imperiale. Naturalmente, subito contrastato dal nuovo papa. Nel corso del soggiorno napoletano i suoi rapporti con i templari furono abbastanza assidui: visitò anche la Commenda di Capua, da cui dipendevano quelle di Gaeta, Isernia, Napoli e l’Ospedale, diretto da fra Matteo d’Isernia, con cui sembra che Dante si dilettasse a discutere di filosofia. Fu di nuovo a Napoli nel 1296 per sugellare l’alleanza fiorentina con il Regno Angioino e per richiedere grazia della vita per un cittadino fiorentino condannato a morte. A Napoli fu sempre ben accolto: accompagnato da pochi gentiluomini girò molto per la città. Fu proprio qui, secondo alcuni cronisti d’epoca, che l’Alighieri prese l’abitudine di vestire con abiti bianco rossi, alla foggia dei Templari.

Altre informazioni utili: 

ATTENZIONE: LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGE NEL RIGOROSO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E LOCALI DI CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA, VIGENTI ALLA DATA DELLA MANIFESTAZIONE, ALLE QUALI I SINGOLI PARTECIPANTI SI DEVONO ATTENERE.

SI EVIDENZIA CHE, IN CONSIDERAZIONE DELL'ACCESSO A LUOGHI CHIUSI, E' NECESSARIO ESIBIRE IL GREEN PASS E UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO.

Programma

- Ore   9.30 : Ritrovo dei partecipanti all'ingresso di Castel Nuovo (Maschio Angioino) – Napoli

- Ore 10.00 : Inizio della visita guidata

- Ore 12.00 : Termine della visita guidata

Quota di partecipazione

Socio TCI      €     6,00

Non Socio      €   10,00

Informazioni, prenotazioni e pagamenti:

Punto Touring di Napoli c/o Vomero Travel - Via San Gennaro ad Antignano 90 - 80129 Napoli

LUN - VEN: 10 / 13 - 16 / 18,30

SAB: 10 / 13

tel. 081 578 03 55         

email vomero@touringclubnapoli.it

Trasporti: mezzi propri

Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: socio attivo Giovanna Sentenza

331 2512342

Guida: Rosa Maione

Partecipanti: massimo 30 persone

La quota comprende: la visita guidata come da programma, utilizzo delle radioguide, assistenza del console, assicurazioni per la responsabilità civile.

La quota non comprende: le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.

Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione:

il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.

Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club