Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Minturno (LT) il Parco Archeologico e il Real Ponte Ferdinandeo

Minturno (LT) il Parco Archeologico e il Real Ponte Ferdinandeo

Dove

Indirizzo evento: 
Minturno LT
Minturno

Quando

Domenica 29 Settembre 2019
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 7.00 : Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli. 
- Ore 7.30 : Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. Si percorre l’Autostrada A1 in direzione di Minturno quindi per viabilità ordinaria. Soste tecniche lungo il percorso.

Ora di ritrovo: 
ore 7 e ore 7.30

Contatti

Organizzatore: 
Touring Club Italiano Corpo Consolare della Campania
Telefono di riferimento: 
081.19137807
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
Pompeo Pelagalli 331.2800144
Console accompagnatore: 
socio attivo Pompeo Pelagalli
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
dr. Emiliano Pimpinella - sig. Alessio Pimpinella

Una visita guidata in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano alla scoperta del Comprensorio Archeologico di Minturno - che si caratterizza per un patrimonio storico, archeologico e artistico prima ausone , poi romano , rinascimentale , moderno e contemporaneo - e del "Real Ponte Ferdinandeo". 
Minturnae: fu dedotta nel 296 a.C. come colonia marittima sulla sponda destra del fiume Liris (antico nome del Garigliano) per motivi soprattutto commerciali legati alla navigabilità del corso d'acqua ed al mare, in un punto di comodo approdo della costa laziale, non lontano dalla foce ove sorgeva il santuario emporico dedicato al culto della ninfa Marica (e successivamente, dalla piena età imperiale, al culto delle divinità orientali Iside e Serapide). La forma della primitiva città è quella dell'impianto castrale con perimetro quadrato, delimitato da mura in opera poligonale, suddiviso all'interno dagli assi ortogonali del cardo e del decumano (la via Appia). Forse già nel III sec. a.C. la città si estese fuori dal castrum con una nuova cinta muraria in opera quadrata, munita di torri. Venne organizzato il foro, delimitato da un triportico ad alae, con pilastri quadrangolari di tufo e decorazione fittile, e fu eretto il Capitolium. Alla fine dell'età repubblicana è ascrivibile il primo impianto del teatro. La radicale trasformazione urbanistica di età augustea, a seguito della nuova deduzione coloniale, comportò la monumentalizzazione del tratto urbano della via Appia mediante portici, la costruzione di un tempio dedicato ad Augusto nel foro repubblicano, la dedica di un tempio a Cesare divinizzato sul castrum, la sistemazione di una nuova piazza affrontata a quella più antica, la riedificazione del teatro. 

Alla città in tufo di età repubblicana e a quella in pietra di età augustea si sostituì - nel nuovo assetto urbanistico adrianeo - una città in muratura: si eressero il mercato e le terme urbane, fu ampliato il teatro; il quartiere nord-occidentale si connotò come residenziale con la costruzione di varie case (domus del teatro, domus delle tabernae, domus del portico, domus del mercato, domus delle terme); le strade vennero abbellite con fontane e ninfei grazie alla conduzione di un acquedotto. La Minturnae che visitiamo oggi ha i caratteri della città adrianea, con i nuovi edifici, la nuova tecnica edilizia, la novità dell'acqua portata in città, ma soprattutto con i rialzamenti delle quote di calpestio e l'obliterazione di alcune strade. Per i secoli successivi le vicende e le fortune di Minturnae sono narrate non dall'urbanistica, ma dagli interventi di rifacimento e restauro che si susseguono fino al VI sec. d.C. 
L' Antiquarium : I reperti più significativi provenienti dalla città e dal territorio sono esposti dal 1984 nell'Antiquarium, allestito entro gli ambulacri del teatro romano.

Nell'ambulacro destro, la "galleria delle statue", si trovano i materiali scultorei più significativi sia per la storia di Minturnae e dei monumenti ove sono stati rinvenuti (statue di Augusto e Livia dal tempio di Augusto, statue di Muse dal teatro), sia per la storia dell'arte (originali ellenistici e copie di età romana da originali greci). L'ambulacro sinistro ospita il lapidarium, la raccolta di decorazioni architettoniche marmoree pertinenti soprattutto alle varie fasi del teatro e una serie di togati. 
Il ponte borbonico Real Ferdinando sul Garigliano (1832), è un ponte sospeso situato nei pressi dell'area archeologica di Minturnae, sul confine fluviale che dal 1927 divideva la provincia di Napoli dalla provincia di Roma e, a partire dal 1934, dalla nuova provincia di Littoria; dal 1945 divide la Provincia di Caserta da quella di Latina. Fu il primo ponte sospeso a catenaria di ferro, realizzato in Italia, e secondo ponte in Europa (ma primo ponte sospeso nell'Europa continentale), dato che il primato assoluto europeo spetta alla Gran Bretagna (1824). Fu esempio di architettura industriale del Regno delle Due Sicilie che dal punto di vista tecnico costruttivo era per quei tempi all'avanguardia in Europa. 
È stato il primo ponte ad impalcato sospeso in ferro d'Italia e resistette fino al 1943 quando i tedeschi, dopo averci fatto transitare il 60% della propria armata in ritirata, compresi carri e panzer, lo distrussero. Fu integralmente restaurato con fondi della Comunità Europea e il concorso della Soprintendenza dei Beni Culturali e Paesaggistici di Caserta e Benevento e del Provveditorato alle opere pubbliche di Latina e Roma tra il 1991 e 1998. Riaperto al pubblico dal 2008 è oggi visitabile ad opera del Comitato Luigi Giura con il permesso della SABAP di Rieti, Frosinone e Latina. Attraversandolo dal lato di Caserta termina in provincia di Latina di fronte all'area archeologica di Minturno. Il ponte è oggi aperto alle visite del pubblico (gruppi di max 25 persone) in concomitanza con gli orari del vicino Comprensorio archeologico di Minturnae. 

Altre informazioni utili: 

Programma
- Ore 7.00 : Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli. 
- Ore 7.30 : Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. Si percorre l’Autostrada A1 in direzione di Minturno quindi per viabilità ordinaria. Soste tecniche lungo il percorso. 
- Ore 10.00 : Arrivo a Minturno e visita guidata al "Real Ferdinando", il ponte sospeso sul Garigliano del 1852. A seguire, visita guidata al Comprensorio Archeologico. 
- Ore 14.00 : Pranzo presso il ristorante "Teatro Romano" - via Appia 1941 - Marina di Minturno - con il seguente menu: Crostino con alici e frittelle di alghe, Calamarata ai frutti di mare, Filetto di orata con tortino di patate e cuore di zucca, grappolo d'uva, acqua minerale, calice di vino. 
- Ore 16.30 : Al termine della visita, partenza con il pullman per Napoli. Sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all'Hotel Terminus e a Piazza Vanvitelli.
Quota di partecipazione 
- Socio Tci   € 50,00 
- Non Socio € 58,00 
Informazioni, prenotazioni e pagamenti: 
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9.30 / 13 e 15 / 19.30 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807 
Email: prenotazionitcina@gmail.com  
Le prenotazioni sono aperte fino ad esaurimento dei posti disponibili. 
Trasporti: pullman GT della ditta Pazzi Travel 
Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: socio attivo Pompeo Pelagalli 331.2800144 
Guide: dr. Emiliano Pimpinella - sig. Alessio Pimpinella 
Partecipanti: minimo 25 persone 
La quota comprende: il trasporto in pullman dal punto di riunione alla località prescelta, la visita guidata, il pranzo come descritto, l'assistenza del console, le assicurazioni per la responsabilità civile. 
Il costo del biglietto d’ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione di poterne usufruire. 
La quota non comprende: gli ingressi, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato. 
Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota. 
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 
Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento). 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club