Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Milano, " Programmazione Teatro Franco Parenti - giugno 2018"

Milano, " Programmazione Teatro Franco Parenti - giugno 2018"

Dove

Indirizzo evento: 
Milano, Teatro Franco Parenti, Via Pier Lombardo 14

Quando

Da Mercoledì 6 Giugno 2018 a Domenica 17 Giugno 2018
Orari diversi

Contatti

Telefono di riferimento: 
0259995206
Indirizzo mail: 
biglietteria@teatrofrancoparenti.com
6 -11 giugno orari diversi - Homicide House di Emanuele Aldrovandi
con Luca Cattani, Cecilia di Donato, Marco Maccieri, Valeria Perdonò
regia Marco Maccieri produzione BAM Teatro / Homicide House
 
Indebitato per problemi di lavoro, un uomo si trova a dover ripagare tutto da un giorno all’altro. Non avendo i soldi necessari e temendo per l’incolumità della propria moglie e dei propri figli, l’uomo accetta di entrare in un luogo dove “s’incontrano esigenze complementari che il mercato finora non soddisfaceva”: chi vuole uccidere paga una vittima e chi vuole morire riceve dei soldi da lasciare alla propria famiglia. La Casa degli omicidi è un meccanismo di sevizie psicologiche che ferisce e uccide con il ragionamento piuttosto che con le sole armi di tortura.
 
12-17 giugno orari diversi - La Buona Educazione di Mariano Dammacco
con Serena Balivo e Mariano Dammacco
regia Mariano Dammacco produzione Piccola Compagnia Dammacco
 
Il lungo percorso di ricerca e composizione, intrapreso a partire dal 2010 per approdare, nella primavera del 2018, allo spettacolo La buona educazione muove i suoi passi intorno a delle domande: quali sono i princìpi, i valori, i contenuti, le idee che oggi vengono trasmesse da un essere umano all’altro? Quali sono gli attori di questa trasmissione di contenuti? Quali sono le azioni attraverso le quali questa trasmissione avviene? Quanto c’è di volontario in questa trasmissione e quanto invece si muove sotto gli influssi di un inconscio più o meno collettivo? Perché contenuti e attori della trasmissione del sapere umano contemporaneo sono quelli che sono? Potrebbero essere differenti? Li riconosciamo come giusti? In base a quale criterio? A cosa servono questi contenuti? Mutano incessantemente o ritornano nel tempo? A cosa ci preparano? Ci interroghiamo sulla natura di questi contenuti o conviviamo con essi semplicemente per abitudine? Ci ricordiamo di crearci dei valori o ne siamo in balìa? Possono essere dunque veri valori? Quando può essere definita “buona” la nostra educazione?
 
13-17 giugno orari diversi - Mamma a carico - Mia figlia ha novant'anni di e con Gianna Coletti
drammaturgia Gianna Coletti e Gabriele Scotti
regia Gabriele Scotti
 
Un monologo ironico e struggente sul rapporto tra una donna di cinquant’anni, Gianna, e una vecchia ribelle di novanta, cieca, che porta occhiali 3D perché da sempre è abituata ad avere qualcosa sul naso; non cammina più e la testa ogni tanto va per conto suo.
Quella vecchia è Anna, la madre di Gianna. Attraverso una storia vera e personalissima lo spettacolo parla di tematiche universali come il prendersi cura di chi ci ha generato, il conflitto genitori e figli a tutte le età, la lotta per accettare ciò che la vita ci dà e ci toglie. Lo fa con grazia, ferocia, umorismo, musica.
Il testo teatrale è tratto dal libro Mamma a carico – Mia figlia ha novant’anni, scritto dalla stessa Gianna Coletti ed edito da Einaudi nel 2015.
 

Vantaggio per i Soci

Biglietto convenzionati per i soci del Touring Club