Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Matera 2019: capitale europea della cultura

Matera 2019: capitale europea della cultura

Dove

Indirizzo evento: 
75100 Matera MT,
Matera

Quando

Da Sabato 24 Novembre 2018 a Domenica 25 Novembre 2018
week end

Ritrovo

Come arrivare: 

Partenza da Napoli: 7,00 Piazza Vanvitelli e 7,30 P.zza Garibaldi (alle spalle del monumento).

Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore.

 

Ora di ritrovo: 
ore 7 e ore 7.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Corpo Consolare della Campania
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
392.6972533 (Francesca Lizio)
Console accompagnatore: 
Francesca Lizio, direttore tecnico del Punto Touring di Napoli
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
dott.ssa Filomena Paolicelli

Un weekend in esclusiva per i soci e gli amici del Tci per visitare Matera 2019, la capitale europea della cultura. La domanda che ci si pone quando per la prima volta se ne giunge al cospetto è se tutto questo disarmante tripudio di bellezza esista veramente. Lasciano senza parole il groviglio unico di case-grotta, gli sfarzosi palazzi barocchi e le tante chiese rupestri. Matera è terra di suggestioni, avvolta in un paesaggio che incanta, frammento di un meridione senza tempo. Adagiata sui due anfiteatri naturali del Sasso Caveoso e del Sasso Barisano, con al centro la Civita, Matera propone luoghi di scoperta, dove l’arcaico si mescola al moderno, l’essenziale allo sfarzo architettonico.
SCHEDA DELLA VISITA 
“Chiunque veda Matera non può non restarne colpito, tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza” Carlo Levi. 
Matera è nota anche come città dei Sassi, proprio per la peculiarità e l'unicità del suo centro storico. Scavati e costruiti a ridosso della Gravina di Matera, una profonda gola che divide il territorio in due, i Sassi di Matera, rioni che costituiscono la parte antica della città, si distendono in due vallette, che guardano ad est, leggermente sottoposte rispetto ai territori circostanti, separate tra loro dallo sperone roccioso della Civita. Questa posizione invidiabile, ha reso di fatto la città invisibile agli occhi dei suoi nemici per millenni, permettendole di passare pressoché indenne attraverso secoli di storia. Il Sasso Barisano, girato a nord-ovest sull'orlo della rupe, se si prende come riferimento la Civita, fulcro della città vecchia, è il più ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo. Il Sasso Caveoso, che guarda invece a sud, è disposto come un anfiteatro romano, con le case-grotte che scendono a gradoni, e prende forse il nome dalle cave e dai teatri classici. Al centro la Civita, sperone roccioso che separa i due Sassi, sulla cui sommità si trovano la Cattedrale ed i palazzi nobiliari. Insieme formano l'antico nucleo urbano di Matera, dichiarato dall'UNESCO paesaggio culturale.I Sassi di Matera sono un insediamento urbano derivante dalle varie forme di civilizzazione ed antropizzazione succedutesi nel tempo. Da quelle preistoriche dei villaggi trincerati del periodo neolitico, all'habitat della civiltà rupestre di matrice orientale (IX-XI secolo), che costituisce il sostrato urbanistico dei Sassi, con i suoi camminamenti, canalizzazioni, cisterne; dalla civitas di matrice occidentale normanno-sveva (XI-XIII secolo), con le sue fortificazioni, alle successive espansioni rinascimentali (XV-XVI secolo) e sistemazioni urbane barocche (XVII-XVIII secolo); ed infine dal degrado igienico-sociale del XIX e della prima metà del XX secolo allo sfollamento disposto con legge nazionale negli anni cinquanta, fino all'attuale recupero iniziato a partire dalla legge del 1986.La scelta di questo sito, sebbene abbia garantito una estrema sicurezza all'abitato, ha comportato ai suoi abitanti enormi difficoltà nell'approvvigionamento delle acque. Di fatto i Sassi si trovano su di un enorme banco calcarenitico a circa 150 metri dal livello del torrente, mentre le colline d'argilla che li circondano ad ovest risultano essere troppo lontane, per una città che costruita nell'ottica dell'assedio, doveva garantirsi l'autonomia al suo interno. Sin dai primi giorni quindi, i suoi abitanti concentrarono le loro energie, non tanto sulla costruzione delle case, quanto sullo scavo di cisterne e palombari e dei relativi sistemi di canalizzazione delle acque. Vista in quest'ottica Matera risulta essere uno dei più antichi e meglio conservati esempi di bio-architettura al mondo. Una breve analisi dei sistemi insediativi costruiti intorno all'acqua, ci mostra come di fatto tutte le civiltà e le tradizioni costruttive più antiche del mondo, abbiano numerosi punti in comune, sebbene secoli e chilometri le vedano come elementi distinti. Ad un occhio attento, strutture apparentemente semplici e rudimentali, si rivelano come dei prodigi di efficienza tecnica. Le umili tecniche arcaiche, dimenticate dagli stessi abitanti, acquistano un fascino ed un valore un tempo inimmaginabile. I trogloditi che scavano canali e cisterne, costruiscono giardini pensili, ed attorno agli spazi collettivi, oggi chiamati vicinati condividono le proprie risorse, appaiono d'un tratto degli esseri geniali. Ma il bello è che tutto questo è ancora presente e vivo, sotto i nostri occhi in una città, Matera, che ha del magico.

 

Altre informazioni utili: 

Replica a grande richiesta
PROGRAMMA DI MASSIMA 
PRIMO GIORNO – 24 NOVEMBRE 2018:
NAPOLI – MATERA
Partenza da Napoli: 7,00 Piazza Vanvitelli e 7,30 P.zza Garibaldi (alle spalle del monumento). Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore.
Percorso via autostrada e per viabilità locale fino a giungere a Matera. Soste tecniche lungo il percorso.
Arrivo a Matera – Albergo Italia – via Ridola 5 – tel. 0835 333561 – assegnazione delle camere.
Pranzo libero.
Al termine del pranzo libero, incontro con la guida ed inizio della visita (a piedi, scarpe comode): Piazza Sedile, Cattedrale, veduta panoramica del Sasso Barisano, scorcio sulla Murgia e sul Sasso Caveoso, le chiese rupestri di Santa Maria de Idris e Santa Lucia alle Malve, la chiesa di San Pietro Caveoso, Piazzetta Pascoli e Palazzo Lanfranchi.
Cena presso il ristorante dell’Hotel.
Pernottamento.
SECONDO GIORNO – DOMENICA 25 NOVEMBRE 2018: 
MATERA -NAPOLI
Colazione in albergo e check out.
Incontro con la guida e completamento della visita di Matera: Museo Ridola (dove sono esposti oggetti preistorici rinvenuti nell’area del parco delle chiese rupestri), passeggiata nel Sasso Barisano, chiesa di Sant’Agostino, chiesa rupestre di San Guglielmo, della chiesa di San Pietro Barisano, della Casa – Cava (un’antica casa del ‘700 trasformata in cava), chiesa di San Giovanni Battista, “Palombaro”, una enorme cisterna rinvenuta circa 20 anni fa, che poteva contenere circa 5 milioni di litri d'acqua, un'opera di alta ingegneria idraulica.
Pranzo presso il ristorante “La Cucina Casereccia” - via S. Cesarea 67 - 75100 Matera - tel. 0835 344101 - con il seguente menù: antipasti della casa, due assaggi di primo, dessert, acqua minerale, vino e caffè.
Dopo il pranzo, partenza con il pullman per Napoli. Sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’Hotel Terminus e a Piazza Vanvitelli.
Rientro previsto entro le ore 21,00.
Informazioni e prenotazioni: 
Punto Touring di Napoli 
Via Cimarosa 38, 80127 – Napoli 
Lun – Ven: 9 / 13 e 15 / 19 
Sab: 9.30 / 13 
tel. 081.19137807 
Email: prenotazionitcina@gmail.com
- Trasporti: Pullman GT della ditta Rosario Pazzi 
- Volontario Tci Accompagnatore: Francesca Lizio, direttore tecnico del Punto Touring di Napoli 
- Guida: dott.ssa Filomena Paolicelli 
- Partecipanti min / max: 25 / 40 
Quote: 
- € 190,00 per i soci in camera doppia - € 212,50 in camera singola 
- € 230,00 per i non soci in camera doppia - € 252,50 in camera singola 
La quota comprende: il trasporto in pullman dal punto di riunione alle località prescelte, le visite guidate come da programma, n. 1 pernottamento con prima colazione, la cena del sabato e il pranzo della domenica come descritti in precedenza, il compenso per la guida, l’assistenza delconsole, l’assicurazione per la responsabilità civile.
Il costo dei biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire, a chi ha diritto alla riduzione all’esenzione, di poterne usufruire.
La quota non comprende: la tassa di soggiorno, i biglietti di ingresso, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.
Per comunicazioni urgenti il giorno della manifestazione è possibile contattare il numero 392.6972533 (Francesca Lizio).
Per le moltissime richieste delle strutture ricettive di Matera prenotazioni entro venerdì 29 settembre 2018 con contestuale versamento dell’acconto di 50 euro a persona.
Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club