Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Manfredonia: Visita straordinaria gratuita al sito archeologico di Coppa Nevigata

Manfredonia: Visita straordinaria gratuita al sito archeologico di Coppa Nevigata

Dove

Indirizzo evento: 
Sito archeologico di Coppa Navigata

Quando

Sabato 28 Settembre 2019
ore 10.00 Incontro presso Ipogei Copparelli - Siponto

Contatti

Organizzatore: 
Club di territorio di Manfredonia
Console accompagnatore: 
Michele De Meo
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
prof. Alberto Cazzella
Referente: 
Michele De Meo cell. 347.4772529

Visita  guidata straordinaria e gratuita - inquanto solitamente  non è aperto al pubblico - del sito archeologico di Coppa Nevigata, con il prof. Alberto Cazzella, direttore della campagna di scavi di Coppa Nevigata. 

ore 10.00 - Incontro presso Ipogei Capparelli - Siponto

ore 10.20  - Arrivo al sito archeologico Coppa Nevigata

ore 10.30 - Inizio visita guidata a cura del prof. Alerto Cazzella - professore  ordinario di Paletnologia  - Università la Sapienza  - Direttore della campagna di scavi Coppa Nevivigata.

ore 12.00  - Saluti e ringraziamenti a cura del console Michele De Meo.

Quota di partecipazione : Gratis

Prenotazioni: dal 18/9 al 27/9  -  tel 0884.271903 - tel.attivo il giorno della visita 3474772529

Numero dei partecipanti 50 che potranno essere ammessi in base all'ordine di iscrizione.

 

Il sito archeologico di Coppa Nevigata è a pochi chilometri ad ovest di Manfredonia, all'altezza dell'antica foce del Candelaro, presenta una massiccia stratificazione che indica un insediamento prolungato attraverso i millenni.

Gli scavi a Coppa Nevigata di questi ultim anni hanno posto il sito in una prospettiva più ampia, durante il periodo neolitico si fruttano le risorse della laguna e della pianura rilevando l'esistenza  dell'agricoltura, testimoniata da semi di grano e orzo nonchè da ritrovamenti di macine e macinini e frammenti di ceramica riferibili a contenitori decorati ad impressione; e portato in luce strutture, fossato di recinzione , che inseriscono  il sito nella fitta trama di villaggi trincerati che coprono il Tavoliere durante tutto il neolitico.

 

Una serie di datazioni pone questi abitanti fra il VII ed il V millennio a C., un momento più tardo, per ora appena iniziato (sub neolitico) e emerso dagli ultimi scavi a Coppa Navigata, costituendo un aggancio con l'insedismento dell'età dei Metalli. Al momentaneo abbandono del villaggio, avvenuto probabilmente nella fase finale del Neolitico (fine IV millennio a C.), segue la ripresa dell'occupazione all'inizio del secondo millennio nell'età del Bronzo. In questo periodo l'economia continua a fondarsi sull'agricoltura e sull'allevamento.

Per l'insediamento più antico, nell'ambito di questo (fase protoappanninica, prima metà dell' 11 millennio), si hanno tracce  di una capanna a margini curvilinei, anche in epoca immediatamente successiva lasciò posto ad un grande muro, largo 5,5 metri, messo in luce per un tratto di una trentina di metri, nel quale si aveva un accesso realizzato con blocchi megalitici.