Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Laurino (Sa): città d’arte, caratteristico borgo cilentano

Laurino (Sa): città d’arte, caratteristico borgo cilentano

Dove

Indirizzo evento: 
Laurino SA
Laurino SA

Quando

Domenica 19 Settembre 2021
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 10.30 : Raduno dei partecipanti (con mezzi propri) presso il parcheggio sotto le mura del Palazzo Ducale all’ingresso del borgo di Laurino (SA).

Ora di ritrovo: 
ore 10.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di Territorio di Salerno
Indirizzo mail: 
salerno@volontaritouring.it
Recapito di emergenza: 
Antonio Tarasco 333 9661237 - Annamaria Nese 335 7272954
Console accompagnatore: 
Console Antonio Tarasco
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locali

Una iniziativa riservata ai Soci e gli Amici del Touring Club Italiano. La visita si snoderà tra i caratteristici vicoli del centro storico, all’interno delle mura medievali: il Seggio, in cui gli eletti dell’Universitas di Laurino e delle Università del Suo “Stato” esercitavano le funzioni di governo, i ruderi del Castello dei Lauri, presidio militare a controllo della Via del Sale, il Palazzo Ducale, fastosa corte dei Carafa di Napoli e poi residenza dei Duchi Spinelli, l’area dell’Annunziata, con l’ospizio per i pellegrini, annesso ospedale e orfanotrofio, il luogo (‘u vuttaru’) dove sono custoditi alcuni degli attrezzi della cultura contadina dell’Ottocento, la cappella di Sant’Elena da Laurino, il Teatro Comunale, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, con lo splendido coro e la cripta, la piazza principale, dedicata a Agostino Magliani, Ministro delle Finanze del Regno d’Italia, quindi i molti palazzi padronali di famiglie illustri (Palazzo Pagano). Su uno di questi palazzi un’antica targa del Touring Club Italiano, che indica la sede di un proprio rappresentante. Infine Chiesa e Convento di Sant’Antonio, al di fuori delle mura medievali.

Laurino

Abbarbicato su uno sperone roccioso proteso sull'abisso, Laurino è uno dei comuni più popolati, affascinanti e ricchi di storia della valle del Calore. A buon diritto Laurino può fregiarsi del titolo di Città d'arte perché conserva molti edifici ed opere d'arte in ottimo stato. Posto ad un'altitudine di 531 m/slm, il territorio confina con i comuni di Campora, Stio, Magliano, Felitto, Roscigno, Sacco, Piaggine, Valle dell'Angelo, Sanza, Rofrano e Cannalonga, e si estende per 69,94 kmq, interamente ricadenti nel territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Ogni punto del paese consente di godere di un singolare miscuglio tra esotico ed arcaico che suscita emozioni profonde: ad ovest, inseguendo l'orizzonte si può scorgere la costa di Paestum; ad est si può ammirare l'orrido e avvincente strapiombo del Cavallo; alzando lo sguardo verso la collina, si può ammirare la maestosità del castello, che appare come sospeso tra cielo e terra. La collina del monte Cavallo su cui è ubicato il paese, da un lato scivola dolcemente verso la valle, dall'altra cala a strapiombo sulla rupe, coperta da una folta vegetazione ricca di selvaggina, che termina anch'essa a valle. Le alte vette determinano il formarsi di gole profonde dalle quali si riversano copiose sorgenti d'acqua che si gettano nel fiume Calore, dove abbondano le trote fario.

Anche di notte Laurino ha un fascino particolare, dato dalla luce notturna della luna che si confonde con le luci dei lampioni. Quasi certamente il suo nome deriva dalla presenza dell'alloro, e quindi da Laurus, Laurinus, ma è probabile anche un riferimento ai monasteri brasiliani in zona (Laure).

Ad opera di alcuni studi della Soprintendenza, sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici che hanno contribuito alla conoscenza del territorio, che negli ultimi 50 anni ha subito numerosi interventi che ne hanno modificato l'aspetto urbanistico ed architettonico, e che hanno in parte cancellato l'aspetto di città medievale, a favore di una concezione più moderna dell'edificazione e del restauro: sono in parte scomparse le vecchie viuzze con scalini in pietra, gli angoli caratteristici, che rispecchiavano un passato illustre. Ma niente può scalfire il fascino dell'antico paese: d'altronde le manifestazioni organizzate a Laurino fanno sapientemente rivivere quel passato, organizzando spettacolari rievocazioni storiche in costume d'epoca. Laurino geograficamente è il cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, equidistante da centri di grande valore storico, turistico e monumentale: Paestum, Velia, Padula; da qui è inoltre possibile visitare le vette dei monti Cervati e Gelbison, e visitare la vicina città-museo di Roscigno.

L'ambiente naturale ha conservato intatta la sua fisionomia a carattere agro-pastorale, coltivato a vigneti, oliveti, cereali, che conferiscono al paesaggio una sua straordinaria singolarità. Al paese un tempo si entrava attraverso tre porte, ora distrutte, quella di S. Benedetto e dei Monaci, detta ancora dei Zippi a sud-ovest, di cui si vedono tracce vicino al diruto Cenobio dei Benedettini; quella della Chiaia, oggi S. Domenico o della Sconsolata a nord-ovest, e quella ad est che immetteva nel foro o piazza principale. Quest'ultima veniva difesa da altre due porte fuori dalle mura munite di fortilizi merlati che servivano da antemurali negli assalti nemici, il tutto distrutto per il passaggio della via obbligatoria.

Altre informazioni utili: 

ATTENZIONE: LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGE NEL RIGOROSO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E LOCALI DI CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA, VIGENTI ALLA DATA DELLA MANIFESTAZIONE, ALLE QUALI I SINGOLI PARTECIPANTI SI DEVONO ATTENERE.

Programma

- Ore 10.30 : Raduno dei partecipanti (con mezzi propri) presso il parcheggio sotto le mura del Palazzo Ducale all’ingresso del borgo di Laurino (SA).

Saluto del Sindaco Romano Gregorio e inizio della visita guidata.

- Ore 13.00 : Pranzo  presso  il  ristorante  “Chalet Nicoletti”  –  Località  Vesalo – 84057 Laurino - prenotazione a cura dei singoli partecipanti - tel. 380 866 1564 - al costo di 25 euro a persona - con il seguente menù: antipasto con salumi e formaggi del territorio e con verdure del giorno, fusilli di Laurino con ragù cilentano di vitello, grigliata mista di carne con contorni, dessert del giorno, acqua minerale, vino e caffè.

- Ore 15.30 : Ripresa e completamento della visita guidata a Laurino.                   

Quota di partecipazione: 25 euro a persona per il pranzo presso il ristorante “Chalet Nicoletti” - prenotazione del ristorante a carico dei singoli partecipanti, contattando il numero 380 8661564.

Prenotazioni per la visita: esclusivamente a mezzo email salerno@volontaritouring.it

Trasporti: mezzi propri

Guide: locali

Volontari Touring accompagnatori e telefoni attivi il giorno della visita: Console Antonio Tarasco 333 9661237

- Socia Annamaria Nese 335 7272954

Partecipanti: massimo 30 persone

Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: Le prenotazioni sono aperte e dovranno pervenire entro domenica 12 settembre 2021.

Il Volontario Touring Accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario.

La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.

Il Club di Territorio di Salerno del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.

Sono ammessi  i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni e, quindi, associarsi.