Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • L’antica Aeclanum, Taurasi e Paternopoli (AV): radici d'Irpinia

L’antica Aeclanum, Taurasi e Paternopoli (AV): radici d'Irpinia

Dove

Indirizzo evento: 
83030 Taurasi AV
Mirabella Eclano, Taurasi e Paternopoli

Quando

Sabato 23 Giugno 2018
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- 10.30 - ritrovo dei partecipanti (mezzi propri) all’ingresso del Parco Archeologico Aeclanum – Passo di Mirabella Eclano (AV).

Ora di ritrovo: 
ore 10.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci - Club di Territorio “Paesi d’Irpinia”
Indirizzo mail: 
irpinia@volontaritouring.it
Recapito di emergenza: 
347.4869310 (Giovanni Fiorentino)
Console accompagnatore: 
Giovanni Fiorentino, socio del Tci
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locali

Un viaggio unico nel patrimonio storico, archeologico ed enogastronomico dei borghi irpini.
Visita al Parco Archeologico di Aeclanum, al centro storico di Taurasi e di Paternopoli e a realtà locali impegnate nelle valorizzazione delle produzioni vinicole.
La mattina a Passo di Mirabella, con il suo Parco Archeologico. Nel primo pomeriggio visita a Taurasi, tra centro storico, chiese e vino aglianico. In conclusione, visita a Paternopoli, borgo con salde radici nell’epoca preromana e ad una cantina locale con degustazione di prodotti tipici. 
Passo di Mirabella Eclano: Parco Archeologico Aeclanum: Fondata alla fine del III sec a.C., l'antica Aeclanum è uno dei centri sanniti più importanti dell'Irpinia, posto tra le valli dei fiumi Calore ed Ufita, in località Passo di Mirabella. Situata su di un pianoro di forma triangolare, l'antica città era accessibile solo dalla via Appia, che attraversava l'abitato da ovest a est. Saccheggiata da Silla nell'89 a.C., subito dopo divenne un municipium romano con diritto di voto. Nel 120 d.C., sotto l'imperatore Adriano, assunse lo stato di colonia: Aelia Augusta Aeclanum. Notevoli sono i resti della città romana: le terme pubbliche, situate su una piccola altura, la piazza del mercato coperto (macellum), alcune abitazioni e botteghe. Sono visibili anche i resti delle mura, alte circa 10 metri con almeno tre porte e torri di diversa grandezza. All'età tardo-antica risale la costruzione di una basilica paleocristiana con, al suo esterno, un fonte battesimale con pianta a croce greca e scalini per il rito ad immersione.
Taurasi: In base alle ricerche effettuate da alcuni studiosi, Taurasi corrisponderebbe ad un villaggio dai Romani nel 268 a.C., mentre altri la collegherebbero all'antica Aeclanum. Il primo documento in cui viene citata la vite di Taurasi risale al novembre 1179, periodo in cui sorgono le prime abitazioni. La creazione dell'odierna Taurasi, si ebbe con l'arrivo dei Longobardi. Nell'883, e tra il 900-910, il centro subisce una serie di distruzioni da parte dei Saraceni. Passato per un lungo periodo di barone in barone, il feudo ritornò nelle mani dei Gesualdo. Carlo Gesualdo, secondo alcuni documenti, nato proprio a Taurasi nel 1566, si dedicò particolarmente all'opera di ricostruzione e ristrutturazione della città. Da vedere: il Centro Storico, il Palazzo Baronale di Taurasi (“Il Castello”), la Collegiata di San Marciano, la Chiesa dell’Immacolata ed altre chiese e cappelle nonché notevoli palazzi storici.
Paternopoli: il borgo ha radici che risalgono all’epoca preromana. Nell’antichità il centro divenne un rifugio di eremiti detti “Pater” che scelsero il luogo per loro dimora, divenendo riferimento importante per gli abitanti. La collina su cui si era insediato il Pater venne denominata “Paternum”. Il paese è ricco di palazzi storici (De Iorio, Famiglietti, Anziano, Ziviello) e di caratteristiche fontane (Acquara, Pescarella, Acqua dei Franci, etc.). La Chiesa madre, nota come Santuario della Consolazione (1522) è da secoli un luogo di pellegrinaggio e culto. A Paternopoli si svolge il famoso “Carnevale” con carri allegorici e il centro è altresì noto per la produzione del tipico “Broccolo Aprilatico” presidio Slow Food oltreché sede di numerose cantine. Tra queste, la cantina Fiorentino, costruita nelle campagne del comune mediante l’applicazione di tecniche di bioarchitettura e con l’utilizzo di materiali finalizzati alla sostenibilità ambientale.

Altre informazioni utili: 

Programma di massima 
- 10.30 - ritrovo dei partecipanti (mezzi propri) all’ingresso del Parco Archeologico Aeclanum – Passo di Mirabella Eclano (AV). Visita guidata dell’area archeologica dove gli scavi hanno riportato alla luce i resti e le tracce di costruzioni risalenti al periodo imperiale: le terme, il mercato coperto (macellum), la basilica paleocristiana, diverse case, la necropoli;
- 13.00 - pranzo - il pranzo è libero ed è a carico dei singoli partecipanti che provvederanno in proprio alla scelta del locale e alla relativa prenotazione. Dalla Signora Liliana all'Agriturismo "Il Vecchio Casale" a Mirabella Eclano (tel.: 339.603.82.01) e non distante dal Parco Archeologico c’è la possibilità di scegliere due opzioni riservate al Tci: la prima al costo di € 15,00 a persona (primo, secondo, acqua, vino) oppure € 20,00 (anche con antipasto);
- 15.00 - trasferimento (con mezzi propri) e visita guidata al centro storico di Taurasi con i suoi caratteri medioevali, abitazioni con i portali in pietra, stradine lastricate, edifici monumentali e parte delle mura dove si aprono le antiche Porte: Maggiore, Piccola e S. Angelo; il Palazzo Baronale di Taurasi (“Il Castello”). Tappa presso una cantina locale con degustazione;
- 17.00 - trasferimento (con mezzi propri) e visita guidata al centro storico di Paternopoli e presso una cantina locale con degustazione. 
È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio “Paesi d’Irpinia” inviando una email a:
gianni.fiorentino@gmail.com
Le prenotazioni sono aperte.
- Trasporti: mezzi propri (percorrenza di circa 25 km in più tappe) 
- Volontario Tci Accompagnatore: Giovanni Fiorentino, socio del Tci 
- Guide: locali 
- Partecipanti min. / max.: 15 / 40 
Quote:
La manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Tci.
Il pranzo è libero ed è a carico dei singoli partecipanti che provvederanno in proprio alla scelta del ristorante e alla relativa prenotazione.
I soci e gli amici del Tci regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile.
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario.
La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.
Il Club di Territorio “Paesi d’Irpinia” del Tci si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.