Scopri il mondo Touring

Insecta

Dove

Indirizzo evento: 
via Ferrante Sanseverino, 1
Salerno

Quando

Da Sabato 12 Febbraio 2011 a Domenica 3 Aprile 2011
Tutti i giorni escluso il lunedì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 sarà possibile visitare la mostra presente al Giardino della Minerva. Il sabato sarà praticata un'apertura continuata dalle 9:00 alle 18:00 con possibilità di pausa pranzo.

Contatti

Indirizzo mail: 
Presenza guida: 
No

Emozionanti “incontri ravvicinati” con coleotteri giganti (come il Dynastes hercules sudamericano, il Chalcosoma caucasus indonesiano o l’enorme Goliathus goliathus africano, oltre ai possenti lucanidi, quali il Dorcus titanus o gli Odontolabis gladiator), mantidi religiose (come l’incredibile e bellissima Idolomantis diabolica o la Plistospilota guineensis, una delle specie con adulti di maggiori dimensioni in assoluto, ed altre ancora), invisibili insetti-stecco ed insetti-foglia maestri del mimetismo (come il Phyllium giganteum, l’Extatiosoma tiaratum, il gigantesco Heteropteryx dilatata e tanti altri), cavallette ai limiti dell’incredibile (come la cavalletta-foglia Stilpnochlora couloniana o la Proscopia scabra, forse una delle forme animali più bizzarre in assoluto, se si pensa che somiglia più ad un insetto-stecco che ad una cavalletta, ma la sua faccia sembra quella di un...cavallo!!!), ed ancora scorpioni d’acqua immersi in accoglienti acquari e blatte giganti del Madagascar. Per ognuna di queste specie tutte le condizoni climatiche e di habitat sono state accuratamente ricreate, e sarà quindi possibile ammirarle in piena attività intente a nutrirsi, mimetizzarsi, accoppiarsi, effettuare mute di pelle e così via.
Da una parte i terrari, raggruppati per aree tematiche, dall’altra dei giganteschi ed incredibilmente verosimili modelli 3-D, realizzati dall’artista Lorenzo Possenti, che riproducono perfettamente, ingrandendole di 15-20 volte, le fattezze di queste straordinarie creature. Infatti i modelli, oltre a fare da impressionante “cornice artistica” agli esemplari vivi in esposizione, fungeranno da valido punto di riferimento per l’approfondimento relativo alla morfologia di ciascun ordine, rendendo vistoso ciò che a dimensioni naturali è talvolta quasi invisibile.