Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Grotte di Pertosa-Auletta (SA): il fiume sotterraneo e il Carciofo Bianco

Grotte di Pertosa-Auletta (SA): il fiume sotterraneo e il Carciofo Bianco

Dove

Indirizzo evento: 
Grotte di Pertosa Località Muraglione, 18/20, 84030 Pertosa SA
Grotte di Pertosa - Auletta

Quando

Domenica 5 Maggio 2019
giornata intera

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 10.00 Raduno dei partecipanti (con mezzi propri) nei pressi dell’ingresso delle Grotte di Pertosa / Auletta - località Muraglione - 84030 Pertosa

Ora di ritrovo: 
ore 10

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di territorio di Salerno
Indirizzo mail: 
salerno@volontaritouring.it
Recapito di emergenza: 
Felice Bottiglieri 333.8737738
Console accompagnatore: 
Console Felice Bottiglieri
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Locali

Manifestazione in ricordo del console del Touring Club Italiano Ettore Sceral 
Una visita guidata in esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano per visitare le Grotte di Pertosa - Auletta, l’unico sito speleologico in Europa dove è possibile navigare su un fiume sotterraneo, addentrandosi verso il cuore della montagna. Il fiume Negro nasce in profondità e offre un affascinante e inconsueto viaggio in barca, immersi in un silenzio magico, interrotto soltanto dal fragore degli scrosci della cascata sotterranea.
Grotte di Pertosa/Auletta : a 2 km a sud dell'abitato alla sinistra del fiume Tanagro. Detta anche dell'Angelo (o di S. Michele), è l'antico percorso sotterraneo di un fiume, che forma un sistema di caverne e gallerie, con uno sviluppo di oltre km 2, in parte occupato dalle acque di un laghetto. Nel 1897 vi si fecero ricerche scientifiche, ritrovandovi avanzi di due palafitte, oggetti neolitici e dei periodi seguenti. Risultò che la grotta, occupata dall'acqua nel neolitico, fu abitata con la costruzione di palafitte; lo fu anche nell'eneolitico; poi, ma non più su palafitte, ebbe abitatori nell'età del bronzo e nella prima età del ferro. Venne frequentata nel periodo lucano-greco e romano; verso la metà del sec. XI vi cominciò il culto cristiano. I primi abitanti erano probabilmente di razza mediterranea. L'ingresso, a quota 264, è alto 20 metri, largo 15. Si entra nella grotta su un terrapieno lungo circa 50 metri, in fondo al quale è una zattera su cui si compie la visita della prima caverna. Dalla volta pendono numerose stalattiti che si specchiano nelle acque. Approdati alla prima Sala, in cui scroscia una pittoresca cascata, la grotta si divide in tre rami principali: il Braccio della Sorgente, e percorribile fino al Paradiso, ricco di concrezioni, da cui si diramano alcuni cunicoli; il Braccio Centrale, disadorno e di scarso interesse, cosparso di frane antiche e recenti; il Braccio Principale, che presenta varie diramazioni, cunicoli bassi e stretti, ornati di ricchissime concrezioni, eleganti e fragili, che contrastano con quelle più robuste della galleria principale. Questa è tutto un seguito di scenografici quadri costituiti da cascate di stalattiti che si intrecciano alle colonne delle stalagmiti. La lunghezza complessiva delle gallerie finora esplorate è di m 2560 circa. 
Museo del suolo : una struttura museale unica in Italia e con pochi omologhi nel resto del mondo, inaugurata il 22 aprile 2016, nel giorno in cui le Nazioni Unite celebrano la Terra e che propone un singolare itinerario di conoscenza dedicato alla terra, e più precisamente a ciò che avviene in quei tre metri, fondamentali per la vita sul nostro pianeta, che dalla superficie si portano in basso. Sotto i nostri piedi c’è una tumultuosa attività, chimica, fisica e biologica, da cui dipende il paesaggio che abitiamo, il cibo di cui ci nutriamo, la nostra stessa sopravvivenza sul pianeta. 
Museo Speleo Archeologico : grazie ad un allestimento di recentissima realizzazione, presenta al pubblico le peculiarità del giacimento archeologico esistente nelle Grotte di Pertosa - Auletta. In questa cavità sono documentate tracce di antichissime frequentazioni umane, perdurate – pur con una serie di interruzioni – dalla preistoria al medioevo. Di notevole interesse scientifico risultano essere, in particolare, i resti di un impianto palafitticolo risalente al II millennio a.C., scoperto alla fine dell’Ottocento e indagato ancora più recentemente negli anni 2004-2013. A tale evidenza, oggi unica in Europa per la specificità del luogo che la ospita (una cavità naturale), sono dedicati video documentari e riproduzioni in scala reale e ridotta, lungo un percorso di visita illustrato da testi esplicativi in lingua italiana e inglese. 
Mostra “Nelle Terre dei Principi”: la mostra è prima di tutto il racconto di una migrazione, quella causata a partire dagli inizi del IX sec. dalla conquista araba della Sicilia. È la storia di vite comuni, di contadini e artigiani in fuga dalla Sicilia e dalla Calabria, in cerca della salvezza e della stabilità. Ma è anche la storia di monaci e di santi alla continua ricerca dei luoghi della solitudine, che non posseggono nulla, che non hanno bisogno di nulla, che hanno rinunciato al mondo per praticare l’ascesi, ma che possiedono anche un sano senso pratico ed efficaci doti organizzative, che si dimostrano instancabili fondatori di monasteri, guaritori, medici, abili diplomatici, sempre sensibili ai bisogni delle comunità che incontrano nel corso del loro difficile cammino verso la perfezione spirituale. 

Altre informazioni utili: 

- Ore 10.00 Raduno dei partecipanti (con mezzi propri) nei pressi dell’ingresso delle Grotte di Pertosa / Auletta - località Muraglione - 84030 Pertosa. 
- Ore 10.15 Visita alle Grotte di Pertosa / Auletta con percorso completo. 
- Ore 12.00 Visita al Museo del Suolo. 
- Ore 13.00 Pranzo libero c/o ristorante “Venosa” - via Muraglione 5 - Pertosa - prenotazione a cura dei singoli partecipanti - per prenotare telefonare al numero 0975.397009 - al costo di 20,00 euro a persona - con il seguente menù: Antipasto Pertosano (salumi e sott’olio caserecci e bocconcino), Primi (Tris di pasta casereccia con ragù, asparagi e carciofo Bianco di Pertosa, porcini), Secondo (Arrosto misto di agnello, pollo “fusello” e salsiccia di maiale oppure bistecca di vitello, con contorni vari), Dessert (Frutta mista di stagione oppure macedonia), acqua minerale, vino e caffè. 
- Ore 15.15 Visita al Museo Speleo Archeologico e alla Mostra “Nelle Terre dei Principi”. 
- Ore 16.30 Trasferimento (mezzi propri) ad Auletta e visita al centro storico. 
- Ore 17.30 Termine della manifestazione. 
Quote di partecipazione
- Soci € 16,00 
- Non Soci € 18,00 
Prenotazioni: esclusivamente a mezzo email salerno@volontaritouring.it 
Trasporti: mezzi propri 
Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: Console Felice Bottiglieri 333.8737738 
Guide: locali 
Partecipanti: minimo 25 persone 
La quota comprende: gli ingressi alle Grotte, ai Musei e alla Mostra, le visite guidate come descritte, l’assistenza del console, le assicurazioni per la responsabilità civile. 
La quota non comprende: il pranzo presso il ristorante “Venosa” - la prenotazione è a carico dei singoli partecipanti 
Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: Le prenotazioni sono aperte. 
Il Volontario Touring Accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. 
La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia. 
Il Club di Territorio di Salerno del Tci si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania. 
Sono ammessi i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni e, quindi, associarsi. 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club