Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Firenze: visita "Caravaggio, i Caravaggeschi"

Firenze: visita "Caravaggio, i Caravaggeschi"

Dove

Indirizzo evento: 
Piazzale degli Uffizi, 6 - Firenze
Cortile degli Uffizi

Quando

Sabato 24 Novembre 2018
ore 10

Ritrovo

Come arrivare: 

Cortile degli Uffizi - Piazzale degli Uffizi, 6 - Firenze

dalla Stazione di Santa Maria Novella le Gallerie sono a quindici minuti di cammino

Ora di ritrovo: 
ore 10 Inizio della visita

Contatti

Organizzatore: 
Club di Territorio di Firenze
Cellulare: 
338/1705461
Indirizzo mail: 
firenze@volontaritouring.it
Console accompagnatore: 
Massimo Conti Donzelli
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Giulia Bacci
Referente: 
Giulia Bacci

Le Gallerie degli Uffizi espongono, con un nuovo allestimento, le sale dedicate a Caravaggio e alla pittura seicentesca, collocate al primo piano dell’ala di Levante degli Uffizi. Si tratta di otto sale dai nomi suggestivi per le cui pareti si è scelto il rosso: un rosso che si trova spesso nelle stoffe e nei parati rappresentati nei dipinti di quegli anni, che ritroveremo in Caravaggio, Artemisia Gentileschi, Bartolomeo Manfredi, Cecco Bravo, Gherardo delle Notti e molti altri

 

Agli Uffizi sono esposte tre opere di Caravaggio.

Il Bacco e lo Scudo con testa di Medusa risalgono al periodo giovanile di Caravaggio. Furono realizzati intorno al 1597.
Il Bacco rappresenta il dio del vino con alcuni degli elementi tipici della sua iconografia: la corona di foglie di vite o edera, la coppa di vino, il petto scoperto. L’opera è nota per lo straordinario realismo con cui sono rappresentati alcuni dettagli, come la trasparenza della coppa di vino.

 

La Medusa è un dipinto a olio su tela, montato su uno scudo di legno. Si tratta di uno scudo da parata, tipico del Cinquecento. Caravaggio rappresenta la testa di Medusa staccata dal corpo, per mano di Perseo. Il realismo del maestro è osservabile nello schizzo di sangue e nella rappresentazione delle serpi, che formano la capigliatura di Medusa. L’elemento di maggiore pathos è senza dubbio l’espressione di Medusa, rappresentata nel momento dell’urlo. L’opera è considerata un saggio delle grandi doti di Caravaggio, in grado di annullare, nella pittura, l’effetto di convessità dello scudo.

 

Il Sacrificio di Isacco risale al 1603. L’opera rappresenta il momento in cui l’angelo blocca il braccio di Abramo. Il volto di Isacco esprime tutta la drammaticità dell’episodio. In quest’opera, la violenza del gesto interrotto rimane sospesa, grazie all’intervento divino. Il quadro rappresenta una fase più matura nel percorso artistico dell’autore.

Nelle sale successive alla 90, sono esposte le opere di alcuni pittori definiti caravaggeschi. I visitatori hanno dunque la possibilità di osservare l’interpretazione che altri grandi artisti, come Artemisia Gentileschi, Bartolomeo Manfredi e Gherardo delle Notti, diedero dell’eredità di Caravaggio

 

Quota individuale di partecipazione: euro 19
La quota comprende: ingresso alle Gallerie degli Uffizi, visita guidata al Museo, auricolari

Altre informazioni utili: 

Solo per informazioni:  firenze@volontaritouring.it 

 

Prenotazione: Giulia Bacci 338/1705461
Quota individuale di partecipazione: euro 19
La quota comprende: ingresso alle Gallerie degli Uffizi, visita guidata al Museo, auricolari.

Si raccomanda la massima puntualità. L’orario di partenza va considerato flessibile a causa dell’affluenza turistica

Accesso disabili: