Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Da Bologna a Parma: dal prosciutto al FICO

Da Bologna a Parma: dal prosciutto al FICO

Dove

Indirizzo evento: 
Bologna + Modena + Parma
Bologna Modena Parma

Quando

Da Giovedì 25 Aprile 2019 a Domenica 28 Aprile 2019
come da volantino allegato

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 7.00 Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli
- Ore 7.30 Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. Si percorre l’Autostrada A1 in direzione di Bologna, quindi per viabilità ordinaria. Soste tecniche lungo il percorso.

Ora di ritrovo: 
ore 7 e ore 7.30

Contatti

Organizzatore: 
Tci Corpo Consolare della Campania
Indirizzo mail: 
prenotazionitcina@gmail.com
Recapito di emergenza: 
Lella di Lucca cell. 320.3029497
Console accompagnatore: 
socia attiva Lella di Lucca
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locali

"Dal prosciutto al FICO" è un tour nella food valley italiana alla riscoperta di due città simbolo dell'Emilia-Romagna: Parma e Bologna. Arte e bellezza, tradizione ed innovazione, cultura ed enogastronomia saranno i protagonisti assoluti di un percorso che ci condurrà fino a FICO. Questo parco agroalimentare, unico nel suo genere, si estende per dieci ettari in territorio bolognese. Inaugurato il 15 novembre 2017, propone aspetti diversi ed originali inerenti un unico tema: il cibo. 
Il Parco ha contribuito anche ad una rinnovata visibilità di Bologna e dell’Emilia-Romagna con riconoscimenti giunti dal New York Times e da Lonely Planet. Infatti, la regione è risultata al primo posto tra le mete da visitare in Europa nel 2018 anche grazie alla presenza di FICO. 
Scopo del viaggio sarà, quindi, mostrare e far gustare appieno un territorio d'eccellenza del nostro Paese.
Bologna

«Amo Bologna; per i falli, gli errori, gli spropositi della gioventù che qui lietamente commisi e dei quali non so pentirmi. L'amo per gli amori e i dolori, dei quali essa, la nobile città, mi serba i ricordi nelle sue contrade, mi serba la religione nella sua Certosa. Ma più l'amo perché è bella.» Giosuè Carducci. 
La zona di Bologna risulta abitata fin dal III millennio a.C., ma, solo nel 189 a.C., i Romani fondarono sul sito una colonia a cui diedero il nome di Bononia.
Nella cultura popolare Bologna è nota come la grassa (per la cucina), la dotta (per l'università), la rossa (per il colore dei mattoni degli edifici del centro storico, anche se spesso l'aggettivo è riferito al pensiero politico) e la turrita (per l'elevato numero di torri costruite nel periodo medievale, anche se ad oggi solo 24 sono sopravvissute). Le due torri sono i monumenti simbolo della città: la Torre degli Asinelli (97,20 metri, la torre pendente più alta d'Italia) e la Torre della Garisenda (in origine alta 60 metri, ora 48) edificate per volere di nobili ghibellini nel XII secolo. La più pendente delle due, la Garisenda, fu citata da Dante Alighieri, nella Divina Commedia (Inferno, XXXI, 136-140) «Qual pare a riguardar la Garisenda 'sotto 'l chinato, quando un nuvol vada sovr'essa sì, che ella incontro penda tal parve Anteo a me che stava a bada di vederlo chinare ...»
Bologna è la città dei portici: oltre 38 km nel solo centro storico. Li si trova in quasi tutte le vie del centro e la loro origine è in parte da attribuirsi alla forte espansione che la città ebbe nel tardo Medioevo. Sede della prima Università d'Europa, è stata "capitale europea della cultura" nel 2000, mentre dal 2006 è "città della musica".
Parma
Parma è una città universitaria dell'Emilia-Romagna, famosa per il Parmigiano e il prosciutto. Gli edifici romanici, tra cui la Cattedrale con i suoi affreschi e il Battistero in marmo rosa, adornano il centro storico. Il Teatro Regio, risalente al XIX secolo, ospita concerti di musica classica. La Galleria Nazionale, all'interno dell'imponente Palazzo della Pilotta, espone opere dei pittori Correggio e Canaletto.
Il 16 febbraio 2018 è stata proclamata capitale italiana della cultura per l'anno 2020.
«Parma acquisirà un respiro internazionale. E dovrà prepararsi a parlare il francese e l'inglese tanto quanto l'italiano.» Giorgio Calabrese, docente universitario ed unico membro italiano del Consiglio di amministrazione dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, 14 dicembre 2003 
«Sono altresì affascinato dalle molteplici influenze storiche che hanno forgiato la Parma moderna, quella del dinamismo industriale ed agroalimentare, delle università di punta, dell'arte del saper vivere. Parma è proprio un bel campione d'Europa, varia e aperta al mondo.» José Manuel Durão Barroso, Presidente della Commissione europea, 11 gennaio 2008, in occasione dell'inaugurazione del nuovo anno accademico del Collegio Europeo di Parma.
Castello di Torrechiara
"le due cinta di mura, le cortine piantate sopra un esatto quadrato, e le quattro torri disegnano insieme come una piramide ciclopica graditissima all'occhio e, di fatto, elegantissima". Così nel 1894 Corrado Ricci descriveva il castello di Torrechiara, frazione del Comune di Langhirano, in provincia di Parma, cogliendo quel senso di armonico equilibrio che il visitatore avverte alla sua vista.
L'Aceto Balsamico di Modena
Denso come il miele, scuro come il cioccolato, con note dolci e acide nello stesso tempo e con una gamma di profumi particolarissimi. L'aceto balsamico tradizionale è un marchio unico al mondo, che possono vantare solo due province: Modena e 
Reggio Emilia. Questa autentica perla dell’enogastronomia nazionale è frutto di un lavoro lungo e complesso, cui corrisponde un costo importante, “calmierato” dal fatto che l’aceto balsamico tradizionale si usa a gocce! 
Per i produttori ormai si tratta quasi più di un hobby che di una vera risorsa economica, anche perché dalla lavorazione alla commercializzazione devono trascorrere almeno dodici anni.
Molti chef famosi lo usano in piatti oltremodo originali, dagli antipasti ai dessert. 
Risultati sorprendenti sono ottenuti su gelato e frutta tropicale.
L’Acetaia Villa San Donnino ha iniziato la produzione di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, approfittando della splendido contesto storico-architettonico della villa che fu dei San Donnino e che rappresenta il più importante esempio di residenza suburbana realizzata a Modena agli inizi del Novecento.

Altre informazioni utili: 

Programma

# Primo giorno - Giovedì 25 aprile 2019

Napoli - Bologna

- Ore 7.00 Partenza con pullman GT da Piazza Vanvitelli - Napoli

- Ore 7.30 Fermata del pullman in Piazza Garibaldi - Napoli. Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore. Si percorre l’Autostrada A1 in direzione di Bologna, quindi per viabilità ordinaria. Soste tecniche lungo il percorso. 

- Ore 13.00 Pranzo libero presso una delle aree di servizio.

- Ore 16.00 Orario previsto di arrivo a Bologna - Hotel Tre Vecchi - via dell’Indipendenza 47 - tel 051. 231991 - assegnazione delle camere. 

- Ore 18.00 Passeggiata libera per il centro di Bologna con il Volontario Touring Accompagnatore per una prima conoscenza della città. 

- Ore 20.00 cena c/o il ristorante “Trattoria da Me” - via San Felice 50 - tel. 051.555486 - con il seguente menù: Antipasto di crescentine, salumi e bolognesità (friggione, squacquerone, giardiniera), Lasagna verde alla Bolognese, Guancia di manzo brasata al Sangiovese superiore con spinacino saltato, Zuppa inglese, acqua minerale, vino e caffè. 

- Pernottamento 

# Secondo giorno - Venerdì 26 aprile 2019

Bologna - Modena - Bologna 

- Colazione in albergo. 

- Ore 9.00  Incontro con la dott.ssa Monica Vanin e visita guidata alla città di Bologna lungo un tracciato le cui tappe fondamentali saranno: Piazza Maggiore con Palazzo D’Accursio, Palazzo re Enzo, Palazzo dei Notai, Palazzo dei Bianchi, la Fontana del Nettuno, e la Chiesa di San Petronio, Archiginnasio, via D’Azeglio, Complesso di Santo Stefano, Portico Isolani, le due torri, ghetto ebraico, la finestrella sul canale delle Moline in via Piella. 

- Ore 13.00 Pranzo libero nel centro storico. 

- Ore 15.00 Trasferimento con il pullman a Modena con visita e degustazione (aceto balsamico e gelato) presso l’Acetaia San Donnino.

Rientro a Bologna e visita al Santuario della Beata Vergine di San Luca, meta di pellegrinaggi e molto caro ai bolognesi. Dalla sommità dell'omonimo colle si potrà ammirare la città con una vista ineguagliabile. 

- Ore 20.00 Cena presso il ristorante al “Montegrappa - da Nello” - via Montegrappa 2 - tel 051 23 63 31 -con il seguente menù: 

Mortadella di Bologna a Cubetti e Fiori di Zucca fritti, Consommé di Tortellini in Brodo, Cotoletta alla Bolognese con contorno di Purè e Spinaci, Tiramisù, acqua minerale, vino. 

- Pernottamento 

# Terzo giorno - Sabato 27 aprile 2019

Bologna - Parma - Bologna

- Colazione in albergo. 

- Ore 9.00 Trasferimento con il pullman a Langhirano dove incontreremo la dott.ssa Silvia Montanini, console del Touring Club Italiano per Parma e responsabile di Aperti per Voi, che ci accompagnerà per l’intera giornata. 

Visita guidata al Castello di Torrechiara. Posto nelle prime propaggini dell’Appennino, a sud della città di Parma, in una zona collinare da secoli coltivata a vigneti, in posizione strategica su di un’altura che domina la sottostante vallata percorsa dal torrente Parma, il castello gode di un panorama di grande fascino, sia verso lo sbocco della valle sia verso la città ed è senza dubbio uno dei più notevoli esempi di architettura fortificata non solo dell’Emilia Romagna, ma di tutta l’Italia. 

Al termine visita con degustazione presso un’azienda di produzione del Prosciutto di Parma DOP. 

- Ore 13.00 Pranzo presso il ristorante tipico “Trattoria Cascinapiano” - via Cascinapiano 29 - Langhirano - tel. 0521.864374 - con il seguente menù: Antipasto di salumi e torta fritta, Bis di Tortelli di Erbetta e Zucca, Torte della casa, acqua minerale, vino locale e caffè. 

Visita guidata alla città di Parma con il seguente itinerario: Piazza della Pace, con illustrazione del Palazzo della Pilotta, istituzione culturale della città, al cui interno si trovano il Teatro Farnese, la Galleria Nazionale, la biblioteca palatina, il Museo Bodoniano e il museo Archeologico. All'interno della piazza, ammireremo il Teatro Regio e la Chiesa della Steccata. A piazza Duomo, visiteremo la maestosa ed imponente Cattedrale e lo straordinario Battistero. Ci si sposta nella terza piazza della città di Parma, piazza Garibaldi, dove visiteremo la Chiesa di San Giovanni Evangelista. 

Rientro in Hotel a Bologna 

- Ore 20.00 Cena libera. 

- Pernottamento 

# Quarto giorno - Domenica 28 Aprile 2019

Bologna - Napoli

- Colazione in albergo e check out. 

- Ore 9.00 Trasferimento con il pullman per la visita guidata a FICO EATALYWORD, il più grande Parco Agroalimentare al mondo. 

- Ore 13.00 Pranzo libero presso FICO EATALYWORD. 

Dopo il pranzo, partenza con il pullman per Napoli. Sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’Hotel Terminus e a Piazza Vanvitelli. 

- Rientro previsto entro le ore 22,00. 

+ Quote di partecipazione:

- in camera doppia

  Socio Tci   € 530,00 

  Non Socio € 570,00

- in camera singola

  Socio Tci   € 674,00

  Non Socio € 714,00

+ Informazioni, prenotazioni e pagamenti:

Punto Touring di Napoli

Via D. Cimarosa 38 - 80127 Napoli

Lun - Ven: 9.30 / 13 - 15 / 19.30

Sab: 9.30 / 13

tel. 081.19137807

email: prenotazionitcina@gmail.com 

+ Le prenotazioni sono aperte.

Fine prenotazioni: ad esaurimento  dei posti disponibili e comunque entro giovedì 24 gennaio 2019.

Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione:

Le prenotazioni sono aperte e si chiuderanno, per esigenze dell’Hotel, entro giovedì 24 gennaio 2019.

Le prenotazioni scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento dell’anticipo pari a 150 euro a persona.

+ Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo i giorni della visita: socia attiva Lella di Lucca cell. 320.3029497

+ Guide: locali

+ Partecipanti min / max: 25 / 40

La quota comprende:

il trasporto in pullman dal punto di riunione alle località prescelte, le visite guidate come da programma, n. 3 pernottamenti con prima colazione, le cene del giovedì e del venerdì, il pranzo del sabato, come descritti, il compenso per le guide, l’assistenza del console, l’assicurazione per la responsabilità civile.

Il costo dei biglietti di ingresso è a carico dei singoli partecipanti per consentire, a chi ha diritto alla riduzione o all’esenzione, di poterne usufruire.

La quota non comprende:

la tassa di soggiorno, i biglietti di ingresso, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato. La quota non comprende l’assicurazione (facoltati va) per rimborso spese mediche, smarrimento bagagli, infortunio e annullamento del viaggio.

Il Corpo Consolare si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione. 

Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.

Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club