Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Capena: "Il Lucus Feroniae e la Villa dei Volusii"

Capena: "Il Lucus Feroniae e la Villa dei Volusii"

Dove

Indirizzo evento: 
Via Tiberina - Km 18,500

Quando

Venerdì 21 Maggio 2021
Ore 9:40

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
Ore 9:40 presso l’area archeologica del Lucus Feroniae (Via Tiberina - Km 18,500)

Contatti

Organizzatore: 
Punto Touring di Roma
Telefono di riferimento: 
0636005281
Fax: 
0636005342
Indirizzo mail: 
libreria.ptroma@touringclub.it
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
Antonello Ghera
Referente: 
Punto Touring di Roma

I Capenati facevano parte delle popolazioni italiche che prosperavano nel Lazio prima dell’avvento di Roma. Il territorio dell’antico popolo Capenate era lungo la riva destra del Tevere e determinante per la sua formazione fu la vicinanza con il fiume, importante via di traffico che permise numerosi scambi economici e culturali fino dall’Età del Bronzo. Uno dei principali centri abitati della zona era il Lucus Feroniae, importante centro di culto e commercio, oltre ad essere uno degli approdi fluviali sul Tevere già in età preromana. Il Lucus (bosco sacro) di Feronia ha origini molto antiche così come antichissime sono le origini del culto della dea. Il Santuario si trova al Km 18 della Via Tiberina, presso Scorano; l’esatta ubicazione fu individuata solo nel 1953, quando il principe Vittorio Massimo, proprietario del Castello di Scorano e dei terreni circostanti, segnalò alla Soprintendenza dell’Etruria Meridionale l’affioramento, durante i lavori per la realizzazione dell’Autostrada del Sole, di reperti archeologici. Gli scavi misero in luce i resti di una vera e propria città. La dea Feronia era soprattutto la protettrice degli schiavi liberati e di tutto ciò che sottoterra esce alla luce del sole tra cui le acque sorgive e ogni tipo di fertilità: del suolo, quella umana etc. Del luogo di culto si hanno notizie anche da alcuni storici (Dionigi d’Alicarnasso, Strabone e Livio) che affermano che il Santuario, saccheggiato da Annibale nel 211 a.C., era un centro fiorente già in epoca regia e vi si raccoglievano mercanti e fedeli dall’Etruria, dal Lazio e dalla Sabina. Il suo completo abbandono risale probabilmente al V sec. d.C. 
Grazie ad un ponte pedonale di collegamento, dotato di ascensore per i visitatori con disabilità motorie, ci sposteremo presso la vicina Villa dei Volusii appartenuta ai Volusii Saturnini, potente famiglia Senatoria. La Villa rappresenta il naturale completamento del Lucus Feroniae. In quella zona, nel periodo imperiale, sorsero numerosi latifondi e molte furono le ville, come quella dei Volusii, che vi furono erette anche allo scopo di accogliere i nobili proprietari in fuga dalle città. La villa, venuta anch’essa alla luce durante i lavori per la costruzione dell’Autostrada del Sole, fu fatta edificare dal pretore Quinto Volusio nel 50 a.C., successivamente ampliata e modificata da parte dei figli. Probabilmente la famiglia cadde in disgrazia durante le persecuzioni antisenatorie di Domiziano. La villa presenta due nuclei: uno centrale o signorile ed un altro comprendente gli ambienti servili. Giunta fino a noi ben conservata, inizialmente ebbe l’aspetto di una lussuosa abitazione di campagna, che si trasformò in un vasto complesso rurale con numerosi schiavi per la lavorazione della terra. Molti ambienti si presentano pavimentati con mosaici policromi; altri in bianco e nero.  

 

NOTE INFORMATIVE:

Modalità di prenotazione | Ci si può prenotare rispondendo a questa email (libreria.ptroma@touringclub.it) oppure telefonando allo 06-36005281. Per aderire è necessario comunicare i dati del Socio, il recapito telefonico e il metodo di pagamento prescelto tra quelli proposti.

Modalità di pagamento | Le quote di iscrizione devono essere versate esclusivamente c/o il Punto Touring di Roma in Piazza Ss. Apostoli 62/65 ENTRO TRE GIORNI PRECEDENTI LA DATA DELLA VISITA GUIDATA. Si può inoltre pagare mediante autorizzazione al prelievo da carta di credito chiamandoci allo 06-36005281 o inviando una comunicazione scritta via mail o fax al Punto Touring, oppure con bonifico bancario intestato a Touring Servizi Srl alle seguenti coordinate bancarie: Banca Intesa San Paolo codice Iban IT 64 A 03069 01629 100000017411 specificando la visita guidata e inviando la fotocopia del versamento al numero di fax 06-36005342 oppure via email a questo indirizzo.

Modalità di annullamento | Per motivi fiscali le eventuali disdette non danno diritto ad alcun rimborso. Si potrà procedere al rimborso qualora la disdetta venga comunicata CON TRE GIORNI DI ANTICIPO o ci siano le premesse per una eventuale sostituzione (lista di attesa). In caso di annullamento del corso le quote verranno rimborsate entro e non oltre 30 giorni dalla data dell’evento (qualora il pagamento fosse stato effettuato tramite bonifico, è necessario comunicare il proprio IBAN per ottenere il rimborso). 

Altre informazioni utili: 

Quota di partecipazione: € 11,00 Soci TCI  -  € 15,00 non soci
Visita guidata con un numero limitato di partecipanti, distanziamento, mascherina obbligatoria e sistemi di radio-amplificazione sanificati (€ 1,50 da pagare in loco). 

In collaborazione con: 

Vantaggio per i Soci

Quota di partecipazione ridotta.