Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Appia Day – Capua: dal Placito Capuano al Museo Campano

Appia Day – Capua: dal Placito Capuano al Museo Campano

Dove

Indirizzo evento: 
81043 Capua CE
Capua

Quando

Domenica 11 Ottobre 2020
alle ore 10 alle ore 13

Ritrovo

Come arrivare: 

- Ore 10.00 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) presso il Monumento al Placito Capuano - nei pressi della Chiesa di San Salvatore a Corte - sito Aperti per Voi del Touring Club Italiano - via dei Principi Longobardi - 81043 Capua (CE).

Ora di ritrovo: 
ore 10

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di Territorio Terra di Lavoro
Indirizzo mail: 
annamaria.troili@gmail.com
Recapito di emergenza: 
Annamaria Troili 347.3737037
Console accompagnatore: 
console Annamaria Troili
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locali

In esclusiva per i soci e gli amici del Touring Club Italiano, in occasione della terza edizione dell'Appia Day curata dal Touring della Campania, una giornata dedicata ai luoghi storici, artistici e archeologici della città di Capua.

In collaborazione con il Museo Provinciale Campano e con l'Associazione "Le Piazze del Sapere".

Capua: sita in un’ansa del Volturno è l’erede diretta della gloriosa antica Capua Etrusca Sannita e Romana distrutta dai Saraceni nell’841 d.C. L’intera “civitas”, al seguito del conte longobardo Landone, nell’856, si insedia nel sito dell’antica “Casilinum” continuando la sua storia sempre nel nome di Capua. Qui, ancora oggi, nonostante le distruzioni di guerre e terremoti, il Centro Storico conserva il patrimonio prezioso del grande passato nelle pietre dei suoi palazzi e chiese, nelle testimonianze tangibili dei Principati Longobardi e Normanni, nei resti del Castello di Federico II che la definì “chiave del regno”, nei portali e negli archi catalani e aragonesi, nella cinta bastionata coronata dal Castello di Carlo V, nella singolare Sala d’Armi borbonica e nelle preziose e uniche collezioni del Museo Campano e, infine, negli affreschi benedettini della Basilica di S. Angelo in Formis.

Chiesa di San Salvatore a Corte: nello spazio urbano una volta occupato dalla Corte dei Principi Longobardi, la Chiesa di San Salvatore fondata, secondo la tradizione, nel 960 dalla principessa longobarda Adelgrima, è la più imponente delle tre chiese a Corte del quartiere. Gli archi in facciata, le proporzioni architettoniche e numerosi elementi (come i capitelli ornamentali longobardi, il pulpito, la lastra in pietra dell'altare) immergono il visitatore in un'atmosfera altomedievale assai peculiare.

La Chiesa di San Salvatore a Corte, assieme alle Chiese di San Giovanni e San Michele a Corte, nell'ambito del Progetto Aperti per Voi, sono aperte ai visitatori, dai Volontari del Touring di Capua, tutti i sabati e tutte le domeniche dalle 10,00 alle 13,00.

Museo Provinciale Campano: istituito nel 1870 e inaugurato nel 1874 nel quattrocentesco palazzo Antignano, il museo espone eterogenee collezioni di arte antica. Si segnalano in particolare: la raccolta delle Matres Matutae, 150 statue in tufo raffiguranti donne recanti tra le braccia da uno a dodici figli, realizzate tra il VII e il I secolo a.C. e provenienti da un tempio probabilmente dedicato alla dea della fecondità; una ricca collezione di vasi, dai protostorici della civiltà del Ferro a quelli etruschi di bucchero, dai vasi greci a quelli italioti; terrecotte architettoniche, votive e figurate; una collezione di bronzi, una di monete e di medaglie; una raccolta di epigrafi dell'agro campano; mosaici provenienti da S. Angelo in Formis e da Nola; sculture medievali e rinascimentali. Una pinacoteca con opere dal XII al XVIII secolo e una biblioteca composta da circa 70.000 volumi arricchiscono il patrimonio dell'istituto.

Lello Traisci è un musicista e ricercatore musico - tradizionale che con la sua  musica popolare canta e racconta le radici storiche - culturali per ricostruire la nostra memoria. Dal suo lavoro appassionato di ricerca nasce "La storia della nostra musica popolare" su cultura e tradizioni nel Mezzogiorno, con una parte ampia dedicata a Terra di Lavoro visto che il giovane cantautore, d'origine napoletana, e residente a Castelvolturno ed è lì impegnato anche nel sociale.

Altre informazioni utili: 

ATTENZIONE: LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGE NEL RIGOROSO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E LOCALI DI CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA, VIGENTI ALLA DATA DELLA MANIFESTAZIONE, ALLE QUALI I SINGOLI PARTECIPANTI SI DEVONO ATTENERE.

Programma

- Ore 10.00 : Raduno dei partecipanti (mezzi propri) presso il Monumento al Placito Capuano - nei pressi della Chiesa di San Salvatore a Corte - sito Aperti per Voi del Touring Club Italiano - via dei Principi Longobardi - 81043 Capua (CE).

Passeggiata sul Corso Appio tra Chiese e Palazzi con pietre dell'Antica fino al Museo Provinciale Campano per visita guidata alle Sale Matutae e Federiciana con reperti dell' Appia.

Al termine evento musicale presso il cortile coperto: ballate e tammurriata del M° Lello Traisci.

- Ore 12.00 : Ultimo ingresso al Museo Provinciale Campano.

- Ore 13.00 : Termine della manifestazione.

Quota di partecipazione: 5,00 a persona; pagamento il giorno della visita.

Prenotazioni: a mezzo email annamaria.troili@gmail.com

oppure a mezzo telefono 347.3737037

Trasporti: mezzi propri

Volontario Touring accompagnatore e telefono attivo il giorno della visita: console Annamaria Troili 347.3737037

Guide: locali

La quota comprende : la visita guidata come descritta, il biglietto d'ingresso al Museo Provinciale Campano, il concerto, l’assistenza del console, le assicurazioni per la responsabilità civile.

Modalità di pagamento e condizioni di partecipazione: le prenotazioni sono aperte.

Il Volontario Touring Accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario.

La manifestazione si effettua anche  in caso di pioggia.

Il Club di Territorio Terra di Lavoro del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.

Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.

Sono ammessi  i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni e, quindi, associarsi.