Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • A Novara, una rassegna teatrale per scoprire Casa Bossi, capolavoro dell'Antonelli

A Novara, una rassegna teatrale per scoprire Casa Bossi, capolavoro dell'Antonelli

Dove

Indirizzo evento: 
Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, Novara

Quando

Da Venerdì 18 Giugno 2021 a Domenica 19 Settembre 2021

Contatti

Organizzatore: 
Cabiria Teatro
Cellulare: 
cabiriateatro@gmail.com

“Una rassegna teatrale che si pone l’obiettivo di sopperire a due forti mancanze a Novara: la presenza di piccoli spazi di sperimentazione teatrale e un’offerta teatrale estiva di alto valore e continuativa". Così i direttori artistici Mariano Arenella ed Elena Ferrari introducono la rassegna teatrale "Le notti di Cabiria - Una città che sogna", realizzata in collaborazione con il Comitato d’amore Casa Bossi. "Il nostro scopo è quello di innescare dinamiche virtuose con effetti permanenti sul tessuto culturale e sociale della città. Altro obiettivo è quello di unire il mondo degli appassionati ed esperti di teatro a tutte le fasce di pubblico che invece ne rimane solitamente escluso. E poi, vorremmo sopperire alla stasi dell'immaginazione che la paura di quest'ultimo anno e mezzo ha creato. Lo stare chiusi e davanti ad un pc ha ridotto la nostra capacità immaginifica e con questa rassegna, con il laboratorio sui sogni, con gli spettacoli per bambini, i focus sui diritti individuali, vogliamo continuare a immaginare ciò che non c'è, o che non c'è ancora".
 
Ben 17 gli spettacoli in cartellone da giugno a settembre 2021. Tra questi, 8 spettacoli per bambini e bambine, preceduti da un laboratorio teatrale a tema per riscoprire la gioia delle proprie emozioni e dell’incontro con gli altri. È poi la location a essere eccezionale: gli spettacoli si tengono a Casa Bossi a Novara, uno dei più bei palazzi neoclassici d’Italia, frutto dell’avveniristica genialità architettonica di Alessandro Antonelli, capace di unire lo splendore del neoclassicismo alla composta eleganza dell’Ottocento. I suoi ampi spazi e la sua suggestiva architettura ne fanno un teatro naturale. Ricordiamo che Casa Bossi è accessibile al pubblico soltanto in occasione di eventi e durante il finesettimana per visite guidate. 
 

Foto di Franco Bordino/casabossinovara.com

GLI INCONTRI PRE-SPETTACOLO
Anche quest’anno, tutti gli spettacoli serali saranno preceduti da un incontro di approfondimento sul tema trattato. Si inizia alle 18.45 per discutere e approfondire la propria conoscenza sulle tematiche affrontate dagli spettacoli. Uno degli incontri sarà coordinato dal Festival dei Diritti Umani di Milano. Elisa Gianni intervisterà il 2 luglio Diego Mesa dell'Osservatorio giovani dell'Istituto Toniolo sull’annosa tematica dei Neet e dei problemi delle nuove generazioni. Particolare attenzione merita poi il progetto “Mafie al nord”, sostenuto dalla Fondazione Banca Popolare di Novara e progettato insieme a Libera Novara, che prevede un intero pomeriggio di focus group con ragazzi e ragazze divisi per tavoli di lavoro, stimolati e coordinati dai volontari di Libera, finalizzato all’elaborazione di spinti di riflessione e domande da sottoporre agli sopiti della serata: Mario Andrigo, sostituto procuratore a Novara, per nove anni direttore distrettuale antimafia alla procura di Reggio Calabria; Mimmo Rossi, consigliere della Regione Piemonte e vicepresidente della commissione antimafia Piemonte; Fabio Nicola, direttore di Cascina Caccia, luogo simbolo dei beni confiscati alle mafie e restituiti alla comunità. 

Altro focus molto importante è quello sui cambiamenti climatici. In occasione dello spettacolo “Un pianeta ci vuole” di e con Ugo Dighero e Daniele Ronco, parte del pubblico sarà invitato a pedalare su delle speciali biciclette che andranno ad alimentare gli impianti audio e luci dello spettacolo. Una serata, dunque, completamente ad impatto zero, anticipata da un intero pomeriggio di laboratori e momenti di discussione progettati in collaborazione con Frideys For Future Novara. Cabiria Teatro, peraltro, si impegna quest’anno a intraprendere un percorso di formazione organizzato della Fondazione Compagnia di San Paolo che ha come obiettivo quello di ridurre l’impatto delle nostre attività: mobilità, riciclo, sostenibilità sono alcuni dei punti su cui Cabiria si interrogherà coinvolgendo anche il suo pubblico, per una riflessione collettiva “virtuosa” su questo importante argomento.

TURISMO, CULTURA, INCLUSIONE
Tre parole chiave che nel prossimo futuro entreranno nel vocabolario di tutti gli operatori teatrali, declinate da Cabiria teatro con la previsione di due tipi di pacchetti turistici che pongono al centro Casa Bossi. Fulcro del pacchetto 1, una esperienza tattilo sensoriale nel bosco di Borgo Ticino; nel pacchetto 2 visita guidata ad un produttore locale di vini, formaggi o salumi con assaggio dei prodotti a cura di Slow Food. Entrambe le esperienze sono seguite dall'arrivo a Casa Bossi per una breve visita guidata, cena a cura di Slow Food con prodotti del presidio locale, spettacolo di teatro. Questi due pacchetti saranno caricati sul sito www.visitpiemonte.com che permetterà uno sconto del 50% per tutti coloro che lo acquisteranno prima del 31 giugno.


La cupola di San Gaudenzio a Novara, vista dal cortile di Casa Bossi durante una performance (foto Novaratoday.com)

INCLUSIONE A 360 GRADI
Da segnalare anche l'avveniristico progetto per gli spettatori non-vedenti. Anche quest’anno tutti gli spettacoli, compresi quelli per bambini, saranno audio descritti in diretta per il pubblico non vedente. Questo progetto, intitolato “Le notti per tutti”, sostenuto dalla Fondazione Comunità Novarese onlus e costruito insieme ad UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) di Novara, permette ormai da 3 anni la fruibilità degli spettacoli anche a persone solitamente escluse dai momenti culturali della città. Gli spettacoli saranno fruibili anche da spettatori non vedenti o ipovedenti grazie a una cuffia bluetooth collegata ad un professionista che descriverà tutto ciò che potrà rendere più efficace la comprensione dello spettacolo. Movimenti, cambi scena, espressioni del viso e del corpo, costumi, e tutti gli elementi visivi fondamentali.

Le possibilità di inclusione si moltiplicano e, novità di quest’anno, tutti gli spettacoli indirizzati ai più piccoli saranno trasmessi in diretta presso il Reparto di Pediatria dell’Ospedale “Maggiore della Carità” di Novara. Grazie, infatti, alla collaborazione con la Dott.ssa Ivana Rabbone e con l’Ass. Nova che si occuperà della regia streaming, anche i bambini ricoverati potranno sentirsi effettivamente parte di quella comunità che li attende fuori. La partecipazione sarà resa più attiva da un’educatrice presente in reparto che stimolerà i piccoli spettatori a interagire con lo spettacolo con reazioni live e a fare domande alle compagnie a fine spettacolo. Anche questo progetto è reso possibile dal sostegno di Fondazione Comunità Novarese onlus.


 
GLI SPETTACOLI DELLA RASSEGNA
Maggiori informazioni su www.cabiriateatro.com
 
18 giugno e 19 giugno ore 18 e 21 - THE WALK
Compagnia Cuocolo/Bosetti
Spettacolo itinerante e con il pubblico, composto da massimo 25 spettatori, invitato a camminare insieme nel centro della città. Mettersi in cammino significa da sempre un rivolgimento, verso se stessi e il proprio mondo. Camminare è una modalità del pensiero. E’ un pensiero pratico. E’ un triplo movimento: non farci mettere fretta; accogliere il mondo; non dimenticarci di noi strada facendo. L’uomo scopre nel mondo solo quello che ha già dentro di sé; ma ha bisogno del mondo per scoprire quello che ha dentro di sé. Un’attrice ci guiderà in questo viaggio e il pubblico la seguirà ascoltandola attraverso cuffie bluetooth.
 
25 giugno, ore 21.30 - ASPIDE. GOMORRA IN VENETO
“Abbiamo deciso di concentrare le nostre operazioni nel nord-est perché qui il tessuto economico non è così onesto.” Sono queste le parole di Mario Crisci, l’inquietante figura che sta a capo della società Aspide, il gruppo di persone affiliate al clan dei Casalesi, che tra il 2009 e il 2011 misero in ginocchio oltre 130 imprenditori di diverse regioni italiane. Dalle parole del boss Crisci la compagnia Archipelagos Teatro decide di raccontare questa storia, raccontarla perché non si ripeta
 
2 luglio, ore 21.30 - DOPODICHE’ STA SERA MI BUTTO
di Generazione Disagio. Scritto da Enrico Pittaluga, Riccardo Pippa, Alessandro Bruni Ocana, Graziano Sirressi e Luca Mammoli con Grazia-no Sirressi, Enrico Pittaluga, Luca Mammoli, Andrea Panigatti.
Spettacolo che affronta in maniera ironica, graffiante e provocatoria la difficile situazione della generazione che si affaccia ora al mondo del lavoro.
 
9 luglio, ore 21.30 - I MERCANTI DI LIQUORE - Concerto e parole
 
16 luglio, ore 21.30 - UN PIANETA CI VUOLE
Scritto e diretto da Ugo Dighero e Daniele Ronco, regia Carlo Roncaglia.
Spettacolo ad impatto ambientale zero dove il pubblico dovrà pedalare su delle speciali biciclette collegate ad un genera- tore per alimentare gli impianti di luce e audio.
 
23 luglio, ore 21.30 - FARSI FUORI
Con Luisa Merloni e Marco Quaglia / Voce Alessandra Di Lernia / Testo e regia Luisa Merloni.
Farsi fuori nasce da una semplice domanda: siamo la prima generazione che sceglie davvero se essere madre o no? E come si arriva a questa scelta? In che termini viene posta la domanda? Cosa accadrebbe se una donna di oggi, moderna ed emancipata, magari proprio un’artista contemporanea, si trovasse di fronte all’arcangelo Gabriele venuto per farle l’Annunciazione? In una società che vede forse per la prima volta una generazione di donne ritardare sem- pre più la scelta di diventare madri, la maternità, come scelta, come dovere, torna ad essere tema discusso e controverso nonchè un nodo nevralgico dove si scontrano spesso visioni differenti sulla vita, la religione, la spiritualità.
 
3 settembre, ore 21 - PSYKE’
Tratto dai racconti di D.H. Lawrence di Collettivo Ensemble. Adattamento e regia Gerlando Marco Orlando con Silvia Giraldo, Daniele Bacci, Francesco Pizzeghello, Giorgio Lazzara, Gerlando Marco Orlando, Rachele Leotta. Visita guidata teatralizzata al piano terra di Casa Bossi. I temi del percorso saranno la violenza di genere e l’empowerment femminile in parte, esito di un contest pubblico.
 
10 settembre, ore 21 - IN MACCHINA
Di Enrico Petronio, con Mariano Arenella e Elena Ferrari. Produzione Cabiria Teatro.
Un uomo, una donna, un’auto. Esperi-mento di teatro che usa una location naturale e realistica, sipotrebbe dire “cinematografica”. Quasi il piano sequenza di un film in cui i due protagonisti si cercano, urlano, litigano, si arrabbiano e si amano.
 
17 settembre, ore 21 - LA BANCA DEI SOGNI
Di Domesticalchimia, Con Laura Serena, Davide Pachera, Federica Furlani. Regia Francesca Merli.
La compagnia milanese Domesticalchimia si cimenta con uno spettaco- lo/inchiesta che prende il via dall’omonimo libro di J. Duvignaud e F. Corbeau. La banca dei sogni è un progetto di inclusione sociale che agisce su un territorio con lo scopo di raccogliere, tramite interviste, le esperienze delle persone che ci vivono, in questo casodei novaresi. Le storie più significative sono portate in scena, con la partecipazione stessa di coloro che desiderano condividerle. Lo spoglio delle interviste e la ricostruzione dei materiali raccolti definisce la drammaturgia della rappresentazione.



GLI SPETTACOLI DI EVVIVA!
Rassegna di teatro musica e circo per bambini a Casa Bossi. Un progetto Cabiria Kids
Maggiori informazioni su www.cabiriateatro.com

Domenica 27 GIUGNO Ore 17:30
IL GATTO E LA VOLPE. ASPETTANDO MANGIAFUOCO
Teatro del Cerchio. Con Mario Aroldi e Mario Mascitelli regia Silvia Nisci
Tutto si svolge su una panchina e un piccolo alberello dove i due, in attesa che arrivi Mangiafuoco per offrir loro qualche “lavoretto”, si raccontano la loro vita passata e dicome si siano ridotti in quello stato. Vorrebbero andare via ma non riescono perché capiscono che in quel luogo sta accedendo qualcosa di importante e sta nascendo una nuova amicizia. La storia strizza l’occhio ad “Aspettando Godot”, riletta in chiave più divertente per poterla adattare a un pubblico di giovanissimi.

Giovedì 1 Luglio Ore 9:30
LE STREGHE

Di Roald Dahal. Regia Manuel Renga. Con Sara Dho e Roberto Dibitonto. Produzione Chronos3. “Streghe” è una storia meravigliosa, dolce, divertente, avventurosa, amara, importante perché parla dei bambini, delle loro paure ma anche di tutti noi, e delle streghe che dobbiamo affrontare ogni giorno. Parla anche di diversità: è oggi più che mai necessario parlare di diversità, e di come essa sia una forza, una risorsa, sia l’origine della creatività che può salvare l’uomo. Il protagonista, trasformato in un topolino, si ritroverà alla fine a chiacchierare con la nonna che gli chiederà: “Sei sicuro che non ti dispiaccia essere un topolino per tutta la vita?” E lui, con la più assoluta serenità e gioia risponde: “Certononna! Non importa chi sei o che forma hai, l’importante è che ci sia qualcuno che tivuole bene”. Sta in tutti noi voler bene, aprire il nostro mondo alla gentilezza e sconfiggere la cattivissima strega suprema della discriminazione.

Giovedì 8 Luglio Ore 9:30
LA BOTTEGA FANTASTICA

Regia, arrangiamento e al lestimento: Alessandro Ferrara attore, mimo, marionettistaaccompagnato dalla pianista concertista: Antonietta Incardona. Da una cesta pronta per essere spedita, una marionetta si muove e dichiara il suo amore alla compagna-ballerina. In questa semplice storia, riverbera tutta la sapienza musicale di un Rossini che ha scelto proprio il “giocattolo” per veicolare il messaggio di una musica “animista” e quindi “trasformatrice" dell’essere umano. La Bottega Fantastica è un esempio di teatro musicale che annuncia il “moderno”. I personaggi, in altre parole, non restano ancorati al loro destino, ma diventano artefici del proprio cambiamento.

Giovedì 15 Luglio Ore 9:30
L’ASINO D’ORO
!
Commedia dell’arte. Compagnia Atelier teatro (Mi). Scritto da Ruggero Caverni. Regia di Ruggero Caverni, con la consulenza di Carlo Boso, Musiche dal vivo: Stefano Gerace. Cast Francesco Arioli, Ruggero Caverni, Giulia Castelli, Stefano Gerace e Giulia Salis. Assisteremo alla favola di Amore e Psiche e parleremo con la luna, grazie alla quale potremo finalmente liberare Lucio dall’incantesimo.
 
Giovedì 22 Luglio ore 9:30
IL SIGNOR NESSUNO

Con Marco Giannini. Regia Enzo Valeri Peruta: La pulce Teatro. Ispirato all’Odissea e alla figura di Ulisse. Un bambino alle prese con il difficile compito di riassumere l’Odissea, si trova coinvolto in una fantastica avventura, fra giganti, eroi, mostri, streghe e sirene. L’Odissea di Omero, primo romanzo della storia d’Occidente, viene riproposto qui in forma di racconto teatrale, in chiave moderna e con l’aggiunta di un po’ di ironia: stravolto ma nello stesso tempo fedele all’originale. Un’occasione per riscoprire una straordinaria vicenda di passione e di coraggio, una storia adatta a tutti, scritta quasi tremila anni fa ma ancora coinvolgente e attuale

Domenica 5 settembre ore 17:30
FISH AND BUBBLES
!
Di e con Michele Cafaggi. Regia di Ted Luminarc.
Uno spettacolo fatto di teatro, magia e di bolle. Oggi splende ilsole, ma non per tutti! Un Pescatore della domenica èperseguitato da una nuvolettadispettosa che lo innaffia ovunque vada. Ma non c'è nullada temere lui non si dispera, luiè fatto di sapone e i suoi pensieri sono bollicine colorate e per lui la pioggia è una ghiotta occasione per mostrarvi i suoi giochi preferiti!
 
Domenica 12 settembre ore 17:30
KALINKA

Uno spettacolo che, attraverso il clown musicale, esplora la storia di una coppia di artisti ben assortita che ha del Felliniano: lui (Mascherpa) è uno sgangherato impresario- presentatore-spalla, lei (Maila Zirovna) è una non meno pasticciona primadonna venuta-scappata- scacciata, vai a capire, dalla grande tradizione circense della Russia sovietica. In KALINKA la musica dal vivo si intreccia con gags, tormentoni, acrobazie aeree e giocolerie.

Domenica 19 settembre ore 17:30
IL GIROVAGO

Di e con Sasha Trepletti.
Tratto da “Il giro del mondo in 80 giorni”
Liberamente tratto dal Giro del Mondo in 80 giorni di Jules Verne, nasce "GiroVago alias il mio viaggio" che rappresenta il primo spettacolo diversamente teatrale di Sacha Trapletti che rielabora il conosciutissimo testo in un’avventura vissuta in prima persona nella prospettiva di uno o più personaggi di quel tempo. Più che tra il mondo però si GiroVaga tra le persone, le usanze e i costumi, che si incontrano nei modipiù bizzarri e stravaganti.