Scopri il mondo Touring
  • Community
  • Voci del territorio
  • >
  • Toscana
  • >
  • Il convegno dell’Associazione nazionale Case della Memoria a Pistoia, Capitale italiana della cultura 2017

Il convegno dell’Associazione nazionale Case della Memoria a Pistoia, Capitale italiana della cultura 2017

Gianluca Chelucci
Giovedì, 4 Maggio, 2017

Pistoia - Capitale Italiana della Cultura 2017 è stata scelta come sede del convegno “L'Italia delle case: la proposta dell'Associazione Nazionale Case della Memoria”.  

L’appuntamento è fissato per sabato 6 maggio alle ore 10 presso l’Auditorium della Fondazione della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia (Palazzo de’ Rossi, via de' Rossi 26 - ingresso libero), dove verranno presentati i dati relativi ai visitatori delle case-museo aderenti all’associazione durante il 2016.

L’incontro si aprirà con i saluti di Adriano Rigoli, presidente dell'Associazione Nazionale Case della Memoria, di Samuele Bertinelli, sindaco di Pistoia, e del presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani. Claudio Rosati, componente del Comitato scientifico dell’Associazione, parlerà di “Capitali e periferie. L'Italia dei luoghi e le sue risorse”; il vicepresidente Marco Capaccioli, interverrà su “Le case dei grandi personaggi per il turista del terzo millennio”. Gianluca Chelucci, autore di studi sull’artista, presenterà la figura di “Italo Zetti e la Casa del Ricordo di Casore del Monte”. Seguirà un dibattito tra i curatori delle case museo presenti alla riunione. A tirare le conclusioni sarà il presidente Adriano Rigoli.

Il programma proseguirà alle 12.30 con la visita dell’altana del Palazzo de’ Rossi, da cui si gode una suggestiva vista della città, e della vicina chiesa di Sant’Andrea con il celebre pulpito di Giovanni Pisano, capolavoro del gotico italiano. La riunione si concluderà nel pomeriggio con la visita alla casa museo Sigfrido Bartolini, che assieme a casa Zetti costituisce la seconda casa museo del territorio pistoiese aderente al circuito dell'Associazione Nazionale Case della Memoria.

L’Associazione Nazionale Case della Memoria riunisce 61 case museo di 11 regioni italiane (Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Basilicata, Sicilia e Sardegna) che hanno deciso di lavorare insieme a progetti comuni e per promuovere questa forma museale in maniera più incisiva anche in Italia. Abitazioni legate a tanti personaggi della cultura italiana: Dante Alighieri, Giotto, Francesco Petrarca, Giovanni Boccaccio, Francesco Datini, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli, Francesco Cavassa e Emanuele Tapparelli d’Azeglio, Agnolo Firenzuola, Pontormo, Benvenuto Cellini, Filippo Sassetti, Lorenzo Bartolini, Silvio Pellico, John Keats e Percy Bysshe Shelley, Francesco Guerrazzi, Giuseppe Verdi, Elizabeth Barrett e Robert Browning, Pellegrino Artusi, Corrado Arezzo de Spucches e Gaetan Combes de Lestrade, Giosuè Carducci, Sidney Sonnino, Giovanni Pascoli, Giacomo Puccini, Ferruccio Busoni, Maria Montessori, Enrico Caruso, Renato Serra, Giorgio e Isa de Chirico, Antonio Gramsci, Raffaele Bendandi,  Piero Bargellini, Enzo Ferrari, Primo Conti, Leonetto Tintori e Elena Berruti, Indro Montanelli, Italo Zetti, Ivan Bruschi, Ilario Fioravanti, Goffredo Parise, Barbara Marini Clarelli e Francesco Santi, Loris Jacopo Bononi, Giorgio Morandi, Sigfrido Bartolini, Venturino Venturi, Luciano Pavarotti, Robert Hawthorn Kitson con Frank William Brangwyn e Daphne Phelps, Elémire Zolla, Toti Scialoja e Gabriella Drudi, Gabriele D’Annunzio (il Vittoriale degli Italiani), Papa Clemente XII, Giacinto Scelsi e Giulio Turci, Filadelfo e Nera Simi, Secondo Casadei, Carlo Levi, Domenico Aiello e Michele Tedesco.

Per saperne di più: www.casedellamemoria.it