Scopri il mondo Touring

Castellammare del Golfo ed Alcamo

Fabio Rocca
Martedì, 10 Ottobre, 2017

Sabato 7 ottobre scorso il Club di Territorio di Palermo del Touring Club Italiano ha partecipato ad una visita guidata a Castellammare ed Alcamo, due interessanti località della provincia di Trapani.

A Castellammare i circa 50 partecipanti, tra soci e simpatizzanti, hanno potuto ammirare, nella Chiesa Madre, la cinquecentesca statua maiolicata della Madonna de Rosario e gli affreschi di Giuseppe Tresca, realizzati in collaborazione con il Velasquez di cui Tresca fu maestro. Sull'altare maggiore, un prezioso crocifisso in sughero, che per la sua rara fattura ricorda il Cristo del Pollarolo in San Lorenzo a Firenze.

Quindi, percorrendo le strade della cittadella fortificata, si è giunti sino al castello, antico baluardo arabo, appartenuto in seguito ai normannie agli svevo.Il Castello si erge solenne alle falde del monte Inici e sovrasta il porto di Castellammare. Ai piedi della fortezza, la piccola chiesa della Madonna del Rosario che contiene un bassorilievo del Gagini e, in un angolo, una Madonna nera con bambino, detta la Madonna dell'Agnuni (dell'angolo).

Giunti, così, all'ora del pranzo, ci si è concessi una piacevole sosta in un ristorante in pieno centro cittadino.

La giornata è proseguita nel pomeriggio con la visita di Alcamo, accompagnati da un colto e solerte conoscitore della città e della sua storia, il dott. Luigi Culmone.

Prima tappa, il Castello dei Conti di Modica, imponente maniero medievale che appartenne a nobili famiglie e che ospitò eminenti personaggi, quali l'imperatore Carlo V. Oggi è sede di vari musei ed ospita anche una esposizione permanente di pupi siciliani, compreso un tipico teatrino. In seguito la visitaè proseguita nella Basilica della Madonna dell'Assunta, edificata nel XIV secolo e ricostruita più volte nel corso dei secoli seguenti. All'interno preziosi affreschi del Borremas, varie opere del Gagini ed anche una mderna cappella realizzata dall'architetto Portoghesi in memoria di Don Rizzo. La chiesa custodisce, anche, un interessante Museo di Arte Sacra.

Alla fine prima del rientro, passeggiando per le piacevoli vie di Alcamo, si è attraversata la Piazza Ciullo d'Alcamo, cuore della città, ricca di facciate di palazzi della nobiltà locale.

Infine un pò stanchi, ma molto soddisfatti ci si è avviati sulla via del ritorno.

(Vera Perlini)