Scopri il mondo Touring

Visite Touring: LA NECROPOLI DI PORTUS - Sabato 31 Maggio 2014

Isabella Vecchiarelli
Giovedì, 29 Maggio, 2014

INIZIATIVE DEL CORPO CONSOLARE DEL LAZIO IN COLLABORAZIONE CON IL PUNTO TOURING DI ROMA. A CURA DELLE ASSOCIAZIONI ARTEFACTO E TEVERENOIR.
(Console Organizzatore: Dr Antonello Ghera)

La necropoli di Isola Sacra è uno dei sepolcreti meglio conservati del mondo. Era attraversata da una strada lastricata con marciapiede, che congiungeva il Porto ad Ostia per mezzo del ponte di Matidia. La via, a doppia carreggiata, presenta ai lati tombe sopra terra disposte come da tradizione a costituire una città dei morti che è sopravvissuta alla città dei vivi. Il sito ci restituisce una visione completa del rapporto dei romani con l’aldilà, dai riti funerari alle tipologie dei monumenti sepolcrali con il loro splendido apparato decorativo. I resti archeologici appartengono al vasto cimitero dell’antica Portus che divenne il maggior approdo del Mediterraneo scavalcando in importanza l’antico scalo di Ostia.
La necropoli è attraversata dalla via Flavia che collegava Ostia con Portus e che, risistemata da Settimio Severo, divenne parte della via Severiana. Le tombe ai lati della strada rispecchiano lo status dei loro proprietari: sono presenti sepolture semplici di plebei contrapposte ad altre lussuose e riccamente decorate appartenenti a ricchi commercianti. Interessanti sono le iscrizioni e i rilievi che ci raccontano i mestieri dei defunti: trattandosi di una città marinara, abbondano i riferimenti ai mestieri di mare. Particolarmente suggestive le scene in cui vengono rappresentati i defunti all’opera: un’ostetrica che assiste al parto, un chirurgo nell'atto di operare, un fabbro, un commerciante di grano, etc.
Non si può non sostare qualche minuto di fronte ai resti delle sepolture più semplici e anonime, rappresentate da anfore riutilizzate come contenitori delle ceneri del defunto che forse in vita ne aveva trasportate tante dalle navi ai magazzini e che ora, come una nemesi, lo accompagnano anche nell’ultimo viaggio.
Nelle vicinanze si trova Sant’Ippolito. Si tratta probabilmente dei resti di una vera e propria città medioevale sviluppatasi intorno all’antica cattedrale di Porto.

Appuntamento ore 10:15 all’ingresso del sito (Via Monte Spinoncia, 52 - Isola Sacra - Fiumicino)

Come arrivare:
Seguire via della Scafa poi sottopassare il Viadotto di via dell’Aeroporto per proseguire su via Redipuglia che attraversa campi aperti. Svoltando a destra per via Cima e poi ancora a destra per via Monte Spinoncia si giunge all’ingresso della Necropoli di Porto.
E’ raggiungibile anche seguendo via della Scafa che dagli Scavi di Ostia conduce all’Aeroporto di Fiumicino: prima di attraversare la Fossa Traiana e la Portuense, si tenga d’occhio un serbatoio sopraelevato sulla destra. Accanto allo stabilimento una strada (via Cima poi a sinistra via Monte Spinoncia conduce all’ingresso degli Scavi).

Quote: Socio e accompagnatore: € 13,00 Non Socio: € 16,00

Informazioni e prenotazioni:
Punto Touring: Viale Giulio Cesare, 100 - Roma
tel. 06-36005281 e-mail: libreria.ptroma@touringclub.it