Scopri il mondo Touring

Il Patrimonio botanico di Villa Torlonia, fra storia e natura

Elisa Bucci
Martedì, 27 Gennaio, 2015

Sabato 24 gennaio abbiamo ripreso i nostri incontri. Grazie al Servizio Giardini del Comune di Roma e al Dott. Lipoli che ci ha guidati con professionalità e simpatia, abbiamo potuto apprezzare il patrimonio botanico della splendida Villa Torlonia e conoscerne la storia. E' stata una visita  particolarmente interessante e nei prossimi mesi organizzeremo altri incontri per approfondire la conoscenza del patrimonio botanico della nosta città !

Il parco di Villa torlonia è stato oggetto di continue e importanti opere di abbellimento a partire dai primi anni dell’800, con gli interventi di Giuseppe Valadier, per poi proseguire nei successivi anni ’30 dell'800 con Giuseppe Jappelli, e poi ancora agli inizi del ‘900. Purtroppo i successivi eventi produssero molti danni al patrimonio botanico, come anche alle opere e agli edifici presenti nella Villa. Dal 1977, con l’acquisto di tutto il complesso monumentale, il Comune di Roma ha realizzato ingenti opere di restauro sui manufatti ed ha riportato al suo splendore il giardino paesaggistico all’inglese.

Villa Torlonia oggi occupa una superficie di più di 13 ettari; situata in una zona di Roma densamente popolata, rappresenta un polmone verde di estremo interesse.

Tra gli alberi d’alto fusto, abbiamo potuto ammirare le conifere (rappresentate da esemplari centenari di Pino domestico, dal Pino d’Aleppo, dal Pino americano), uno splendido Cedro del Libano e, tra le specie tipiche del clima mediterraneo,  esemplari di Leccio, Olivo, Alloro e Oleandro. Particolare interesse hanno suscitato, inoltre, le diverse specie di Palme.

Molte altre essenze arbore, quali ad esempio Tigli, Magnolie e Castagni oltre a molti alberi da frutta, rendono il parco un luogo particolarmente affascinante.