Scopri il mondo Touring

Liberiamo la Bellezza

Elio Torlontano
Martedì, 7 Novembre, 2017

Il convegno, indetto dal Club di territorio di Pescara nel giorno del 123° compleanno del Touring, richiama l’attenzione ai cavi elettrici e telefonici che deturpano i centri storici, recando offesa alla bellezza di scorci, strade, piazze, facciate di palazzi, ornamenti plastici e portali di valore storico-artistico.

L’appuntamento è a Pescara, nella Sala dei Marmi – Tinozzi del Palazzo della Provincia, alle 17.30 di mercoledì 8 novembre.

I cavi non sono gli unici detrattori degli ambienti urbani, e del paesaggio in generale, ma sono tra quelli più invadenti. L’averli sotto gli occhi tutti i giorni può non farli notare più dai residenti, mentre al visitatore non sfuggono affatto, come pure appaiono in tutta la loro arrogante presenza attraverso l’obiettivo di chi fotografa.

Se la responsabilità è istintivamente riconducibile alle imprese dei servizi elettrici e telefonici che posano e tendono i cavi senza rispetto per l’estetica e il valore storico e culturale dei luoghi – afferma Elio Torlontano, console regionale del Touring Club Italiano –, sono colpevoli almeno di noncuranza e sciatteria i Comuni e la Regione, ma anche i cittadini e gli stessi proprietari degli immobili, che non si rendono conto della grave perdita di valore che arrecano al patrimonio comune.

I lavori saranno aperti dalla proiezione di 100 foto di casi emblematici, scattate in una ventina di centri storici della regione. Antonio Bini, socio Touring di vecchia data, storico ed esperto di cultura e turismo, ricorderà quanto sia sempre potente l’attrazione esercitata dal paesaggio italiano sui visitatori stranieri di oggi come di quelli di ieri, rivolta anche agli angoli più nascosti del Bel Paese. Un valore che deve essere preservato per il futuro.

È atteso l’intervento del Presidente della Regione Luciano D’Alfonso, mentre hanno confermato la loro presenza il Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, il Presidente dell’ANCI regionale Luciano Lapenna, l’Arch. Roberto Orsatti funzionario della Soprintendenza archeologia, belli arti e paesaggio dell’Abruzzo e sono stati invitati Enel e Telecom Italia.

Stimolato anche dall’indicazione di casi virtuosi da imitare e diffondere recuperando la consapevolezza del bello, seguirà il dibattito con la partecipazione del pubblico teso a individuare misure per liberare i nostri centri storici restituendo loro la bellezza offesa dall’intrigo dei cavi.

Il convegno, che gode del patrocinio della Provincia di Pescara, è aperto a tutti, in particolare a architetti e urbanisti e a quanti hanno a cuore la preservazione e la valorizzazione dei centri storici.