Scopri il mondo Touring
  • Sponsor
  • Repubblica Dominicana: mix di storia, arte,cultura, tradizioni, musica e gastronomia

Repubblica Dominicana: mix di storia, arte,cultura, tradizioni, musica e gastronomia

13 Aprile 2015
Mix esplosivo
di storia, arte, cultura, tradizioni, musica e gastronomia, questo e molto altro è la Repubblica Dominicana. L’influenza di europei, africani e del gruppo indigeno degli indiani Taíno, si intrecciano e trovano espressione nell’identità del popolo dominicano. Tutti questi influssi hanno contribuito allo sviluppo della storia dell’isola dando vita alla sua unica e vivace cultura. Tracce del passato coloniale e i resti degli indiani Taino che abitavano l’isola prima della conquista spagnola si fondono insieme in un affascinante percorso. Oggi la Repubblica Dominicana vanta una raccolta ampia di siti storici e reliquie culturali attentamente conservate. 
 
La capitale Santo Domingo, prima città fondata nelle Americhe, offre un’ampia raccolta di musei e siti storici d’interesse. La parte coloniale ospita al suo interno la prima strada, il primo ospedale, la prima università e la prima cattedrale costruiti nel nuovo continente dove un tempo passeggiavano i conquistadores spagnoli. Nei musei l'identità dominicana si esprime attraverso oggetti antichi, documenti, tele, sculture, costumi, pittogrammi indigeni e arredi provenienti da diversi secoli e religioni.
 
Il mito dell’esistenza degli indiani Taíno è visibile nei numerosi siti archeologici e nelle grotte sparse sul territorio dove sono raffigurate elaborate pitture murali e incisioni o raccolte di manufatti della vita quotidiana.
 
Non solo monumenti, musei e aree archeologiche ma anche artigianato di qualità. L’isola offre una ricca varietà artistica tra oreficeria, manufatti di argilla, porcellana, canapa con motivi decorativi. Alla base dell’oreficeria dominicana ci sono ambra, osso, corno, guscio di cocco, rocce naturali e una pietra pectolite conosciuta come larimar di colore turchese che deriva dalla roccia vulcanica che una volta costituiva l'isola.
 
Anche la gastronomia è molto variegata e le diverse influenze hanno dato luogo ad una cucina dai deliziosi aromi e sapori. Il piatto più comune sull’isola è La Bandera, o “la bandiera”, preparato con carne, riso bianco e fagioli rossi, accompagnato da una porzione di carne (manzo o pollo) seguono i tostones (fettine di una varietà di banano), stufati e zuppe quali la zuppa sancocho, il piatto nazionale, o lo stufato asopao, capretto “mangú”, puré di banane verdi o i “pasteles en hojas”, pasticci di carne avvolti e cucinati in foglie di banano, e tanto altro ancora.
 
La Repubblica Dominicana è nota nel mondo anche per la sua musica: non c’è casa, strada o spiaggia dove non regni sovrano il suo ritmo contagioso. La musica e la danza sono il cuore della cultura dominicana e sia il merengue che la bachata sono i balli tradizionali del paese. Ogni anno a fine luglio si tiene il Festival del Merengue nella capitale che per l’occasione si anima con esibizioni folkloristiche in costume, mercatini di artigianato, feste ed eventi dedicati alla gastronomia locale.
 
Numerose anche le feste popolari e religiose in ciascuna regione dell’isola. La più importante di queste nella cultura popolare dominicana è il carnevale, una festa che ricrea libertà, integrazione e identità, dove le maschere, l'esagerazione, il sarcasmo, l'insolito, il satirico, il grottesco e l'immaginazione costituiscono le principali caratteristiche. Il carnevale viene festeggiato in quasi tutti i villaggi del paese la domenica nei mesi di febbraio e marzo. Il più importante dell’isola è quello che si tiene a La Vega, uno dei carnevali più antichi di tutto il paese caraibico, per cui la prima manifestazione pare risalga addirittura al 1520. Ben 103 gruppi, ufficialmente registrati nell’Unione Carnevalesca, danno vita a sfilate uniche il cui protagonista incontrastato è il diablo cojuelo, una suggestiva rappresentazione del mefistofelico diavolo medievale, caratterizzata da un costume spettacolare.
 
Per maggiori informazioni visita il Repubblica Dominicana www.godominicanrepublic.com o la pagina facebook dell' Ufficio del Turismo della  Repubblica Dominicana  www.facebook.com/turismorepubblicadominicana.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Testo sponsorizzato