Scopri il mondo Touring
  • Home
  • Speciale Qui Touring L'Italia delle tradizioni

Speciale Qui Touring L'Italia delle tradizioni

10 Settembre 2011

Dalla Valle d’Aosta alla Sicilia non c’è località italiana che manchi di festeggiare qualcosa. Dalla religione alla storia, dal cinema al cibo, le manifestazioni coprono tutto il calendario, per 365 giorni di appuntamenti. Alcune sono propriamente tradizionali e nascono in un antico passato che si unisce e confonde con le leggende popolari; altre sono frutto di esigenze più contemporanee e hanno i numeri per diventare le tradizioni del futuro. In ogni caso, comunque, rappresentano la sintesi perfetta dell’essere italiani. Ed è proprio per questo motivo che abbiamo scelto il tema delle tradizioni per il numero 47 di Speciale Qui Touring. Anche se effettuare una scelta non è stato certo facile: ci siamo fatti guidare non solo da riti pasquali e Carnevali, ma anche dai santi, dai fiori, dal cibo, dagli animali, dalla storia e dai popoli in un viaggio nello spazio e nel tempo, spesso emozionante, a volte cruento, altre colorato, perfino quasi comico. Perché in Italia ride bene chi ride assieme e ogni piazza ospita, con passione, una storia da raccontare.

Speciale Qui Touring L'Italia delle tradizioni è disponibile dal 10 settembre in edicola e presso tutti i Punti Touring.
Speciale Qui Touring è il bimestrale monografico del Touring Club Italiano.
 

I REPORTAGE DI L'ITALIA DELLE TRADIZIONI
Ecco che cosa troverete all'interno della rivista (e qualche anticipazione sui contenuti)


SANTI
- Catania, sentimento e devozione. Oltre il folclore, al di là del rituale: il culto di Sant'Agata è segnato da un'autentica fede popolare, manifestata da tutta una città con toni di commozione che hanno dell'incredibile. Storia di una martire, di una festa, di un momento comunitario che si rinnova nei secoli
- Novoli, il falò più grande. Il culto di Sant'Antonio Abate è da sempre legato al fuoco. Nel Salento viene celebrato con un'enorme pira di tralci secchi di vite, la cui accensione è il momento culminante di un giorno pirotecnico
- Val di Non, sulla groppa dell'orso. Un Santo misterioso, Romedio. Che affratella le popolazioni alpine da quando, nel medioevo, ammansì niente meno che un orso. A lui è dedicato un ecelettico e straordinario santuario, meta di pellegrinaggio a gennaio per migliaia di persone
- Matera, la follia dello strappo. E' la Madonna - la "Bruna", così chiamata per oscuri motivi - la protagonistra della festa più celebre della Basilicata. A Matera, il 2 lulgio, va in scena da oltre 600 anni la distruzione del suo carro: un rito di devozione e sacralità, tra tumulti e pazzie
- Top 5, in onore della Madonna

ARTIGIANATO
- Venezia, giù la maschera. Il Carnevale della laguna è uno dei più famosi al mondo anche grazie ai travestimenti. Dalla bauta ai costumi più sontuosi, viaggio dietro le quinte di chi, per passione, ogni giorno si dedica alla lavorazione della cartapesta e dei tessuti
- Top 10, made in Italy

INFIORATE
- Spello, tutto in una notte. Mesi di preparazione, pensando ai disegni più belli e raccogliendo i petali più colorati. Una sola notte per realizzare le opere, tra stanchezza, eccitazione e imprevisti dell’ultimo secondo. E poi, d’un tratto, i piedi del vescovo. Ovvero, la fine
- Genzano, vip, stilisti e... bambini. Per via Italo Belardi, a onorare una tradizione che alcuni fissano dal 1778, sono passati Garibaldi e Andersen, Guttuso e Versace. Ma soprattutto centinaia di bambini, felici di correre su un tappeto fiorito
- Top 10, di fiore in fiore

CARNEVALE
- Ivrea, l'arte di aranciarsi.
Qui Carnevale non viene una volta l'anno: per dodici mesi a Ivrea si entra e si esce da una dimensione parallela all'interno della quale sopravvivono tutti gli spicchi delle tradizioni passate, ancora in perfetta salute. Merito di tutta quella vitamina C
- Top 10, salire sul carro

CIBO
- Viterbese, le tre stellette della Tuscia. Sono passati esattamente 900 anni da quando il vescovo Defuk passò per Montefiascone e dintorni, regalando fama ai vini locali. Da allora, la cultura enologica è diventata sempre più importante. Ma qui si festeggiano anche olio, castagne e...
- Pisano, seguendo i tartufai. Sulle colline del Sanminiatese e del Volterrano si trova il ricercato (e costoso) tartufo bianco, l’afrodisiaco cibo dei re. L’occasione giusta per assaggiarlo sono gli eventi e le mostre mercato che si tengono ogni anno tra ottobre e novembre
- Trentino, alambicchi profumati. Attorno a Trento si festeggia l’arrivo dei primi freddi con una serie di manifestazioni enogastronomiche da non perdere. Soprattutto a Santa Massenza, dove l’antica tradizione delle grappe viene messa in scena con spettacoli ed eventi
- Isera, storia dell'eccellente marzemino. All’inizio della Vallagarina, in Trentino, si produce la miglior qualità di marzemino, un rosso che per secoli è stato il vanto della Repubblica di Venezia. Da qualche anno un concorso premia anche la miglior vigna, per valorizzare il lavoro e la cura del paesaggio
- Top 5, ottime specialità

SPORT
- Firenze, chiamate un medici. La città più leggiadra del mondo è nei secoli fedele allo sport più ruvido del mondo. Nel giorno del santo patrono, rugby, pugilato, wrestling e tradizione si mescolano nel calcio storico fiorentino: una lotta senza quartiere tra quattro quartieri
- Top 10, ci vuole un fisico bestiale

ANIMALI
- Valle d'Aosta, dove le mucche sono regine. Saprà Cobra difendere il suo titolo? Lo scopriremo a ottobre, quando ad Aosta andrà in scena la finale della Bataille des Reines. Una delle tradizioni più sentite della Vallée, che vede i bovini sfidarsi in scenografiche e incruente battaglie
- Cocullo, serpenti in processione. Non ci sono bisce più venerate di quelle di un piccolo paese dell'Aquilano. Dove, ogni primo giovedì di maggio, va in scena una festa unica al mondo: San Domenico sfila per le strada addobbato di rettili. In un rito dove la paura non è prevista
- Top 5, fauna tipica

PASQUA
- Calabria, debito di sangue. I riti penitenziali di flagellazione sono una tradizione nata durante la Controriforma e tramandata fino a oggi di padre in figlio. Durante la Settimana Santa, alcuni paesi della Calabria si tingono di rosso per celebrare la Madonna e la Resurrezione. E il dolore si fa strada
- Top 10, Settimane Sante

STORIA
- Liguria, medioevo sul mare. Da Ponente a Levante, la regione mostra il suo lato meno celebre ma pieno di fascino. Che ogni anno la veste di battaglie, leggende e gustose ricette, rievocate con manifestazioni dove trionfano l'amore per la storia e un sentito ritorno alle radici
- Legnano, il palio della libertà. "Dall'Alpi a Sicilia, dovunque è Legnano" recita il nostro inno, che ricorda la vittoria dei Comuni, uniti nella Lega Lombarda, sull'esercito del Barbarossa. Un evento che viene rievocato ogni anno a maggio, con un corteo storico, una gara ippica e un carnet di eventi da non perdere
- Ascoli Piceno, aspettando la Quintana. Prima domenica di agosto, in piazza del Popolo. Seduti ai tavolini di un caffè storico, si sente l'agitazione dei giorni di festa e si attendono i cavalieri al galoppo. Ascoltando racconti di rivalità e ammirando coreografie e costumi medievali
- Top 5, passato e futuro

PATRONI
- Cagliari, i miracoli di Efis. Per l'intera Sardegna, quella dedicata a Sant'Efisio è la festa più importante dell'anno. Quattro giorni di maggio in cui Cagliari vede rinnovarsi un rituale e un protocollo di sacralità immutati da secoli. E in cui la processione del santo è diventata un vero trattato di antropologia culturale
- Top 10, protettori cittadini

POPOLI
- Novellara, a casa degli indiani padani. Turbanti in testa e spade sguainate, barbe lunghe e inni in punjabi, la comunità sikh a metà aprile celebra in grande stile il Vaisakhi, la più importante festività religiosa del sikhismo. E in provincia di Reggio Emilia per un giorno sembra di essere in India
- Monrupino, un sì alla slovena. Nel Carso triestino rivive la tradizione ottocentesca slovena del Kraska Ohcet, un matrimonio in costume che dura ben quattro giorni, in cui si mangia, si balla e si corre sui carri. Meno male che si celebra ogni due anni...
- Brindisi, l'acqua santa degli ortodossi. Da dieci anni il 6 gennaio tutta la comunità ellenica del Salento si riunisce per festeggiare un’antica tradizione greca, la Theofania. Una grande festa religiosa aperta ai credenti di tutte le fedi, che prevede la benedizione delle acque e un tuffo rituale nel porto
- Top 5, orgoglio di comunità


E ancora...

Magazine - Per iniziare, gli appuntamenti che stanno entrando nella tradizione: dal Festival del cinema di Giffoni alla mostra mercato dell’economia sostenibile
Apertura - Quanto e come le tradizioni locali fanno ancora autenticamente parte del patrimonio storico e culturale italiano? Ne parla Marco Aime, antropologo
Bambini - Anche per i più piccoli ci sono momenti da non perdere
Bandiere Arancioni - I comuni con il marchio doc del Tci hanno molto da festeggiare
In pillole - Dalle zanzare alle corna: quando l’evento è al limite della follia