Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Via Francigena, la Regione Toscana mette in sicurezza il percorso per i camminatori

Oltre 380 chilometri di sentieri sicuri per chi intraprende il viaggio a piedi verso Roma

Via Francigena, la Regione Toscana mette in sicurezza il percorso per i camminatori

di 
Tino Mantarro
1 Luglio 2014
Sono secoli che in Europa si cammina sulle orme di Sigerico. Secoli che pellegrini e viaggiatori intraprendono il periglioso viaggio verso Roma, ripercorrendo almeno in parte il cammino intrapreso nel 990 dall'arcivescovo di Canterbury per ricevere l'investitura papale da Giovanni XV. Fu lui infatti a lasciare la prima descrizione dettagliata, comprese soste e punti dove rifocillarsi, del lungo percorso in 79 tappe per raggiungere il centro della Cristianità. Un cammino quella tracciato dall'arcivescovo di Canterbury che è considerato il progenitore della via Francigena come la conosciamo oggi: più che una strada sola un fascio di sentieri che portano dall'Inghilterra a Roma.
 
Un cammino che anno dopo anno diventa un'attrattiva turistica che raccoglie migliaia di camminatori, con una crescita costante delle presenze che si attesta sul 20% annuo. Ed è per questo che la Regione Toscana qualche giorno fa ha concluso il progetto di messa in sicurezza dell'intero itinerario che attraversa il suo territorio. Si tratta di 380 chilometri di sentieri messi a sistema, dal passo della Cisa a Radicofani, con interventi per il miglioramento del tracciato, la creazione di strutture di ospitalità ad hoc, che si vanno ad aggiungere alle 44 strutture di ospitalità ecclesiastica e le 1200 strutture ricettive che insistono in un raggio di un chilometro rispetto al percorso. Una volta, quando si approssimava la sera, conventi e rifugi per pellegrini suonavano la smarrita, una campana che richiamava chi ancora era in cammino e doveva cercare un rifugio per la sera. Oggi per aiutare il viaggiatore a non perdersi e a camminare senza intoppi nelle 15 tappe che scendono verso Roma, la Regione ha mappato e segnalato tutto il percorso, creando tracce Gps scaricabile dal sito ufficiale delle Vie Francigene, e altre informazioni pratiche sul tragitto.
 
 
Un tracciato antico e vario quello che attraversa la Toscana: tocca tra le altre Pontremoli, Lucca, San Giminiano e Siena, e permette di scoprire la campagna toscana, ma di godere anche del fascino e dell'accoglienza delle sue città. Ma la bellezza della via Francigena non si limita alla sola Toscana, è un percorso lungo (quasi 900 chilometri) e articolato (44 tappe) che si può affrontare grazie all'aiuto della Guida verde Touring Via Francigena che coniuga informazioni pratiche con dettagliate spiegazioni turistiche, partendo dal Gran San Bernardo e arrivando a Roma, al cospetto di San Pietro.