Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Vento, la ciclabile lungo il Po: firmato il protocollo tra governo e regioni

Primo passo concreto per la realizzazione della pista che collegherà Torino a Venezia

Vento, la ciclabile lungo il Po: firmato il protocollo tra governo e regioni

di 
Tino Mantarro
27 Luglio 2016

Tanto tuonò che infine piovve. Dopo anni di belle parole ma poche azioni concrete il governo fa un passo deciso in avanti e si impegna nero su bianco per dare avvio alla rivoluzione sostenibile e leggera di Vento. Questa mattina infatti il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Del Rio, firma con i delegati delle Regioni interessate l’intesa per dare concreto avvio alla progettazione e alla realizzazione della dorsale cicloturistica Vento.
 
CHE COSA E' VENTO
Sostenuto fin dall’inizio dal Touring Club Italiano, che ha seguito le diverse edizioni di Bicitour, Vento è il progetto di una ciclabile lungo il Po proposta dal Politecnico di Milano grazie allo sforzo del professor Paolo Pileri, docente dell’ateneo milanese e responsabile scientifico del progetto, e della sua squadra.
 
Un percorso di 679 chilometri che unisce Torino con Venezia sfruttando le strade a bassa intensità esistenti, le massicciate lungo l’argine e le ciclabili già realizzate. Un progetto che si basa su di un’idea di sviluppo turistico ed economico che sia sostenibile per il territorio, che punta a promuovere l’entroterra dell’Italia del Nord, cercando di sviluppare un’economia fatta di piccoli numeri che però sia capace di dare respiro ai piccoli comuni che si trovano lungo il corso del principale fiume italiano. Un'infrastruttura leggera (costa come due chilometri di autostrada), totalmente messa in sicurezza che aprirebbe al cicloturismo un territorio poco frequentato.
 
 
LA RETE NAZIONALE DELLE CICLOVIE
Dopo anni di incontri di sensibilizzazione, studi, progetti e proposte, pedalate su è giù lungo il Po, è un primo traguardo per il gruppo di Vento. La rivoluzione leggera a colpi di pedale e tutela del paesaggio diventa realtà.

Dopo la legge di stabilità 2016, nasce così la Rete Nazionale delle Ciclovie Turistiche Italiane. Per ora sono tre: la ciclabile del Sole, da Verona a Firenze; la ciclabile dell’Acquedotto pugliese e appunto Vento. Le buone idee hanno le gambe forti di chi le porta in giro credendoci anche quando nessun altro lo fa.