Scopri il mondo Touring

A Bologna parte la campagna promozionale per chi esce con le due ruote

Vai al cinema in bicicletta? Ecco lo sconto

di 
Tino Mantarro
22 Febbraio 2016
Ai tempi in cui il Quartetto Cetra si chiedeva «dove andassero le bellezze in bicicletta pedalando con ardor» la risposta «al cinema» non era certo una sorpresa. Oggi che i cinema arrancano e le biciclette sono state soppiantate dalle automobili la risposta invece potrebbe generare stupore. Anche se a Bologna, di per sé già una città piuttosto ciclabile, si dovranno abituare a questo genere di risposte.
 

CINEMA SCONTATO CON LA BI
È di questi giorni infatti la notizia che Legambiente e il Circuito cinema del capoluogo emiliano hanno trovato un accordo per lanciare la campagna “In bicicletta al cinema” per promuovere l'utilizzo delle due ruote a pedali associato alla passione per il grande schermo. Dal lunedì al venerdì quattro sale del centro storico garantiranno il biglietto ridotto (6 euro invece di 8) a tutti gli spettacoli per chi mostrerà alle casse la chiave del lucchetto con cui si è legata la bici. Per ora le sale che aderiscono sono Multisala Odeon (via Mascarella, 3), Rialto (via Rialto, 19), Europa (via Pietralata, 55/a) e Roma d'Essai (via Fondazza, 4). Il Comune che ha appoggiato l'iniziativa ha garantito l'istallazione di nuove rastrelliere davanti alle sale dove la disponibilità non sia sufficiente.
 
 
«A Bologna i ciclisti sono cresciuti del 42% dal 2011 a oggi – afferma l'assessore comunale alla mobilità Andrea Colombo -, ma è importante ogni ulteriore azione per aumentare ancora l'uso della bici, anche sperimentando in modo innovativo, come in questo caso, incentivi mirati da parte di soggetti privati».

«Per migliorare la qualità dell’aria nelle nostre città – dichiara Giulio Kerschbaumer, direttore di Legambiente Emilia Romagna – servono soprattutto gesti concreti. Crediamo che un piccolo sconto al cinema possa premiare tutti quei ciclisti che fanno una scelta di vita sostenibile, e allo stesso tempo favorisca l'utilizzo della bicicletta anche nei confronti di chi è ancora reticente».