Scopri il mondo Touring

In occasione dei 150 anni dalla fondazione del Politecnico

Una app per le architetture milanesi

di 
Renato Scialpi
19 Dicembre 2013

"Molti, forse troppi, milanesi e un numero ancora maggiore di visitatori della città ignorano il contributo dato alla sua architettura da un'istituzione di grande storia come il Politecnico”. Mauro Ceconello, docente del Politecnico di Milano responsabile del progetto PoliMiWalks inquadra così, in sintesi, le motivazioni che hanno portato alla creazione di una innovativa app per dispositivi mobili. Ovviamente gratuita e disponibile sia per piattaforma Apple iOs sia per Android. Un vero e proprio “regalo di Natale” col quale la prestigiosa università milanese avvia alla conclusione le manifestazioni che hanno celebrato per tutto il 2013 i 150 anni della sua fondazione.

 

Una app, PoliMiWalks, impostata in apparenza in termini ludici, tanto da presentarsi quasi come un gioco e richiedere di registrarsi con un proprio account, ma che in realtà propone con grande rigore documentario quattro passeggiate attraverso la città e le fasi della sua crescita attraverso 250 edifici “firmati” da illustri laureati del Politecnico milanese. Qualche nome? Luca Beltrami, il protagonista della trasformazione di fine Ottocento che passava dal restauro-ricostruzione del Castello Sforzesco alla realizzazione della sede del Corriere della Sera, piuttosto che Gio Ponti con la sede della (allora) Eiar e oggi Rai di corso Sempione, o ancora Luigi Caccia Dominioni col celebre palazzo di piazza S. Ambrogio.

 

“La vera sfida – sottolinea l'architetto Orsina Pierini che ha curato la selezione dei contenuti – è stata quella di circoscrivere a un numero limitato di elementi una storia di rapporto col territorio che il Poltecnico ha condotto in termini ben più estesi”. Tant'è che non è escluso che la app possa avere ulteriori sviluppi. Ma ciò che vale la pena sottolineare è la qualità dei contenuti: per un gran numero di costruzioni, infatti, sono state svolte approfondite ricerche d'archivio, così da corredare la scheda con planimetrie originali, filmati e foto d'epoca e – addirittura – gli articoli-recensione pubblicati da testate specializzate quali ad esempio Domus.

 

Info: www.150.polimi.it.